Incidenti stradali: Toscana più pericolosa per i motorini, Emilia Romagna per le biciclette e Liguria per le moto

Dati emersi dall'elaborazione di DAS, compagnia di Generali Italia

Incidenti stradali - Dall'analisi dei dati Istat 2016 sugli incidenti stradali fatta da DAS, compagnia di Generali Italia, è emerso che le strade più pericolose sono quelle della Toscana per chi guida motorini e motocarri, quelle dell'Emilia Romagna per chi va in bici e quelle della Liguria per i motociclisti.
Incidenti stradali: Toscana più pericolosa per i motorini, Emilia Romagna per le biciclette e Liguria per le moto

Toscana per motorini e motocarri, Emilia Romagna per biciclette e Liguria per moto. Sono queste le regioni con le strade più pericolose per i rispettivi mezzi secondo le analisi dei dati fatta da DAS, compagnia di Generali Italia. Il dato sulla pericolosità delle strade è stato rilevato dal rapporto tra incidenti stradali ed abitanti.

Così si scopre che, stando ai dati Istat del 2016, in Toscana si è registrato 1 incidente ogni 1.901 abitanti che ha coinvolto almeno un ciclomotore e 1 ogni 58.506 con almeno un motocarro. In Emilia Romagna il rapporto più elevato, 1 incidente ogni 3.293 abitanti, riguarda le biciclette, mentre in Liguria è avvenuto 1 incidente ogni 357 abitanti che ha coinvolto moto di media e grossa cilindrata.

Secondo le elaborazioni fatte da DAS le strade più pericolose per i motociclisti si trovano in Liguria (con i dati sopra menzionati), in Lazio, dove si è registrato nel 2016 1 incidente ogni 837 residenti e in Toscana, (1/849). Le regioni con la più bassa densità di sinistri sono Molise (1/6368), Basilicata (1/6039) e Calabria (1/5283).

Gli amanti del “cinquantino” corrono elevati rischi, oltre che in Toscana, anche sulle strade della Liguria, con un incidente ogni 2530 abitanti e delle Marche (1/3533). Le regioni dove la densità di sinistri è più bassa sono Calabria (1/19319), Molise (1/16422) e Basilicata (1/13763).

I ciclisti, ha rilevato DAS, corrono un rischio elevato di fare incidenti non solo in Emilia-Romagna ma anche sulle strade del Veneto, dove si è verificato 1 sinistro ogni 1946 residenti, e del Trentino Alto Adige (1/1.965), terzo in Italia. Molise (1 incidente ogni 34670 abitanti), Calabria (1/25.591) e Campania (1/17.838) sono le regioni con il più basso rapporto residenti/incidenti.

Dopo quelle toscane, le strade della Puglia sono le più pericolose per i conducenti di motocarri (1 incidente ogni 60853 residenti), seguite da quelle liguri (1/71412). Secondo l’analisi di DAS, la frequenza di sinistri con motocarri è trascurabile in Piemonte (1/1468082) e Veneto (1/1638374).

 

Leggi altri articoli in Assicurazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati