Fiat Argo Abarth: lo scorpione punge ancora? [FOTO]

Ecco il rendering della hatchback low-cost per il Sud America

Dopo la Fiat Argo ecco la versione Abarth della vettura destinata al mercato sudamericano. Andrà a sostituire la Punto con quell'aria cattiva da supersportiva compatta. Sarà destinata a competere con Polo GTI e Fiesta ST, solo ipotesi? FCA ha un'altra freccia al proprio arco.
Fiat Argo Abarth: lo scorpione punge ancora? [FOTO]

Neanche il tempo di concludere i discorsi sull’imminente comparsa della Fiat Argo, destinata al mercato sudamericano, che sul web spuntano già le prime immagini di una versione sportiva, griffata Abarth.

Si tratta, per ora, di un render, frutto della mente creativa dell’automotive designer X-Tomi, ma la notizia sta rimbalzando velocemente in tutto il mondo, facendo letteralmente “rizzare le antenne” agli amanti dello scorpione.
Un’hatcback muscolosa, compatta e cattiva nel suo sguardo d’insieme, con un frontale tagliente nello splitter anteriore effetto lip, una mascherina a nido d’ape e soprattutto quella fascia nero lucido che ricopre il centro del cofano.

I dettagli red e i cerchi in lega sono in perfetto stile Abarth. La Fiat Argo Abarth rispetta a pieno i canoni estetici che si erano visti sulla Punto (che andrà a rimpiazzare), sulla ever green 500 e sulla Fiat 124 Spider con le quali il marchio sta avendo molto successo.

Per il momento il sogno Argo Abarth rimane a forti tinte gialloverdi, la popolazione carioca è l’unica che potrà godere del modello (se mai verrà progettato), ma l’intento di FCA è palese: mettere sul mercato una possibile hatchback low-cost che possa posizionarsi accanto alla VW Polo GTI o alla Ford Fiesta ST.

Offerta Volkswagen ID.3 100% Elettrica da 299€ al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in ABARTH

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati