Volkswagen I.D. Buzz: nel prossimo futuro un mitico erede del Bulli totalmente elettrico [FOTO]

Un'anticipazione del progetto al Concorso d'Eleganza di Pebble Beach

Volkswagen I.D. Buzzo – Dopo il noto concept, la casa di Wolfsburg ha confermato la realizzazione di un erede unicamente elettrico e anche dotato di una sistema di guida autonoma del mitico Bulli, il van storicamente associato ai cosiddetti “figli dei fiori” tra gli Anni Sessanta e Settanta

La produzione inizierebbe nel 2022, in ogni caso un erede del noto Volkswagen Bulli arriverà alla luce delle indicazioni affiorate in coincidenza del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach 2017.

La strategia innovativa ad emissioni zero della casa di Wolfsburg, dotata anche di una sofisticata tecnologia di supporto alla guida, prenderà vita dal 2020 e prevede modelli realizzati con “un’architettura totalmente inedita”, come sottolineato dal Presidente del Consiglio di Amministrazione di Volkswagen, Herbert Diess. La sofisticata MEB studiata in modo specifico per le vetture elettriche già anticipate con i vari concept I.D., tra le quali appunto l’I.D. Buzz Concept che ha prefigurato un Bulli elettrico del futuro. Parte integrante di un piano più ampio, che punta alla vendita di oltre un milione di veicoli elettrici della casa l’anno, entro il 2025.

Dal punto di vista stilistico, il futuro Bulli o I.D. Buzz (al momento si possono avanzare delle ipotesi sul nome da associare al nuovo van elettrico), potrebbe riprendere diverse soluzioni anticipate tramite il concept. L’intento sarebbe quello di essere “una nuova icona”, in base a quanto suggerito dal Responsabile del design Volkswagen, Klaus Bischoff. Come resta rappresentativo il design dello storico veicolo prediletto dai rivoluzionari “figli dei fiori”. Scelte retrò reinterpretate in modo avveniristico.

Il futuro veicolo potrebbe ricalcare anche le dimensioni del Concept, toccando una lunghezza di quasi cinque metri, di cui oltre tre metri dedicati al passo; una larghezza prossima ai due metri e un’altezza quasi similare. Valori generosi di carico ma anche funzionali alla collocazione dei due motori elettrici (ognuno per singolo asse), che delineerebbero una trazione integrale, assieme alle batterie che potrebbero garantire un’autonomia di 600 km complessivamente ed essere ricaricate per l’80% in una mezz’ora, grazie a un sistema di Combined Charging System, da quanto emerso. La potenza complessiva ammonterebbe a 370 cavalli, che si stima possano proiettare il veicolo da 0 a 100 km/h in soli cinque secondi. Una reattività più consona a una vettura sportiva.
Tra gli aspetti peculiari, si anticipa anche la presenza di una soluzione che elimini totalmente le chiavi classiche per l’accesso alla vettura, parametri personalizzabili, visori focalizzati sulla visibilità laterale e posteriore, schermi che propongono varie informazioni, una visione più essenziale e tecnologica a bordo e, in particolare, un sistema di guida autonoma che sarebbe caratterizzato da una volante retrattile sino all’opportunità di ricreare nell’abitacolo una specie di salotto viaggiante. Al momento si tratta di indicazioni, dato che come accennato la produzione del mezzo sarebbe prevista nel 2022.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati