INFINITI: un prototipo retrò debutterà al Pebble Beach Concourse d’Elegance 2017

Celebrerà la passione per il design

Il prototipo che verrà presentato sarà un "viaggio alla ricerca delle radici della nostra azienda che ci riproietta ai giorni nostri con la fusione di una tecnologia EV avanzata e grazie al contributo delle mani e dei cuori di centinaia di artigiani."
INFINITI: un prototipo retrò debutterà al Pebble Beach Concourse d’Elegance 2017

INFINITI – Tra poco più di una settimana si svolgerà il Pebble Beach Concourse d’Elegance, una delle più prestigiose mostre al mondo di automobili sia storiche che moderne. Difatti il prossimo 20 Agosto, nell’incantevole panorama di una delle più belle costiere che si affacciano sull’Oceano Pacifico, e precisamente nella Contea di Monterey (California) avrà luogo il culmine di una serie di manifestazioni a sfondo motoristico che inizieranno a partire dal 15 Agosto.

L’importante evento americano farà da sfondo ad una inedita presentazione automotive: difatti INFINITI mostrerà un originale prototipo che a detta della stessa casa costruttrice “sarà ispirato al suo patrimonio che combina l’ingegnosità e l’avventura dei primi motori sportivi con il linguaggio contemporaneo di design “Powerful Elegance” del marchio.”

La casa costruttrice nipponica ha fatto sapere che l’inedito prototipo che sarà svelato al Pebble Beach Concourse d’Elegance 2017 non solo celebrerà la passione per il design di INFINITI, ma anche le profonde radici dello spirito pionieristico e dell’innovazione dell’azienda giapponese. Il prototipo in oggetto infatti è stato realizzato grazie ad un vero e proprio viaggio alla ricerca delle radici della nostra azienda che ci riproietta ai giorni nostri con la fusione di una tecnologia EV avanzata e grazie al contributo delle mani e dei cuori di centinaia di artigiani.”

Alfonso Albaisa, Vice Presidente Senior, Global Design di INFINITI, interpellato sulla nascita di questo inedito prototipo ha dichiarato: “Tutto è iniziato con una semplice domanda: cosa succederebbe se avessimo trovato un’auto nella punta meridionale del Giappone, sepolta in un fienile, nascosta da tutti per 70 anni? Cosa succederebbe se in questa vettura avessimo individuato il seme della passione piantato durante il nostro primo Gran Premio giapponese unito al potere e all’arte di INFINITI oggi? Come verrebbe accolta questa scoperta?”

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati