WP_Post Object ( [ID] => 463302 [post_author] => 8 [post_date] => 2017-11-22 12:20:11 [post_date_gmt] => 2017-11-22 11:20:11 [post_content] => Il primo ristorante che abbiamo visitato in questa nostra riscoperta della Guida Michelin 1956 è il Da Giovannino, che si trova a Malgrate, in provincia di Lecco. Si trova all’interno dell’Hotel Promessi Sposi, nome più che mai evocativo dato che siamo proprio sulle rive di “quel” ramo del lago di Como e che subito al di là della strada troviamo una struttura che riporta alcune delle parole immortali di Alessandro Manzoni. Il ristorante Da Giovannino, come ci racconta il proprietario Fabio Dadati, ha una storia che risale addirittura alla metà del XIX secolo e che recentemente si è rinnovato, puntando a riscoprire gli ingredienti e i sapori di un tempo, oggi dimenticati. “La mia avventura inizia qualche decennio fa – ha spiegato lo stesso chef Giorgio Cabella, con parole riportate anche sul sito ufficiale - In un luogo magico che sa di mare, storia, tradizione e poesia, un melting pot culturale che mi ha spinto a fare di una grande passione il mio lavoro. Attraverso il cibo possiamo riscoprire le nostre tradizioni, le nostre radici, i profumi e i sapori della nostra terra, la cucina è una lunga e meravigliosa storia da raccontare ed io cerco di raccontarla attraverso i miei piatti. Sono tre i punti importanti su i quali costruisco il mio lavoro: rispetto per la natura, rispetto per il prodotto e cultura del cibo. Tutto ciò è necessario per dare il giusto valore al mondo del cibo”. In questa nostra visita ci siamo fatti quindi preparare un piatto che potesse essere un simbolo di queste acque, di quest’aria e di questa terra. Lo chef ci ha proposto il riso in cagnone al persico fritto. Non perdetevi la sua preparazione nel nostro video speciale, anche se non dovete aspettarvi la ricetta. Se lo volete gustare, il ristorante Da Giovannino si trova in Via Italia 4 a Malgrate, in provincia di Lecco. RISCOPRI TUTTE LE PUNTATE DELLO SPECIALE GUIDA ROSSA MICHELIN 1956 [post_title] => Speciale Guida Rossa Michelin 1956: il riso di Lecco [#HOLIDAYTEST - SECONDA PARTE] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => speciale-guida-rossa-michelin-1956-il-riso-di-lecco-holidaytest-seconda-parte [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-11-23 15:15:18 [post_modified_gmt] => 2017-11-23 14:15:18 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=463302 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Speciale Guida Rossa Michelin 1956: il riso di Lecco [#HOLIDAYTEST – SECONDA PARTE]

Al ristorante Da Giovannino con lo chef Giorgio Cabella

Il primo ristorante che abbiamo trovato sulla Guida Rossa Michelin 1956 è il Da Giovannino, ora incluso all’interno dell’Hotel Promessi Sposi, ma la cui storia si sviluppa sin dal XIX secolo. Qui, insieme allo chef Giorgio Cabella, abbiamo scoperto un piatto davvero eccezionale: il riso in cagnone al persico fritto
Speciale Guida Rossa Michelin 1956: il riso di Lecco [#HOLIDAYTEST – SECONDA PARTE]

Il primo ristorante che abbiamo visitato in questa nostra riscoperta della Guida Michelin 1956 è il Da Giovannino, che si trova a Malgrate, in provincia di Lecco. Si trova all’interno dell’Hotel Promessi Sposi, nome più che mai evocativo dato che siamo proprio sulle rive di “quel” ramo del lago di Como e che subito al di là della strada troviamo una struttura che riporta alcune delle parole immortali di Alessandro Manzoni.

Il ristorante Da Giovannino, come ci racconta il proprietario Fabio Dadati, ha una storia che risale addirittura alla metà del XIX secolo e che recentemente si è rinnovato, puntando a riscoprire gli ingredienti e i sapori di un tempo, oggi dimenticati. “La mia avventura inizia qualche decennio fa – ha spiegato lo stesso chef Giorgio Cabella, con parole riportate anche sul sito ufficiale – In un luogo magico che sa di mare, storia, tradizione e poesia, un melting pot culturale che mi ha spinto a fare di una grande passione il mio lavoro. Attraverso il cibo possiamo riscoprire le nostre tradizioni, le nostre radici, i profumi e i sapori della nostra terra, la cucina è una lunga e meravigliosa storia da raccontare ed io cerco di raccontarla attraverso i miei piatti. Sono tre i punti importanti su i quali costruisco il mio lavoro: rispetto per la natura, rispetto per il prodotto e cultura del cibo. Tutto ciò è necessario per dare il giusto valore al mondo del cibo”.

In questa nostra visita ci siamo fatti quindi preparare un piatto che potesse essere un simbolo di queste acque, di quest’aria e di questa terra. Lo chef ci ha proposto il riso in cagnone al persico fritto. Non perdetevi la sua preparazione nel nostro video speciale, anche se non dovete aspettarvi la ricetta. Se lo volete gustare, il ristorante Da Giovannino si trova in Via Italia 4 a Malgrate, in provincia di Lecco.

RISCOPRI TUTTE LE PUNTATE DELLO SPECIALE GUIDA ROSSA MICHELIN 1956

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Guida Rossa Michelin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati