“Ferrari 312B” è il film che vi consigliamo di andare a vedere [VIDEO]

“Ferrari 312B” è il film che vi consigliamo di andare a vedere [VIDEO]

Sarà nelle sale ad inizio Ottobre, tra i protagonisti Mauro Forghieri

Ferrari 312B il film - Sarà in 250 cinema di tutta Italia solo dal 9 all’11 Ottobre il film “Sulla monoposto che ha cambiato la storia della F1”. Molte le testimonianze, tra cui quelle di Niki Lauda e Jackie Stewart.
“Ferrari 312B” è il film che vi consigliamo di andare a vedere [VIDEO]

Assistere ad un’anteprima cinematografica ha sempre un qualcosa di affascinante. Anzitutto perché permette di vedere prima dell’uscita ufficiale un film – nel nostro caso di livello internazionale – ed in secondo luogo perché l’atmosfera circostante è speciale. Ma anche potendo escludere le casistiche citate, vi spieghiamo perché “Ferrari 312B” è un film che piacerà non soltanto agli appassionati di motori.

La prima ragione è che la protagonista è una Ferrari. Utilizziamo l’articolo indeterminativo perché ogni gioiello che esce dalle officine di Maranello merita la stessa attenzione sia del predecessore, che del successore. Ma se andiamo a trattare la pellicola in questione, allora diventa “la” 312B. Monoposto che sotto l’occhio vigile dell’ingegner Mauro Forghieri diede linfa vitale alla Ferrari per portare a casa diversi titoli mondiali tra piloti e costruttori nel decennio che va dal 1970 al 1979. La lettera B deriva da Boxer, ossia l’importante novità apportata dalla Scuderia del Cavallino e presa in prestito dal mondo dell’aeronautica. Nel film – visibile anche in 4K – il potente V12 accompagna a più riprese la narrazione, divenendo un filo capace di unire non soltanto passato e presente delle competizioni, ma anche le generazioni. Grandi e piccini si sentono avvolti dalla profusione uscente dai 4 scarichi e poter sentir gridare di gioia ad oltre 10.000 giri un pezzo d’arte, beh, vale di per sé il prezzo del biglietto.


Ferrari 312B, il Trailer


Altro motivo è la Passione. Da una parte quella di meccanici, ingegneri e piloti nel creare una vettura in grado di dominare la scena mondiale. Dall’altra quella di girare un docu-film sulla seconda giovinezza della 312B. Parlando del presente, ossia della volontà di Paolo Barilla (ex-pilota di F1) di restaurare completamente una Ferrari da corsa e riportarla in pista, il passato esplode in tutte le sue forme. E così come un flash Niki Lauda, Jackie Stewart, Jacky Ickx, Gerhard Berger e Damon Hill diventano interpreti ed al contempo spettatori di un mondo a cui appartengono ma al contempo temono. I loro interventi divengono necessari al procedere del racconto e permettono allo spettatore di rivivere con i propri occhi quei giorni, gloriosi ma al contempo bui. Occhi che però rimangono sempre ammaliati dal genio dell’uomo e da quella passione che da sempre fa muovere verso un progresso benevolo.

Non vogliamo svelarvi altro, per cui il nostro augurio è che possiate godervi “Ferrari 312B” in una delle 250 sale italiane presso cui verrà distribuito nei giorni 9-10-11 Ottobre. Vi diciamo però cosa hanno detto i protagonisti di questo film: sia di chi vi ha partecipato, sia di chi è sempre stato con attenzione e cura dietro le riprese.

Paolo Tarpini (CEO Tarpini Production): «Mi chiamò Paolo Barilla per dirmi di aver acquistato un’auto e di voler girare un breve filmato come ricordo. Giunto lì, mi innamorai dell’auto e del loro progetto di restaurazione. Chiesi a Paolo di realizzare il film e girammo ben 150 ore in qualità 4K, da cui poi sono usciti 85 minuti di film».

Franco di Sarro (CEO and Founder Nexo Digital): «Nexo Digital sarà il distributore mondiale del film. In Italia uscirà in 250 sale nelle giornate del 9-10-11 Ottobre, per poi raggiungere oltre 50 paesi da Ottobre a dicembre per un numero totale di oltre 2000 sale. Da Gennaio invece l’attenzione sarà rivolta al mercato orientale».

Andrea Marini (Regista): «Grazie a chiunque ha creduto in questo progetto. La prima volta che ho conosciuto Mauro Forghieri è stato naturalmente in officina. Lavorare con persone che non hanno mai avuto esperienze come attori, ma come ingegneri ed amanti del Motorsport, è stata un’esperienza altamente gratificante».

Mauro Forghieri (Ingegnere Ferrari) : «Non eravamo contenti di questo film, almeno inizialmente. Più volte dovevano rigirare alcune scene, ma è stata solo questione d’abitudine. Per me è stato un progetto eccitante, dopo un po’ non facevamo quasi più caso alla troupe ed abbiamo accettato questa strana presenza. Ciò è stato fondamentale per realizzare loro il film, noi la monoposto. L’epoca rivissuta nel film fu estremamente pericolosa per la F1. Diversi piloti vi lasciarono la vita e noi tecnici eravamo consci del capitale umano che perdevamo. Se oggi le F1 sono così sicure, lo si deve ai sacrifici ed al lavoro svolto con i crash test».

Giorgio Terruzzi (Giornalista): «Lo sport motoristico è il vero protagonista di questa pellicola. L’avanguardia portata avanti dalla F1 si ritrova in questo film, ricco di testimonianze fuori misura. Anche chi non segue la F1 si ritroverà in questo film, in quanto la vettura è stato un perno fondamentale del ‘900 e della nostra storia».

Per chi inoltre volesse approfondire la storia della Ferrari 312B e del mito Ferrari è disponibile nelle librerie “Ferrari The Best” (Franco Cosimo Panini Editore). Il libro celebra i 70 anni del marchio: le auto, i piloti e le leggende che hanno fatto la storia della Rossa grazie ad una raccolta di oltre 600 immagini e svariate testimonianze.

Leggi altri articoli in Cinema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati