Seat: poker tricolore nella stagione 2017

Seat: poker tricolore nella stagione 2017

Doppio titolo nel TCR Italy con Nicola Baldan

Seat - Fine settimana vincente per la divisione italiana della casa iberica, che si è aggiudicata i titoli nel TCR Italy, nel Campionato Italiano Turismo TCS e nel monomarca Seat Leon ST Cupra Cup.
Seat: poker tricolore nella stagione 2017

Nello scorso fine settimana Seat Motorsport Italia ha preso parte a tre campionati differenti nella prova conclusiva della stagione agonistica svoltasi a Monza. Nello specifico le vetture che sono state schierate, hanno disputato il TCR Italy, il Campionato Italiano Turismo TCS e il monomarca Seat Leon ST Cupra Cup.

Sul tracciato brianzolo il marchio di Martorell ha calato il poker con quattro titoli assoluti nel TCR Italy e nel Campionato Italiano Turismo TCS. A trionfare nel primo è stato Nicola Baldan, portando al successo la Leon TCR del team Pit Lane Competizioni, mentre nel secondo Matteo Zucchi, che durante la stagione ha primeggiato al volante della Leon Cupra ST con 3 vittorie e 5 pole position.

Da segnalare la presenza di alcuni personaggi illustri nel Turismo TCS come Eddi La Marra e Jimmy Ghione, DJ Ringo, Edoardo Stoppa, Paolo Piva o Primo Reggiani, i quali hanno gareggiato con la Seat Leon Cupra ST che si è dimostrata sia divertente che performante, e capace di entusiasmare anche gli ospiti VIP.

Il monomarca Seat Leon ST Cupra Cup ha incoronato la coppia Torelli-Greco del team Nova Race, che ha svettato su Volpato e Nicoli, entrambi al secondo e terzo posto nella classifica finale. Un ottimo fine di stagione per Seat, specie durante la sperimentazione dell’offensiva concretizzatasi quest’anno col rinnovamento della Leon, il modello più venduto del marchio e utilizzato per le competizioni automobilistiche.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati