WP_Post Object ( [ID] => 454935 [post_author] => 52 [post_date] => 2017-10-26 15:54:07 [post_date_gmt] => 2017-10-26 13:54:07 [post_content] => Pioggia, fango, nebbia e ghiaccio: benvenuti nelle foreste del Galles, per la penultima prova del Campionato del Mondo FIA Rally. Nonostante queste caratteristiche apparentemente rassicuranti, il Rally di Gran Bretagna raccoglie i consensi di piloti e spettatori, che sfidano il maltempo per applaudire i loro piloti preferiti, lanciati ad alta velocità su tracciati di terra famosi per i cambi di aderenza. Questa edizione sarà particolarmente interessante, innanzitutto perché si tratta del debutto delle World Rally Cars 2017 su questo terreno che favorisce le derapate e lo spettacolo e poi perché i titoli mondiali potrebbero essere assegnati matematicamente alla fine di questo dodicesimo appuntamento. La prova, con base a Deeside, nel nord del Galles, inizierà giovedì sera, con una super speciale ricavata nell’ippodromo di Tir Prince. La gara vera e propria prenderà il via venerdì, con due loop dei tre settori ben noti ai piloti. Con un solo cambio degli pneumatici a metà giornata, qualsiasi errore o problema meccanico costerà caro. La seconda giornata, lunga diciassette ore, sarà ancora più difficile: sette speciali che si susseguono senza assistenza, poi due crono disputate con la sola luce dei fanali. Domenica, le cinque ultime PS stabiliranno i pretendenti alla vittoria, che saliranno sul podio di Llandudno. Come con la cerimonia di partenza di Tir Prince, il pubblico avrà numerose occasioni per incontrare i piloti, con il cambio pneumatici a Newtown (venerdì alle 13.27), i raggruppamenti a Chester (venerdì alle 19.01), Corris (sabato alle 11.13) e Brenig (domenica alle 11.28), e la speciale tracciata nel parco del castello di Cholmondeley (sabato alle 15.45). Tutti i piloti di Citroën Total Abu Dhabi WRT provengono dalle isole britanniche: Kris Meeke (Irlanda del Nord), Paul Nagle (Irlanda), Craig Breen (Irlanda), Scott Martin (Inghilterra) e Chris Patterson (Irlanda del Nord) saranno sicuramente i più richiesti al momento di firmare gli autografi. Con il secondo posto di Andreas Mikkelsen in Germania e la vittoria di Kris Meeke in Spagna, Citroën Total Abu Dhabi WRT ha inaugurato un ciclo di risultati positivi durante gli ultimi due rally. Il lavoro intenso di ingegneri, tecnici e piloti porta i suoi frutti, e questi risultati hanno rinforzato la determinazione di tutto il team guidato da Yves Matton. Tuttavia la fisionomia del percorso gallese è diversa dagli ultimi terreni incontrati. Ma il livello di performance messo in mostra in Polonia rivela un vero potenziale della Citroën C3 WRC su terra. Come spesso accade, la combinazione di meteo e ordine di partenza per la prima tappa potrebbero avere una grande influenza sullo svolgimento della gara. Venerdì, in caso di pioggia, le posizioni otto e nove di Craig Breen e di Kris Meeke alla partenza potrebbero essere un handicap difficile da colmare. In ogni caso, i piloti Citroën sono motivati a dare il meglio di sé davanti al loro pubblico. Prima di raggiungere il Galles, Kris Meeke ha passato molto tempo al volante di una WRC. Per la sessione di prove immediatamente precedente a quest’ultimo rally, si è recato nella Repubblica di San Marino per partecipare al Rallylegend su una Citroën Xsara WRC. Con due rally vinti in questa stagione, alla pari di Sébastien Ogier e Ott Tänak, Kris sarà necessariamente sotto i riflettori sulle sue terre. All’avvicinarsi della fine della stagione, il pilota di Dungannon vuole raggiungere le migliori posizioni in vista della stagione 2018. Per la sua decima partecipazione alla prova, vuole ripetere la gara quasi perfetta del 2015, quando era arrivato secondo. Craig Breen, per la sesta volta alla partenza della gara, ha meno esperienza del suo compagno. Ma ha regolarmente dimostrato la sua capacità di adattamento e la sua costanza al volante della Citroën C3 WRC. Con sei quinti posti ottenuti in questa stagione, l’irlandese punta a un risultato simile, se non migliore. La terza vettura sarà guidata da Khalid Al Qassimi. Il pilota di Abu Dhabi non ha più partecipato alla gara britannica del WRC dal 2010, ma vuole continuare la sua progressione al volante della C3 WRC. Per preparare questa gara, Citroën Racing ha organizzato una sessione di prove nel sud della Francia in condizioni simili a quelle delle foreste gallesi. Pioggia, fango e nebbia erano presenti per far abituare gli equipaggi all’ambiente giusto. Yves Matton, Team Principal Citroen Racing: "Per l’ultima prova europea della stagione, ci dovremo confrontare con un terreno molto speciale, che non fa parte di quelli che in passato sono stati favorevoli a Citroën. Gara dopo gara, la C3 WRC evolve, che si tratti di piccoli dettagli o di grandi modifiche. L’obiettivo è sempre quello di rendere la vettura più polivalente e facile da gestire. Il Gran Bretagna ci permetterà di valutare i progressi effettuati in questo campo nel corso degli ultimi mesi. Controlliamo con attenzione le previsioni meteo, perché avranno molta influenza sulle nostre prestazioni del primo giorno. In ogni caso, saremo soddisfatti se riusciremo a portare di nuovo una vettura sul podio finale". Kris Meeke: "Il rally di Gran Bretagna è ovviamente una prova molto speciale per me. Ho disputato il mio primo rally su queste strade quasi vent’anni fa. È quindi il terreno che conosco meglio e che è più naturale per me. La nostra vittoria in Spagna è stata un grande stimolo per il morale di tutto il team, anche se ciò non garantisce nulla per questa prova. Vedremo quale sarà il nostro livello di prestazioni nelle foreste gallesi. Dipenderà dal meteo, e la nostra nona posizione di venerdì sarà un handicap in caso di pioggia. Sono comunque molto motivato e farò di tutto per portare un altro buon risultato a Citroën". Craig Breen: "Tra le mie partecipazioni al Campionato di Gran Bretagna e nel WRC, penso di avere una buona conoscenza di questo terreno. Ho molti ricordi positivi, e il migliore è il titolo nel Junior WRC. Era il 2011, e tutto era ancora più sentito dato che il mio copilota Gareth Roberts era gallese. Dopo la mia assenza a un rally, sono entusiasta di ritrovare la C3 WRC per gli ultimi due appuntamenti della stagione. Come sempre, è abbastanza difficile fissare un obiettivo preciso, visto quanto le condizioni possono influire sul risultato. Ma dopo sei quinte posizioni, voglio proprio fare di meglio". Khalid Al Qassimi: "La mia ultima partecipazione al rally di Gran Bretagna risale ormai al 2010. Si tratterà quindi di una sfida tutta nuova per me. Sappiamo quanto sia difficile questo rally, in particolare a causa del meteo che rende fangose le speciali. Prima di partire per il Galles, potrò effettuare una giornata di prove e conto sull’esperienza del team per disporre di una C3 WRC con le regolazioni adatte al mio stile di guida". [post_title] => Rally di Gran Bretagna, Citroen: prova casalinga per Kris Meeke e Craig Breen [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => rally-di-gran-bretagna-citroen-prova-casalinga-per-kris-meeke-e-craig-breen [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-10-26 15:54:07 [post_modified_gmt] => 2017-10-26 13:54:07 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=454935 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Rally di Gran Bretagna, Citroen: prova casalinga per Kris Meeke e Craig Breen

Saranno affiancati dall'emiratino Khalid Al Qassimi

Rally di Gran Bretagna, Citroen - Anche se nessuno di loro è gallese, Kris Meeke, Paul Nagle, Craig Breen, Scott Martin e Chris Patterson considerano quello di Gran Bretagna il loro rally di casa. Tre settimane dopo la vittoria in Catalogna, Citroën Total Abu Dhabi WRT si avvicina alla penultima prova della stagione con grande determinazione e ambizione.
Rally di Gran Bretagna, Citroen: prova casalinga per Kris Meeke e Craig Breen

Pioggia, fango, nebbia e ghiaccio: benvenuti nelle foreste del Galles, per la penultima prova del Campionato del Mondo FIA Rally. Nonostante queste caratteristiche apparentemente rassicuranti, il Rally di Gran Bretagna raccoglie i consensi di piloti e spettatori, che sfidano il maltempo per applaudire i loro piloti preferiti, lanciati ad alta velocità su tracciati di terra famosi per i cambi di aderenza.

Questa edizione sarà particolarmente interessante, innanzitutto perché si tratta del debutto delle World Rally Cars 2017 su questo terreno che favorisce le derapate e lo spettacolo e poi perché i titoli mondiali potrebbero essere assegnati matematicamente alla fine di questo dodicesimo appuntamento.

La prova, con base a Deeside, nel nord del Galles, inizierà giovedì sera, con una super speciale ricavata nell’ippodromo di Tir Prince. La gara vera e propria prenderà il via venerdì, con due loop dei tre settori ben noti ai piloti. Con un solo cambio degli pneumatici a metà giornata, qualsiasi errore o problema meccanico costerà caro. La seconda giornata, lunga diciassette ore, sarà ancora più difficile: sette speciali che si susseguono senza assistenza, poi due crono disputate con la sola luce dei fanali. Domenica, le cinque ultime PS stabiliranno i pretendenti alla vittoria, che saliranno sul podio di Llandudno.

Come con la cerimonia di partenza di Tir Prince, il pubblico avrà numerose occasioni per incontrare i piloti, con il cambio pneumatici a Newtown (venerdì alle 13.27), i raggruppamenti a Chester (venerdì alle 19.01), Corris (sabato alle 11.13) e Brenig (domenica alle 11.28), e la speciale tracciata nel parco del castello di Cholmondeley (sabato alle 15.45). Tutti i piloti di Citroën Total Abu Dhabi WRT provengono dalle isole britanniche: Kris Meeke (Irlanda del Nord), Paul Nagle (Irlanda), Craig Breen (Irlanda), Scott Martin (Inghilterra) e Chris Patterson (Irlanda del Nord) saranno sicuramente i più richiesti al momento di firmare gli autografi.

Con il secondo posto di Andreas Mikkelsen in Germania e la vittoria di Kris Meeke in Spagna, Citroën Total Abu Dhabi WRT ha inaugurato un ciclo di risultati positivi durante gli ultimi due rally. Il lavoro intenso di ingegneri, tecnici e piloti porta i suoi frutti, e questi risultati hanno rinforzato la determinazione di tutto il team guidato da Yves Matton.

Tuttavia la fisionomia del percorso gallese è diversa dagli ultimi terreni incontrati. Ma il livello di performance messo in mostra in Polonia rivela un vero potenziale della Citroën C3 WRC su terra. Come spesso accade, la combinazione di meteo e ordine di partenza per la prima tappa potrebbero avere una grande influenza sullo svolgimento della gara. Venerdì, in caso di pioggia, le posizioni otto e nove di Craig Breen e di Kris Meeke alla partenza potrebbero essere un handicap difficile da colmare. In ogni caso, i piloti Citroën sono motivati a dare il meglio di sé davanti al loro pubblico.

Prima di raggiungere il Galles, Kris Meeke ha passato molto tempo al volante di una WRC. Per la sessione di prove immediatamente precedente a quest’ultimo rally, si è recato nella Repubblica di San Marino per partecipare al Rallylegend su una Citroën Xsara WRC. Con due rally vinti in questa stagione, alla pari di Sébastien Ogier e Ott Tänak, Kris sarà necessariamente sotto i riflettori sulle sue terre. All’avvicinarsi della fine della stagione, il pilota di Dungannon vuole raggiungere le migliori posizioni in vista della stagione 2018. Per la sua decima partecipazione alla prova, vuole ripetere la gara quasi perfetta del 2015, quando era arrivato secondo.

Craig Breen, per la sesta volta alla partenza della gara, ha meno esperienza del suo compagno. Ma ha regolarmente dimostrato la sua capacità di adattamento e la sua costanza al volante della Citroën C3 WRC. Con sei quinti posti ottenuti in questa stagione, l’irlandese punta a un risultato simile, se non migliore. La terza vettura sarà guidata da Khalid Al Qassimi. Il pilota di Abu Dhabi non ha più partecipato alla gara britannica del WRC dal 2010, ma vuole continuare la sua progressione al volante della C3 WRC. Per preparare questa gara, Citroën Racing ha organizzato una sessione di prove nel sud della Francia in condizioni simili a quelle delle foreste gallesi. Pioggia, fango e nebbia erano presenti per far abituare gli equipaggi all’ambiente giusto.

Yves Matton, Team Principal Citroen Racing: “Per l’ultima prova europea della stagione, ci dovremo confrontare con un terreno molto speciale, che non fa parte di quelli che in passato sono stati favorevoli a Citroën. Gara dopo gara, la C3 WRC evolve, che si tratti di piccoli dettagli o di grandi modifiche. L’obiettivo è sempre quello di rendere la vettura più polivalente e facile da gestire. Il Gran Bretagna ci permetterà di valutare i progressi effettuati in questo campo nel corso degli ultimi mesi. Controlliamo con attenzione le previsioni meteo, perché avranno molta influenza sulle nostre prestazioni del primo giorno. In ogni caso, saremo soddisfatti se riusciremo a portare di nuovo una vettura sul podio finale”.

Kris Meeke: “Il rally di Gran Bretagna è ovviamente una prova molto speciale per me. Ho disputato il mio primo rally su queste strade quasi vent’anni fa. È quindi il terreno che conosco meglio e che è più naturale per me. La nostra vittoria in Spagna è stata un grande stimolo per il morale di tutto il team, anche se ciò non garantisce nulla per questa prova. Vedremo quale sarà il nostro livello di prestazioni nelle foreste gallesi. Dipenderà dal meteo, e la nostra nona posizione di venerdì sarà un handicap in caso di pioggia. Sono comunque molto motivato e farò di tutto per portare un altro buon risultato a Citroën”.

Craig Breen: “Tra le mie partecipazioni al Campionato di Gran Bretagna e nel WRC, penso di avere una buona conoscenza di questo terreno. Ho molti ricordi positivi, e il migliore è il titolo nel Junior WRC. Era il 2011, e tutto era ancora più sentito dato che il mio copilota Gareth Roberts era gallese. Dopo la mia assenza a un rally, sono entusiasta di ritrovare la C3 WRC per gli ultimi due appuntamenti della stagione. Come sempre, è abbastanza difficile fissare un obiettivo preciso, visto quanto le condizioni possono influire sul risultato. Ma dopo sei quinte posizioni, voglio proprio fare di meglio”.

Khalid Al Qassimi: “La mia ultima partecipazione al rally di Gran Bretagna risale ormai al 2010. Si tratterà quindi di una sfida tutta nuova per me. Sappiamo quanto sia difficile questo rally, in particolare a causa del meteo che rende fangose le speciali. Prima di partire per il Galles, potrò effettuare una giornata di prove e conto sull’esperienza del team per disporre di una C3 WRC con le regolazioni adatte al mio stile di guida”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati