WP_Post Object ( [ID] => 463946 [post_author] => 65 [post_date] => 2017-11-24 11:56:54 [post_date_gmt] => 2017-11-24 10:56:54 [post_content] => Pirelli - Marco Tronchetti Provera, Executive Vice Chairman e CEO Pirelli, e Ferruccio Rota, Rettore del Politecnico di Milano, hanno siglato oggi il rinnovo dell'accordo Join Labs, il sodalizio nato nel 2011 per lo sviluppo di soluzioni innovative nell'ambito degli pneumatici. Utilizzo di nanocariche per la produzione di coperture a basso impatto ambientale; studio di modelli matematici a supporto del Cyber Tyres; sviluppo di materiali innovativi in grado di proteggere il pneumatico dall'invecchiamento: sono queste alcune delle sfide che Pirelli e Politecnico affronteranno insieme nei prossimi tre anni e che rappresentano i pilastri dell'intesa che lega i due enti. Questo nuovo accordo (valido fino al 2020) si concentra su due macro-filoni: la ricerca di nuovi materiali e lo sviluppo di prodotti per la soluzione di problemi legati al rumore, all'acquaplaning e all'aerodinamica del pneumatico, oltre che sviluppare chip che consentano a queste vere e proprie “cyber tyres” di fornire informazioni utili alla sicurezza nella guida, proprio come avviene in Formula1. “Oggi sempre di più innovare e fare ricerca non è un 'optional', ma un 'must'. Chi non si adegua esce di scena - ha dichiarato Tronchetti Provera -. Chi non investe non è competitivo, mentre chi inizia per primo a investire ha maggiori vantaggi sui mercati. Le sfide che stanno vivendo il nostro settore e quello dell'automotive, sono sempre più grandi. Stiamo attraversando una trasformazione senza precedenti, dove l'automazione e la connettività la fanno da padrone. In un contesto così dinamico è necessario lavorare a stretto contatto con gli enti di ricerca e le università”. Belle parole, sottolineate da quelle di Resta: “La collaborazione tra Pirelli e il nostro Ateneo è solida e conferma come ricerca, innovazione, università e impresa vanno di pari passo e insieme possono raccogliere e affrontare nuove sfide. Il Joint Labs con Pirelli acquista oggi un valore ancora superiore per noi e per la città di Milano, che ha tutte le carte in regola per essere un vero e proprio hub per lo sviluppo tecnologico della mobilità moderna. Abbiamo una grande opportunità e non possiamo farci cogliere impreparati”. Ad affiancare Marco Tronchetti Provera e Ferruccio Resta nella firma dell'accordo, avvenuta oggi nell'Aula Magna dell'istituto milanese, c'erano Gianantonio Magnani, Presidente Fondazione Politecnico di Milano e Maurizio Boiocchi, Executive Vice Presidente e Strategic Advisor Technology Pirelli. [post_title] => Pirelli: rinnovato il programma di ricerca “Joint Labs” col Politecnico di Milano [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => pirelli-rinnovato-il-programma-di-ricerca-joint-labs-col-politecnico-di-milano [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-11-24 12:25:02 [post_modified_gmt] => 2017-11-24 11:25:02 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=463946 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Pirelli: rinnovato il programma di ricerca “Joint Labs” col Politecnico di Milano

Marco Tronchetti Provera: "Oggi sempre di più innovare e fare ricerca non è un optional, ma un must"

Questo nuovo accordo (valido fino al 2020) si concentra su due macro-filoni: la ricerca di nuovi materiali e Cyber Tyres

PirelliMarco Tronchetti Provera, Executive Vice Chairman e CEO Pirelli, e Ferruccio Rota, Rettore del Politecnico di Milano, hanno siglato oggi il rinnovo dell’accordo Join Labs, il sodalizio nato nel 2011 per lo sviluppo di soluzioni innovative nell’ambito degli pneumatici. Utilizzo di nanocariche per la produzione di coperture a basso impatto ambientale; studio di modelli matematici a supporto del Cyber Tyres; sviluppo di materiali innovativi in grado di proteggere il pneumatico dall’invecchiamento: sono queste alcune delle sfide che Pirelli e Politecnico affronteranno insieme nei prossimi tre anni e che rappresentano i pilastri dell’intesa che lega i due enti.

Questo nuovo accordo (valido fino al 2020) si concentra su due macro-filoni: la ricerca di nuovi materiali e lo sviluppo di prodotti per la soluzione di problemi legati al rumore, all’acquaplaning e all’aerodinamica del pneumatico, oltre che sviluppare chip che consentano a queste vere e proprie “cyber tyres” di fornire informazioni utili alla sicurezza nella guida, proprio come avviene in Formula1.

Oggi sempre di più innovare e fare ricerca non è un ‘optional’, ma un ‘must’. Chi non si adegua esce di scena – ha dichiarato Tronchetti Provera -. Chi non investe non è competitivo, mentre chi inizia per primo a investire ha maggiori vantaggi sui mercati. Le sfide che stanno vivendo il nostro settore e quello dell’automotive, sono sempre più grandi. Stiamo attraversando una trasformazione senza precedenti, dove l’automazione e la connettività la fanno da padrone. In un contesto così dinamico è necessario lavorare a stretto contatto con gli enti di ricerca e le università”.

Belle parole, sottolineate da quelle di Resta: “La collaborazione tra Pirelli e il nostro Ateneo è solida e conferma come ricerca, innovazione, università e impresa vanno di pari passo e insieme possono raccogliere e affrontare nuove sfide. Il Joint Labs con Pirelli acquista oggi un valore ancora superiore per noi e per la città di Milano, che ha tutte le carte in regola per essere un vero e proprio hub per lo sviluppo tecnologico della mobilità moderna. Abbiamo una grande opportunità e non possiamo farci cogliere impreparati”.

Ad affiancare Marco Tronchetti Provera e Ferruccio Resta nella firma dell’accordo, avvenuta oggi nell’Aula Magna dell’istituto milanese, c’erano Gianantonio Magnani, Presidente Fondazione Politecnico di Milano e Maurizio Boiocchi, Executive Vice Presidente e Strategic Advisor Technology Pirelli.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati