WP_Post Object ( [ID] => 407016 [post_author] => 63 [post_date] => 2017-06-09 18:00:13 [post_date_gmt] => 2017-06-09 16:00:13 [post_content] => Il rinnovo della patente di guida è una procedura obbligatoria per poter continuare a guidare il proprio veicolo. Tuttavia esistono delle scadenze ben precise a seconda dell’età e della categoria di patente posseduta. Vediamo quando e come rinnovare la patente di guida, quali sono i costi da sostenere e le procedure da seguire per non rischiare di circolare con la patente scaduta.  

Quando rinnovare la patente di guida

Come detto in precedenza, due sono i fattori che incidono sul rinnovo della patente di guida: l’età del conducente e la categoria di patente posseduta. A questo proposito, le patenti A e B vanno rinnovate:
  • ogni 10 anni (fino a 50 anni)
  • ogni 5 anni (tra i 50 e i 70 anni)
  • ogni 3 anni (tra i 70 e gli 80 anni)
  • ogni 2 anni (oltre gli 80 anni)
Tutte le altre categorie di patenti (C, D eccetera) vanno invece rinnovate ogni 5 anni. Riguardo alle scadenze, il decreto legge n. 5 del 9 febbraio 2012 ha stabilito che la patente di guida scade il giorno del compleanno del conducente. La modifica riguarda però solo le patenti A e B (AM, A1, A2, A, B1, B e BE) con scadenza ordinaria, cioè con durata non limitata. Nulla cambia, invece, per le patenti C e D (C1, C1E, C, CE, D1, D1E, D e DE), per le CQC (Carta di Qualificazione del Conducente) e per le patenti A e B rinnovate con visita effettuata da una Commissione medica locale o da medici Asl specialisti nell'area della diabetologia e delle malattie del ricambio. Cosa vuol dire che la patente scade al compleanno? In pratica, se una persona che compie gli anni il 15 dicembre ha una patente valida 10 anni e ha effettuato la visita di conformità il 10 ottobre 2016, avrà la patente rinnovata fino al 15 dicembre 2026, cioè per 10 anni dalla data della visita più i giorni fino al compleanno. Dai rinnovi successivi (che dovranno essere effettuati entro la data del compleanno) la patente verrà confermata per il periodo di validità ordinario calcolato a partire dalla data della scadenza e non dalla data della visita medica.  

Visita medica patente di giuda: cosa c’è da sapere

Per ottenere il rinnovo della patente di guida è necessario effettuare una visita medica presso una delle autorità sanitarie previste dall’art. 119 del Codice della strada. Al momento della visita è necessario portare:
  • un documento di identità in corso di validità
  • il codice fiscale
  • la patente che sta per scadere
  • due fototessere
  • l'attestazione del versamento di 10,20 euro sul c/c 9001 e di 16 euro sul c/c 4028 (bollettini prestampati in distribuzione presso gli uffici postali e gli uffici motorizzazione)
Come avviene la visita medica? In base alla circolare n. 17798 del 25 luglio 2011, oltre al classico esame della vista (per chi ha la patente B è richiesta la lettura non inferiore alla seconda riga con l'occhio peggiore) il medico dovrà verificare:
  • sensibilità al contrasto
  • visione crepuscolare
  • sensibilità all'abbagliamento
  • tempo di recupero dopo l’abbagliamento
Se la visita medica darà esito positivo, il medico rilascerà al conducente la ricevuta dell'avvenuta conferma della validità della patente di guida (il cosiddetto “permesso per guidare”). Dopodiché sarà la Motorizzazione Civile a spedire a casa la nuova patente. Nel caso di mancato ricevimento della patente entro 15 giorni dalla data della visita medica, il conducente potrà contattare il numero verde 800979416 (disponibile h24 e 7 giorni su 7, con risponditore automatico), che fornirà tutte le informazioni riguardanti la spedizione.  

Costo rinnovo patente: quanto si paga

Il rinnovo della patente non è gratuito ma presenta dei costi. Oltre alle già citate spese per i bollettini prestampati (rispettivamente 10,20 euro e 16 euro) e per le due fototessere (che costeranno in tutto 5 euro circa), il conducente deve anche sostenere il costo della visita medica, che varia da regione a regione e oscilla tra i 20 e i 50 euro. Se invece ci si rivolge alle scuole guida il costo è maggiore (in totale si spendono tra i 100 e i 130 euro), ma le pratiche per il rinnovo della patente sono molto più sbrigative rispetto alle Asl. E’ comunque molto meglio sostenere queste spese piuttosto che circolare con la patente scaduta, poiché chi viene sorpreso a guidare con patente scaduta rischia dai 155 ai 624 euro di multa, oltre al ritiro immediato della patente stessa. [post_title] => Rinnovo Patente: costo, scadenze, come fare visita medica e documenti [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => rinnovo-patente-costo-scadenze-come-fare-visita-medica-e-documenti [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-06-24 11:25:10 [post_modified_gmt] => 2017-06-24 09:25:10 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=407016 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 3 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Rinnovo Patente: costo, scadenze, come fare visita medica e documenti

Tutto quello chè c'è da sapere

Dalla visita medica ai costi, ecco cosa bisogna fare per rinnovare la propria patente
Rinnovo Patente: costo, scadenze, come fare visita medica e documenti

Il rinnovo della patente di guida è una procedura obbligatoria per poter continuare a guidare il proprio veicolo. Tuttavia esistono delle scadenze ben precise a seconda dell’età e della categoria di patente posseduta. Vediamo quando e come rinnovare la patente di guida, quali sono i costi da sostenere e le procedure da seguire per non rischiare di circolare con la patente scaduta.

 

Quando rinnovare la patente di guida

Come detto in precedenza, due sono i fattori che incidono sul rinnovo della patente di guida: l’età del conducente e la categoria di patente posseduta.
A questo proposito, le patenti A e B vanno rinnovate:

  • ogni 10 anni (fino a 50 anni)
  • ogni 5 anni (tra i 50 e i 70 anni)
  • ogni 3 anni (tra i 70 e gli 80 anni)
  • ogni 2 anni (oltre gli 80 anni)

Tutte le altre categorie di patenti (C, D eccetera) vanno invece rinnovate ogni 5 anni.
Riguardo alle scadenze, il decreto legge n. 5 del 9 febbraio 2012 ha stabilito che la patente di guida scade il giorno del compleanno del conducente. La modifica riguarda però solo le patenti A e B (AM, A1, A2, A, B1, B e BE) con scadenza ordinaria, cioè con durata non limitata. Nulla cambia, invece, per le patenti C e D (C1, C1E, C, CE, D1, D1E, D e DE), per le CQC (Carta di Qualificazione del Conducente) e per le patenti A e B rinnovate con visita effettuata da una Commissione medica locale o da medici Asl specialisti nell’area della diabetologia e delle malattie del ricambio.
Cosa vuol dire che la patente scade al compleanno? In pratica, se una persona che compie gli anni il 15 dicembre ha una patente valida 10 anni e ha effettuato la visita di conformità il 10 ottobre 2016, avrà la patente rinnovata fino al 15 dicembre 2026, cioè per 10 anni dalla data della visita più i giorni fino al compleanno.
Dai rinnovi successivi (che dovranno essere effettuati entro la data del compleanno) la patente verrà confermata per il periodo di validità ordinario calcolato a partire dalla data della scadenza e non dalla data della visita medica.

 

Visita medica patente di giuda: cosa c’è da sapere

Per ottenere il rinnovo della patente di guida è necessario effettuare una visita medica presso una delle autorità sanitarie previste dall’art. 119 del Codice della strada. Al momento della visita è necessario portare:

  • un documento di identità in corso di validità
  • il codice fiscale
  • la patente che sta per scadere
  • due fototessere
  • l’attestazione del versamento di 10,20 euro sul c/c 9001 e di 16 euro sul c/c 4028 (bollettini prestampati in distribuzione presso gli uffici postali e gli uffici motorizzazione)

Come avviene la visita medica? In base alla circolare n. 17798 del 25 luglio 2011, oltre al classico esame della vista (per chi ha la patente B è richiesta la lettura non inferiore alla seconda riga con l’occhio peggiore) il medico dovrà verificare:

  • sensibilità al contrasto
  • visione crepuscolare
  • sensibilità all’abbagliamento
  • tempo di recupero dopo l’abbagliamento

Se la visita medica darà esito positivo, il medico rilascerà al conducente la ricevuta dell’avvenuta conferma della validità della patente di guida (il cosiddetto “permesso per guidare”). Dopodiché sarà la Motorizzazione Civile a spedire a casa la nuova patente. Nel caso di mancato ricevimento della patente entro 15 giorni dalla data della visita medica, il conducente potrà contattare il numero verde 800979416 (disponibile h24 e 7 giorni su 7, con risponditore automatico), che fornirà tutte le informazioni riguardanti la spedizione.

 

Costo rinnovo patente: quanto si paga

Il rinnovo della patente non è gratuito ma presenta dei costi. Oltre alle già citate spese per i bollettini prestampati (rispettivamente 10,20 euro e 16 euro) e per le due fototessere (che costeranno in tutto 5 euro circa), il conducente deve anche sostenere il costo della visita medica, che varia da regione a regione e oscilla tra i 20 e i 50 euro.
Se invece ci si rivolge alle scuole guida il costo è maggiore (in totale si spendono tra i 100 e i 130 euro), ma le pratiche per il rinnovo della patente sono molto più sbrigative rispetto alle Asl.
E’ comunque molto meglio sostenere queste spese piuttosto che circolare con la patente scaduta, poiché chi viene sorpreso a guidare con patente scaduta rischia dai 155 ai 624 euro di multa, oltre al ritiro immediato della patente stessa.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Guide e utilità

Lascia un commento

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Alfredo

    24 Novembre 2017 at 15:13

    Gentili signori avrei una domanda: in presenza di “medico” certificatore particolarmente “avverso” e qiondi “cavilloso e negazionista” , si possono fare i tentativi di rinnovo presso altri siti preposti (distretti… Aci ecc.) aventi altri medici un tantino più “umani” ?? Grazie …Alfredo

  2. Roberto

    11 Marzo 2018 at 16:49

    Buongiorno, se alla visita medica non vengo considerato idoneo per la vista cosa succede? Dovrò ripeterla o semplicemente mi viene imposto guida con lenti?

  3. silvano

    11 Novembre 2018 at 08:00

    gentili signori vorrei sapere se ti possono dare delle limitazioni sono pasati 10 anni dal incidente con una montagna
    1 alcol 0 e va bene
    2 non posso guidare in autstrada non capisco perché visto che sarebbe più comoda per guidare
    3 il limite di 30 km da casa

Articoli correlati