Mercedes con chiave elettronica: così la rubano in meno di un minuto [VIDEO]

Altro furto "hi-tech" documentato dalle immagini della polizia inglese

Furto auto con chiave elettronica - Dall'Inghilterra arrivano le immagini, diffuse dalla polizia britannica, di un altro furto di una vettura, questa volta una Mercedes, dotata di chiave elettronica con il solito metodo di cattura del segnale digitale e deviazione dello stesso verso l'auto che apre così le porte.
Mercedes con chiave elettronica: così la rubano in meno di un minuto [VIDEO]

Ad alcune settimane di distanza da un altro episodio simile, avvenuto sempre in Inghilterra, la polizia britannica ha diffuso il video di un telecamera di sorveglianza che documenta il furto di una Mercedes nuova, dotata di blocco e sblocco delle portiere con chiave elettronica, avvenuto a Solihull, Birmingham, Regno Unito.

I due malviventi sono riusciti a rubare l’auto senza necessità di forzare le porte, ma aggirando il sistema di sicurezza elettronico di apertura/chiusura delle stesse. Come già avevamo visto nel precedente caso, anche stavolta è bastata una manciata di secondi ai criminali per riuscire con facilità nel loro intento.

Il metodo è sempre lo stesso: dotati di specifica attrezzatura i ladri, aggirandosi intorno alla casa, catturano il segnale digitale della chiave elettronica, che si trova all’interno dell’abitazione, deviandone la trasmissione verso la vettura che si sblocca e apre le portiere.

Per evitare questa tipologia di furti, che in Inghilterra sono sempre più diffusi, la polizia consiglia ai proprietari di riporre la chiave elettronica dell’auto in una cassaforte, in modo tale che il metallo faccia da schermo protettivo respingendo i segnali dei dispositivi dirottatori in possesso delle bande di ladri.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

8 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Fernando

    2 dicembre 2017 at 08:47

    Vivo a Foggia. Qui Il furto tramite ripetitore di segnale è usato dal giorno in cui è nato questo sistema sulle auto, basta dotarsi di apposito portachiavi schermato, dove riporre la chiave quando si e fuori dall’auto, se non riuscite a trovarne uno basta ricucire due lembi di stoffa con in mezzo carta alluminio, e chiuderci dentro le chiavi che così non riusciranno ad inviare alcun segnale, tirarla fuori solo al momebto di mettersi in macchina e di richiederla.

  2. zioru

    7 dicembre 2017 at 19:49

    Basta mettere le chiavi all’interno di un sacchettino delle patatine o simili in alluminio.

  3. Libre Canto

    30 dicembre 2017 at 18:35

    Due suggerimenti molto interessanti. A me con questo sistema hanno fatto fuori un’Infiniti Q50.

  4. Guido

    2 gennaio 2018 at 22:20

    Ma fino a quale distanza riescono a catturare il segnale?

  5. Memo

    8 gennaio 2018 at 02:44

    Ma per favore, basta con queste sciocchezze, oggi fare un chip con riconoscimenti vari ci vuole poco mi meraviglio che le compagnie non tengono conto di queste cose( forse per vendere + automobili) la chiave é operativa Se la rendi operativa poi puoi mettere diversi riconoscimennti, per rubarla la forzi poi ci metti il morto. Ogni riconoscimento abilita una funzione della macchina. Oppure la porti via con una gru, ma sempre spenta.

  6. memi

    17 gennaio 2018 at 12:33

    ma se te la rubo ci devi mettere per forza il morto?

  7. Gianmarco

    17 gennaio 2018 at 22:41

    Sono tutte balle ! Stai tranquillo! Queste auto sono programmate per ricevere il segnale dalle due chiavi che ti danno in dotazione . Se si clona la terza chiave la centralina dell’auto non la riconosce perché le case automobilistiche hanno già previsto il blocco del terzo telecomando.

  8. Mario

    22 gennaio 2018 at 15:04

    Gianmarco leggi bene… qua non si parla di clonazione, ma di deviazione del segnale di una chiave gia esistente e preconfigurata in centralina… una tecnica vecchia e funzionante… prima di parlare collegatevi va…

Articoli correlati