McLaren: la Monocage II potrebbe essere fornita ad altri marchi

La struttura in carbonio ha debuttato sul modello 720S

McLaren - Al debutto sulla 720S, la monoscocca Monocage II in futuro potrebbe prevedere la fornitura ad altre case automobilistiche.
McLaren: la Monocage II potrebbe essere fornita ad altri marchi

La McLaren continua a crescere sia nelle vendite che nella gamma: dopo il record delle 3.826 consegne stabilite nel 2016 e il lancio della nuova generazione Super Series con il modello 720S, l’azienda di Woking è sempre focalizzata sul piano Track22 nel quale saranno portati alla luce 15 nuovi modelli o derivati da lanciare entro il 2022.

Proprio sulla 720S ha fatto il suo debutto la monoscocca Monocage II che vanta di una configurazione a T e maggior flessibilità rispetto alla precedente tanto da abbassarne ulteriormente il peso complessivo della vettura, fermo a 1.283 chilogrammi. La struttura, realizzata dall’azienda austriaca Carbo Tech, sarà prodotta Inhouse dal 2020 nell’impianto che sorgerà a Sheffield, e aiuterà la casa automobilistica nell’espansione della gamma.

Ma non è tutto. In base alle ultime indiscrezioni, la McLaren ben presto potrebbe fornire il telaio ad altre case automobilistiche con la fabbrica di Sheffield che dovrebbe avere sia una capacità di produzione di 5.000 veicoli che di 10mila monoscocche l’anno. A lanciare ipotesi circa la fornitura è stato il CEO Mike Flewitt che considera questa manovra come un’evidente espansione. Il telaio sarà utilizzato da tutti i modelli futuri di Woking, compressi quelli ibridi con propulsore V6. Infatti, grazie alla sua flessibilità, sarebbe capace di assumere forme discordanti, anche per auto 2+2, anche se ad oggi non esiste un piano per quella tipologia di configurazione.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati