Pagani Rinascimento: il tempo per una Zonda non passa mai

Pagani Rinascimento: il tempo per una Zonda non passa mai

Nasce il programma di restauro ufficiale per la supercar italiana

Grazie al programma di restauro Pagani Rinascimento ogni esemplare di Zonda potrà ritornare alle medesime e splendide condizioni di quando uscì per la prima volta dai cancelli della fabbrica di San Cesario sul Panaro.
Pagani Rinascimento: il tempo per una Zonda non passa mai

Pagani Automobili ha annunciato il lancio di un inedito programma di restauro riservato alle proprie Zonda. Il programma in esame denominato Rinascimento si pone l’obiettivo di riportare qualsiasi Zonda uscita dalla fabbrica di San Cesario sul Panaro alle proprie condizioni originali al pari di un modello totalmente nuovo sia sotto il profilo estetico che sotto quello tecnico.

Attualmente nel mondo ci sono 137 esemplari di Zonda, la prima supercar prodotta da Pagani a partire dal 1999. Molti di questi esemplari hanno percorso anche più di 100.000 km finanche nelle condizioni più avverse e sulle strade più incredibili. Per questo motivo Pagani ha pensato di istituire un apposito programma di restauro per tutti quei modelli di Zonda che ne avessero bisogno.

In tal contesto il programma Rinascimento si prefigge di riportare a nuovo ogni esemplare di Zonda sostituendo perfino ogni singolo bullone o vite. In pratica una Zonda sottoposta a tale programma di restauro verrà dapprima verificata in sede per appurare ogni singolo pezzo da sostituire e poi verrà affidata in esclusiva ad un team di esperti interno all’azienda italiana che si occuperà della messa a nuovo dell’esemplare preso in carico.

Ogni singolo componente sostituito ed ogni parte tecnica aggiornata verranno poi documentati nel corso dei lavori con un nutrito numero di foto, disegni tecnici ed informazioni dettagliate utili a “raccontare” ogni singolo passo del restauro in modo tale da rilasciare al possessore della Zonda in oggetto una documentazione ultra dettagliata del lavoro effettuato.

Pagani ha confermato che i propri artigiani e meccanici designati allo scopo potranno seguire il restauro completo di una Zonda alla volta per assicurare la massima resa possibile e riportare la supercar del cliente alle medesime condizioni di quando uscì per la prima volta dai cancelli della fabbrica di San Cesario sul Panaro. Tutto il lavoro svolto sarà poi custodito all’interno di un apposito registro Pagani Rinascimento che verrà consegnato al cliente dell’esemplare di Zonda restaurato.

Horacio Pagani, fondatore dell’omonima azienda automobilistica, ha specificato: “Riportare alla luce ed all’originario splendore ognuno di questi capolavori è un piacere ma anche una grande responsabilità. I nostri clienti fanno affidamento su di noi perchè siamo gli unici al mondo ad essere capaci di restaurare una Pagani e di riportarla alle stesse condizioni di un modello totalmente nuovo. Per questo vogliamo dare ai nostri clienti l’emozione di entusiasmarsi come la prima volta.”

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati