WP_Post Object ( [ID] => 431810 [post_author] => 24 [post_date] => 2017-09-01 16:38:19 [post_date_gmt] => 2017-09-01 14:38:19 [post_content] => La BMW Isetta, storica vettura lanciata 70 anni fa, è una delle automobili più strane e originali che siano mai state concepite dall'industria automobilistica. Ma come sarebbe una BMW Isetta moderna? Un possibile risposta ce la forniscono i render realizzati dal designer Justin Hyunjung Cho.  Quest interpretazione attualizzata della piccola e antica vettura di BMW propone un veicolo moderno che ben si adatta con le previsioni di ulteriore sovrappopolamento delle grandi città nei prossimi decenni. Il designer ha progettato una Isetta futurista che sarebbe un veicolo adeguato a soddisfare le esigenze di mobilità alternativa urbana che nei prossimi anni prenderanno sempre più spazio nei grandi centri. Così come l'originale, la nuova Isetta è estremamente compatta e priva delle porte tradizionali. L'accesso all'abitacolo, che prevede due posti, avviene tramite il sollevamento del parabrezza anteriore che "scivola" sopra il tetto. All'interno lo spazio è stato ottimizzato rimuovendo anche i comandi convenzionali, compresi pedali e volante, visto che il veicolo è stato concepito con la guida autonoma. Una moderna Isetta, con alimentazione totalmente elettrica, potrebbe anche essere utilizzata per i servizi di car sharing, alla stregua di quanto promette di fare la Smart Vision EQ Fortwo Concept, novità svelata qualche giorno fa e che vedremo in anteprima all'imminente Salone di Francoforte. [post_title] => BMW Isetta dei tempi nostri: il RENDERING che proietta l'iconica ultra-compatta nel futuro [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bmw-isetta-dei-tempi-nostri-il-rendering-che-proietta-liconica-ultra-compatta-nel-futuro [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-09-01 16:38:19 [post_modified_gmt] => 2017-09-01 14:38:19 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=431810 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

BMW Isetta dei tempi nostri: il RENDERING che proietta l’iconica ultra-compatta nel futuro

Biposto con guida autonoma

BMW Isetta moderna rendering - Un'idea stilistica di BMW Isetta attualizzata alle esigenze di mobilità urbana dei giorni nostri ci viene proposta dal designer Cho. La vettura, con abitacolo a due posti, è priva di portiere tradizionali, pedali e volante. Pensata come veicolo 100% elettrico e mosso dalla guida autonoma.

La BMW Isetta, storica vettura lanciata 70 anni fa, è una delle automobili più strane e originali che siano mai state concepite dall’industria automobilistica. Ma come sarebbe una BMW Isetta moderna? Un possibile risposta ce la forniscono i render realizzati dal designer Justin Hyunjung Cho. 

Quest interpretazione attualizzata della piccola e antica vettura di BMW propone un veicolo moderno che ben si adatta con le previsioni di ulteriore sovrappopolamento delle grandi città nei prossimi decenni. Il designer ha progettato una Isetta futurista che sarebbe un veicolo adeguato a soddisfare le esigenze di mobilità alternativa urbana che nei prossimi anni prenderanno sempre più spazio nei grandi centri.

Così come l’originale, la nuova Isetta è estremamente compatta e priva delle porte tradizionali. L’accesso all’abitacolo, che prevede due posti, avviene tramite il sollevamento del parabrezza anteriore che “scivola” sopra il tetto. All’interno lo spazio è stato ottimizzato rimuovendo anche i comandi convenzionali, compresi pedali e volante, visto che il veicolo è stato concepito con la guida autonoma.

Una moderna Isetta, con alimentazione totalmente elettrica, potrebbe anche essere utilizzata per i servizi di car sharing, alla stregua di quanto promette di fare la Smart Vision EQ Fortwo Concept, novità svelata qualche giorno fa e che vedremo in anteprima all’imminente Salone di Francoforte.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati