Ladri di auto hi-tech: BMW rubata in meno di un minuto con dispositivo del dark web [VIDEO]

Diversi furti di questo tipo sono avvenuti a Londra

BMW rubata gadget dark web - A Londra sono state rubate diverse auto grazie a un particolare dispositivo tecnologico, acquistabile nel dark web, che cattura il segnale del portachiavi di nuova generazione amplificandolo e facendo sbloccare le portiere dell'auto. Le immagini mostrano come avviene il furto di una BMW.
Ladri di auto hi-tech: BMW rubata in meno di un minuto con dispositivo del dark web [VIDEO]

La polizia britannica ha pubblicato le immagini girate dalla videosorveglianza in un vialetto di Londra che mostrano come due ladri rubano una BMW in meno di 60 secondi. I due uomini, come si vede nel video, arrivano con in mano un particolare dispositivo che è in grado di catturare e amplificare il segnale del portachiavi reale della BMW.

Mentre uno tiene il gadget muovendolo vicino a porta e finestre dell’abitazione per catturare il segnale, l’altro, con un aggeggio trasmette il segnale catturato all’auto che così sblocca le portiere, con i due che salgono a bordo e s’allontano indisturbati con l’auto. Un sistema che inganna il veicolo che invece “pensa” che il proprietario sia lì vicino in quel momento. Questo avviene con auto e portachiavi di nuova generazione che aprono la vettura semplicemente avvicinandosi. Il furto si compie in meno di un minuto.

Negli ultimi tempi, fanno sapere le autorità di Londra, si sono verificati, nel nord della capitale inglese, quattro furti di auto portati a compimento con questo marchingegno che capta e amplifica il segnale. Il particolare gadget può essere facilmente acquistato sul dark web, ovvero la parte “sommersa” di Internet alla quale non è possibile accedere tramite i comuni browser.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati