Sistemi di guida assistita obbligatori sulle nuove auto: il Parlamento Europeo approva la proposta

Importante passo avanti per la sicurezza stradale

Sistemi ADAS obbligatori - Il Parlamento Europeo ha approvato la proposta per rendere obbligatori i sistemi ADAS su tutte la nuove auto, a partire dal sistema di frenata automatica d'emergenza con rilevamento pedoni e dal dispositivo di mantenimento della carreggiata.
Sistemi di guida assistita obbligatori sulle nuove auto: il Parlamento Europeo approva la proposta

I sistemi di guida assistita presto saranno obbligatori su tutte le nuove auto. Il Parlamento Europeo ha infatti approvato la proposta (con 593 voti a favore, 39 contrari e 53 astensioni) che imporrà ai costruttori automobilistici l’obbligo di dotare tutte le auto dei sistemi ADAS (Advanced Driver Assistance System).

Gli europarlamentari hanno così approvato la proposta avanzata dal deputato tedesco Dieter-Lebrecht Koch. Il voto favorevole ha riguardato anche un’altra misura: la riduzione a zero del tasso alcolemico per gli autisti professionisti e per i neopatentati.

Koch ha spiegato che “alla guida di un’auto, andando a piedi o in bicicletta, tutti commettiamo degli errori. E in questi casi i sistemi di assistenza automatica sono come silenziosi copiloti che ci aiutano ad evitare gli incidenti“. Sottolineando che il 90% degli incidenti è causato da errori umano, i parlamenti europei hanno sottolineato che il costo finale della auto aumenterebbe solo lievemente dotandole dei sistemi ADAS.

Come già avvenuto in passato con tecnologie come l’ABS e l’ESP, questo provvedimento vuole democratizzare altri sistemi rendendoli disponibili di serie su tutte le nuove vetture e non solo su quelle più accessoriate e costose. Tra queste tecnologie sono inclusi anche il sistema di frenata automatica d’emergenza con rilevamento dei pedoni e il dispositivo di mantenimento della carreggiata di marcia.

Ora resta da stabilire, sempre in sede europea, la tempistica e le modalità dell’entrata in vigore del provvedimento di obbligo.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati