Vacanze in Auto: come evitare le scottature e il colpo di calore

Sapevate che guidare col gomito fuori dal finestrino aumenta i rischi di tumore?

Le scottature e i colpi di calore sono frequenti anche in auto, soprattutto d'estate. Ecco come prevenirli
Vacanze in Auto: come evitare le scottature e il colpo di calore

Estate è sinonimo di partenza in auto per andare in vacanza, ma può anche significare pericolo scottature. Ma come, proprio nella macchina, che dovrebbe proteggerci da tutto? Evidentemente sì, perché la prudenza non è mai troppa e i rischi sono sempre in agguato. Dunque, meglio prevenire.

Ma ci sono anche i colpi di calore, che se trascurati possono avere effetti molto negativi (e in alcuni casi anche fatali) sul nostro organismo. Come comportarci dunque? Ecco una breve guida con i consigli per difendersi da scottature e colpi di calore quando si viaggia in auto d’estate.

 

Scottature in auto: cosa c’è da sapere

Di per sé l’auto dovrebbe essere l’ultimo posto dove rimediare una scottatura, ma non è così. Le alte temperature estive (specialmente nei periodi in cui sopraggiunge l’ondata di caldo-record) si ripercuotono anche all’interno dell’abitacolo, con conseguenze che ben conosciamo: a chi non è mai capitato di guidare con il volante o il cambio letteralmente “infuocati” oppure di scottarsi non appena toccava la portiera della macchina? Tutte situazioni abbastanza comuni quando fa caldo e magari abbiamo lasciato la macchina parcheggiata per ore sotto il sole.

Per evitare questi inconvenienti esistono diversi rimedi. Il primo è quello di accendere il climatizzatore e aspettare qualche minuto prima di salire. Un secondo rimedio consiste nel proteggere l’auto con la cortina riflettente pieghevole, che possiamo trovare facilmente nei negozi. Una terza soluzione anti-caldo è l’applicazione di pellicole oscuranti sui vetri posteriori e sul lunotto, in modo da proteggere la vettura dai raggi del sole.

Prevenzione vuole anche dire evitare certi comportamenti. Siete soliti guidare tenendo il gomito fuori dal finestrino? Sappiate che oltre ad essere contro la legge (diversi automobilisti sono stati sanzionati), quest’abitudine può provocare scottature e danni alla salute. E a dirlo è nientemeno che uno studio dell’Università di Washington pubblicato sul Journal of the American Academy of Dermatology, secondo cui la lunga esposizione al sole del gomito aumenterebbe la probabilità di contrarre melanomi e carcinomi di Merkel, due fra i peggiori tumori della pelle.

E se guidate una cabriolet? Certo, il piacere di viaggiare “scoperti” è impareggiabile, ma bisogna fare attenzione. Guidare per ore e ore completamente esposti al sole aumenta il rischio di ustioni e scottature. Meglio allora azionare il tettuccio oppure usare delle creme protettive.

 

Colpo di calore in auto: come prevenirlo

Arrivano quando meno ce lo aspettiamo e possono avere anche gravi conseguenze. Stiamo parlando dei colpi di calore, che in genere sono preceduti da vertigini, giramenti di testa, stanchezza, disorientamento e difficoltà di concentrazione.

Per prevenirli bisogna anzitutto idratarsi al punto giusto prima del viaggio. Bere acqua fresca (ma non gelata) abbasserà la temperatura del vostro corpo e vi metterà al riparo dal rischio disidratazione. Se il viaggio è lungo fatevi una bella scorta di bottigliette d’acqua e bevete spesso, anche quando non sentite lo stimolo della sete. Magari mangiate anche cibi leggeri e con alto contenuto di acqua, come frutta e verdura.

Attenzione poi al climatizzatore, che da prezioso alleato può diventare un nemico. Dal momento che il colpo di calore può verificarsi in presenza di sbalzi termici, regolate il climatizzatore per evitare un’escursione termica troppo alta e spegnetelo qualche istante prima di arrivare a destinazione.

Due categorie particolarmente a rischio sono bambini e anziani. Avete bambini in auto? Bagnateli i polsi e la nuca e controllate i loro sedili per vedere se sono troppo caldi. E gli animali? Il colpo di calore può venire anche ai vostri amici a quattro zampe, che com’è noto non hanno la nostra stessa traspirazione. Se vi accorgete che il cane ha una frequenza respiratoria molto alta o un’abbondante salivazione, fatelo bere e rinfrescategli le zampe, la testa e la pancia.

Offerta Volkswagen ID.3 100% Elettrica da 299€ al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Guide e utilità

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati