Nissan Serena e-Power: la grinta del minivan ibrido [FOTO]

Arriverà nella primavera del 2018

La Nissan Serena e-Power si presenta con la grinta di chi vuol farsi vedere senza dare troppo nell'occhio. Il piccolo motore benzina alimenta le batterie ed esclude la carica esterna. L'ibrido che si ispira alla Note ha un carattere pungente: dettagli blu sulla griglia frontale, cerchi in lega, luci LED e tanto comfort all'interno.

Dopo aver regalato la versione Nismo del minivan Serena, Nissan ha pronta anche la variante ibrida. Si chiamerà Serena e-Power.

Gli ingegneri giapponesi si sono ispirati alla tecnologia della Nissan Note e-Power e al modello completamente elettrico, la Leaf. Il piccolo motore a benzina alimenta le batterie, eliminando la macchinosa ricarica esterna che allunga i tempi e la praticità di utilizzo.

La linea seguita da Nissan è la diretta prosecuzione di quell’e-Power lanciato nel novembre del 2016 in Giappone sulla Note, e, a distanza di un anno, la Serena si presenterà al pubblico con le consuete caratteristiche di silenziosità e un’eccellente efficienza in termini di consumi.

Ma la Nissan Serena e-Power non è solo questo. Il modello in questione potrà infatti contare sulla versione aggiornata del sistema ProPilot, il lane assist e la tecnologia di guida semiautonoma.

Serena e-Power si fa inoltre notare per una carrozzeria dagli accenti blu sul badge della griglia frontale, cerchi in lega dal design accattivante e luci posteriori a LED. Per quanto riguarda gli interni, le comode sedute aumentano il comfort dell’abitacolo, le file dei sedili posteriori sono intervallate da toni blu che riprendono quelli del frontale.

La data per il commercio coincide con la primavera del 2018, il primo Paese a vederla sulle strade sarà il Giappone.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati