WP_Post Object ( [ID] => 449924 [post_author] => 37 [post_date] => 2017-10-14 11:34:03 [post_date_gmt] => 2017-10-14 09:34:03 [post_content] => La Nuova Suzuki Swift, che vi avevamo presentato lo scorso Marzo (qui), è stata accolta dal pubblico con risultati incoraggianti. Le 1.800 unità vendute confermano il trend positivo della compatta giapponese, che pare sempre più consolidarsi anche in seguito all’arrivo della versione Sport, capace di 140 CV erogati dal 1.4 benzina BoosterJet - ve ne abbiamo parlato qui. Ma non sazia di novità la casa di Hamamatsu ha presentato anche la versione a quattro ruote motrici e con alimentazione ibrida. Un doppio colpo per le rivali dirette, che non possono vantare tali caratteristiche. La nuova Suzuki Swift Hybrid 4WD Allgrip è stata non solo oggetto del nostro test drive in anteprima sulle strade della Toscana, ma anche del debutto italiano al 4X4 Fest di Carrara. Le dimensioni rimangono pressoché invariate: 3,84 metri di lunghezza (1 cm in meno rispetto alla generazione precedente), 1,74 di larghezza ed un passo di 245 cm. L’unica a crescere è l’altezza, che da 144 cm passa ora a 150, in quanto tra le ruote anteriori e quelle posteriori trova posto l’asse che dà potenza anche al retrotreno. Ne risente leggermente anche il peso complessivo, che è di 1.035 kg con conducente a bordo (circa 100 in più della versione 2WD). Linea personale, davanti presenta una grande presa d’aria e luci led a pinna di squalo piuttosto slanciate. Lateralmente si distingue per l’apertura delle portiere posteriori, incernierate nella parte alta, e per i cerchi in lega da 16” bi-color. Dietro non dimentica l’erede e ne riprende alcuni concetti riscrivendoli in chiave più dinamica, come la luce centrale posta poco sopra l’estrattore. Le possibilità di personalizzazione della Swift Hybrid 4WD sono varie e si possono scegliere tra 7 tipi di colorazione, inclusa la bi-color, che permette di verniciare il tetto in maniera differente. Dentro lo spazio non manca ed anche ci siede dietro troverà spazio sufficiente per le gambe, con +2,3 cm rispetto al modello precedente di Swift. L’unico allestimento disponibile è il Top. Il quadro strumenti di colore rosso dal look a cronografo, dettagli sofisticati di colore bianco e le cromature satinate della plancia dialogano con la tonalità nera di fondo per creare un abitacolo dai contrasti marcati. Lo schermo a colori MYDRIVE, posto tra contachilometri e contagiri, è da 4,2” e riporta varie informazioni sullo stato della vettura, compreso il funzionamento del comparto ibrido. Il volante, regolabile sia in altezza che profondità, si presenta piatto nella parte inferiore ed accentua il carattere sportivo della nuova Swift Hybrid 4WD Allgrip. Al centro della plancia lo schermo touch da 7” dell’infotainment permette di gestire le funzioni di navigazione, radio (inclusa la DAB+) e media. La comoda presa USB posta vicino al portaoggetti consente di collegare gli smartphone ed utilizzare sia Android Auto che Apple CarPlay. Il climatizzatore automatico si comanda tramite tre rotelle che personalizzano ulteriormente l’abitacolo. Bagagliaio capiente ed in grado di ospitare anche un passeggino: si parte da 265 litri sino a 579 con i sedili posteriori abbattuti. L’unica opzione tra i propulsori è il 1.2 DualJet benzina da 90 CV abbinato al cambio manuale 5 marce: silenzioso e parco nei consumi pecca solo in sprint nelle fase di ripresa. La coppia massima è di 120 Nm a 4400 giri/min. Le prestazioni dichiarate sono di 170 km/h per la velocità massima. A supportarlo interviene il secondo motore elettrico, che rende di fatto la Swift 4WD ibrida. Si tratta di un sistema chiamato ISG (Integrated Starter Generator) dal peso molto contenuto - appena 6,2 kg - che posizionato sotto il sedile del guidatore svolge varie funzioni. Fornendo 50 Nm in più affianca il motore termico durante accelerazione e ripresa, oppure funge da alternatore per il recupero dell’energia in frenata o rilascio. E ancora può diventare motorino d’avviamento con funzione Start&Stop. Un a triplice funzione che strizza l’occhio anche alle emissioni, dove la nuova Swift fa registrare soli 101 g/km di CO2. I dati relativi ai consumi parlano invece di 4,5 l/100 km (22,2 km/l) nel ciclo combinato e 4,9 l/100 km (20,4 km/l) in città. Suzuki ha dichiarato consumi ridotti del 17% grazie all’ibrido. Durante il nostro test drive svolto sia su asfalto che su strade bianche, dove abbiamo provato tutte le peculiarità della Suzuki Swift Hybrid 4WD Allgrip, il dato si aggirava intorno ai 16,5 km/l. Pertanto rimanderemo alla prova su strada completa il verdetto finale, ma il dato fornito è piuttosto buono ai nostri occhi, considerando l’uso non da tutti i giorni che ne abbiamo fatto. Promossa senza indugi la trazione integrale. Il sistema 4WD di Suzuki - da non confondere con l’AWD, in quanto manca il differenziale centrale - può vantare la tecnologia Allgrip. Nel caso della Suzuki 4WD si presenta la tipologia Allgrip Auto, che tramite un giunto viscoso trasferisce motricità alle ruote sino ad avere un perfetto bilanciamento 50-50 tra l’asse anteriore e quello posteriore, se necessario. In tal modo attraversare anche alcuni sterrati impegnativi è risultato un gioco da ragazzi a bordo della Swift Hybrid 4WD, aiutati nelle salite da fermi dal sistema hill hold. Qualora si cercassero invece sistemi più evoluti è possibile guardare a Vitara ed S-Cross grazie all’AllGrip Select, oppure all’Allgrip Top con il piccolo ma agguerrito Jimny, dotato di marce ridotte. Al top anche la sicurezza, grazie al cosiddetto sistema Occhio di Lince: radar, telecamera e sensore laser che si combinano per offrire sistemi all’avanguardia. Sono l’attentofrena, guidadritto, restasveglio, nontiabbaglio ed il cruise control adattivo (utile in autostrada). In alcuni casi la vettura potrà intervenire autonomamente per evitare collisioni imminenti - si pensi ad un pedone che attraversa la strada come esempio. Sono 6 infine gli airbag previsti nell’abitacolo. Il prezzo è unico, dal momento che unico è l’allestimento disponibile così come la motorizzazione: 19.190 euro. Però grazie allo sconto cliente si potrà avere un bonus pari a 3.040 euro, che porterà la nuova Suzuki Swift Hybrid 4WD Allgrip a 16.150 euro. Tale sconto varrà sino a fine mese, ma non è da escludersi che possa essere ulteriormente prolungato. [post_title] => Nuova Suzuki Swift Hybrid 4WD, senza paure con l’Allgrip [VIDEO TEST DRIVE] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nuova-suzuki-swift-hybrid-4wd-senza-paure-con-lallgrip-video-test-drive [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-10-14 11:34:03 [post_modified_gmt] => 2017-10-14 09:34:03 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=449924 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nuova Suzuki Swift Hybrid 4WD, senza paure con l’Allgrip [VIDEO TEST DRIVE]

Il debutto nazionale al 4X4 Fest di Carrara

Suzuki Swift Hybrid 4WD Allgrip - Dopo appena sei mesi dal lancio europeo di Nuova Swift arriva anche la versione a quattro ruote motrici, dotata anch’essa del sistema ibrido SHVS. Prezzo unico di 19.190 euro.
Nuova Suzuki Swift Hybrid 4WD, senza paure con l’Allgrip [VIDEO TEST DRIVE]

La Nuova Suzuki Swift, che vi avevamo presentato lo scorso Marzo (qui), è stata accolta dal pubblico con risultati incoraggianti. Le 1.800 unità vendute confermano il trend positivo della compatta giapponese, che pare sempre più consolidarsi anche in seguito all’arrivo della versione Sport, capace di 140 CV erogati dal 1.4 benzina BoosterJet – ve ne abbiamo parlato qui. Ma non sazia di novità la casa di Hamamatsu ha presentato anche la versione a quattro ruote motrici e con alimentazione ibrida. Un doppio colpo per le rivali dirette, che non possono vantare tali caratteristiche. La nuova Suzuki Swift Hybrid 4WD Allgrip è stata non solo oggetto del nostro test drive in anteprima sulle strade della Toscana, ma anche del debutto italiano al 4X4 Fest di Carrara.

Le dimensioni rimangono pressoché invariate: 3,84 metri di lunghezza (1 cm in meno rispetto alla generazione precedente), 1,74 di larghezza ed un passo di 245 cm. L’unica a crescere è l’altezza, che da 144 cm passa ora a 150, in quanto tra le ruote anteriori e quelle posteriori trova posto l’asse che dà potenza anche al retrotreno. Ne risente leggermente anche il peso complessivo, che è di 1.035 kg con conducente a bordo (circa 100 in più della versione 2WD). Linea personale, davanti presenta una grande presa d’aria e luci led a pinna di squalo piuttosto slanciate. Lateralmente si distingue per l’apertura delle portiere posteriori, incernierate nella parte alta, e per i cerchi in lega da 16” bi-color. Dietro non dimentica l’erede e ne riprende alcuni concetti riscrivendoli in chiave più dinamica, come la luce centrale posta poco sopra l’estrattore. Le possibilità di personalizzazione della Swift Hybrid 4WD sono varie e si possono scegliere tra 7 tipi di colorazione, inclusa la bi-color, che permette di verniciare il tetto in maniera differente.

Dentro lo spazio non manca ed anche ci siede dietro troverà spazio sufficiente per le gambe, con +2,3 cm rispetto al modello precedente di Swift. L’unico allestimento disponibile è il Top. Il quadro strumenti di colore rosso dal look a cronografo, dettagli sofisticati di colore bianco e le cromature satinate della plancia dialogano con la tonalità nera di fondo per creare un abitacolo dai contrasti marcati. Lo schermo a colori MYDRIVE, posto tra contachilometri e contagiri, è da 4,2” e riporta varie informazioni sullo stato della vettura, compreso il funzionamento del comparto ibrido. Il volante, regolabile sia in altezza che profondità, si presenta piatto nella parte inferiore ed accentua il carattere sportivo della nuova Swift Hybrid 4WD Allgrip. Al centro della plancia lo schermo touch da 7” dell’infotainment permette di gestire le funzioni di navigazione, radio (inclusa la DAB+) e media. La comoda presa USB posta vicino al portaoggetti consente di collegare gli smartphone ed utilizzare sia Android Auto che Apple CarPlay. Il climatizzatore automatico si comanda tramite tre rotelle che personalizzano ulteriormente l’abitacolo. Bagagliaio capiente ed in grado di ospitare anche un passeggino: si parte da 265 litri sino a 579 con i sedili posteriori abbattuti.

L’unica opzione tra i propulsori è il 1.2 DualJet benzina da 90 CV abbinato al cambio manuale 5 marce: silenzioso e parco nei consumi pecca solo in sprint nelle fase di ripresa. La coppia massima è di 120 Nm a 4400 giri/min. Le prestazioni dichiarate sono di 170 km/h per la velocità massima. A supportarlo interviene il secondo motore elettrico, che rende di fatto la Swift 4WD ibrida. Si tratta di un sistema chiamato ISG (Integrated Starter Generator) dal peso molto contenuto – appena 6,2 kg – che posizionato sotto il sedile del guidatore svolge varie funzioni. Fornendo 50 Nm in più affianca il motore termico durante accelerazione e ripresa, oppure funge da alternatore per il recupero dell’energia in frenata o rilascio. E ancora può diventare motorino d’avviamento con funzione Start&Stop. Un a triplice funzione che strizza l’occhio anche alle emissioni, dove la nuova Swift fa registrare soli 101 g/km di CO2. I dati relativi ai consumi parlano invece di 4,5 l/100 km (22,2 km/l) nel ciclo combinato e 4,9 l/100 km (20,4 km/l) in città. Suzuki ha dichiarato consumi ridotti del 17% grazie all’ibrido. Durante il nostro test drive svolto sia su asfalto che su strade bianche, dove abbiamo provato tutte le peculiarità della Suzuki Swift Hybrid 4WD Allgrip, il dato si aggirava intorno ai 16,5 km/l. Pertanto rimanderemo alla prova su strada completa il verdetto finale, ma il dato fornito è piuttosto buono ai nostri occhi, considerando l’uso non da tutti i giorni che ne abbiamo fatto.

Promossa senza indugi la trazione integrale. Il sistema 4WD di Suzuki – da non confondere con l’AWD, in quanto manca il differenziale centrale – può vantare la tecnologia Allgrip. Nel caso della Suzuki 4WD si presenta la tipologia Allgrip Auto, che tramite un giunto viscoso trasferisce motricità alle ruote sino ad avere un perfetto bilanciamento 50-50 tra l’asse anteriore e quello posteriore, se necessario. In tal modo attraversare anche alcuni sterrati impegnativi è risultato un gioco da ragazzi a bordo della Swift Hybrid 4WD, aiutati nelle salite da fermi dal sistema hill hold. Qualora si cercassero invece sistemi più evoluti è possibile guardare a Vitara ed S-Cross grazie all’AllGrip Select, oppure all’Allgrip Top con il piccolo ma agguerrito Jimny, dotato di marce ridotte.

Al top anche la sicurezza, grazie al cosiddetto sistema Occhio di Lince: radar, telecamera e sensore laser che si combinano per offrire sistemi all’avanguardia. Sono l’attentofrena, guidadritto, restasveglio, nontiabbaglio ed il cruise control adattivo (utile in autostrada). In alcuni casi la vettura potrà intervenire autonomamente per evitare collisioni imminenti – si pensi ad un pedone che attraversa la strada come esempio. Sono 6 infine gli airbag previsti nell’abitacolo.

Il prezzo è unico, dal momento che unico è l’allestimento disponibile così come la motorizzazione: 19.190 euro. Però grazie allo sconto cliente si potrà avere un bonus pari a 3.040 euro, che porterà la nuova Suzuki Swift Hybrid 4WD Allgrip a 16.150 euro. Tale sconto varrà sino a fine mese, ma non è da escludersi che possa essere ulteriormente prolungato.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati