Nuova Citroën C3: scatto (fotografico) incluso [5 COSE DA SAPERE – EPISODIO 3]

Arriva la ConnectedCAM per i social

Scattare foto e condividerle sui social network mentre si è alla guida è una delle cose più pericolose che si possano fare sulla strada. Se proprio i guidatori però non vogliono ignorare nessun aspetto del loro vivere quotidiano, la nuova Citroën C3 ha la soluzione: la ConnectedCAM inclusa nelle dotazioni. Scopriamo di cosa si tratta nel terzo episodio del 5 Cose da Sapere

Anche facendo il test driver come lavoro capita di salire su auto che presentano qualcosa di particolare e di mai visto prima. La ConnectedCAM equipaggiata sulla nuova Citroën C3 è sicuramente una di queste. Parliamo di un dispositivo intrinsecamente connesso con il mondo social, ma non solo. Possiamo persino considerarlo un dispositivo di sicurezza. Come? Scopriamolo nella terza puntata del 5 Cose da Sapere.

La ConnectedCAM di Citroën è un apparecchio che sotto molti aspetti si presenta con una semplicità quasi disarmante e ciò non è certo un male per un dispositivo tecnologico, anzi. Questa videocamera è quasi invisibile se non si fa attenzione, anche se il box nel quale è racchiusa non è propriamente piccolo. La troviamo immediatamente dietro allo specchietto ed è alimentata direttamente come gli altri dispositivi dell’auto. Dispone anche di una porta microUSB, che serve principalmente per scaricare le foto e i video. Sì, perché proprio a questo serve la ConnectedCAM, ovvero s scattare foto e piccoli video tutte le volte che si vuole. Se pensate che sia una funzione inutile o superflua, preparatevi a ricredervi.
Parliamo prima di tutto della dotazione hardware della ConnectedCAM: si tratta di una fotocamera con una risoluzione Full HD (1920×1080 pixel) e con un sensore da 2 Megapixel. È dotata di un ottica grandangolare da 120° e tra le varie caratteristiche incluse sono da segnalare prima di tutto il modulo GPS e, in secondo luogo, la memoria interna da 16 GB. La ConnectedCAM è sempre attiva e registra in continuazione ciò che vede di fronte all’auto, ma memorizza solamente nell’istante in cui il conducente preme l’apposito pulsante posto dietro allo specchietto. In questo modo la fotografia verrà scattata e potrà essere successivamente condivisa sui social network. È possibile anche registrare brevi filmati di una ventina di secondi attraverso la pressione prolungata del pulsante. Immagini e filmati saranno condivisibili però solamente una volta fermata la vettura e unicamente utilizzando l’app ufficiale gratuita. Un sistema agevole per mantenere attivi i propri profili social e, al tempo stesso, evitare di mettersi in situazioni pericolose, che con gli smartphone in mano tendiamo ad incontrare più volte di quanto non sarebbe lecito.

Un dispositivo che pensa anche alla sicurezza, quindi, ma non solo per quanto riguarda la nostra vita social. La ConnectedCAM, infatti, offre anche la funzione “dash cam”. In altre parole, in caso di incidente la registrazione viene attivata in maniera automatica e sulla memoria saranno memorizzati i 30 secondi precedenti all’impatto (il GPS è fondamentale in questo senso) e i 60 immediatamente successivi. Il tutto naturalmente registrando la propria posizione attraverso il segnale satellitare. Questo video in caso di dispute potrebbe essere fondamentale per scagionarsi davanti alle autorità in caso di dinamiche non chiare o di qualche altro automobilista che cerca di fare il furbo.

Un extra di facile utilizzo e nessuna complessità, proprio come dovrebbe essere la tecnologia dedicata ai consumatori. Anche il sistema di infotainment segue la medesima strada, ma lo scopriremo solo nella prossima puntata del 5 Cose da Sapere sulla nuova Citroën C3.

Leggi altri articoli in #5cosedasapere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati