Aston Martin Vulcan: il tuning di RML Group la rende omologabile per la strada [FOTO]

Così si può circolare con gli 820 CV della supercar inglese

Aston Martin Vulcan versione stradale - L'azienda inglese RML Group ha lavorato sull'Aston Martin Vulcan per renderla un modello in grado di poter circolare per strada. La supercar della Casa britannica, realizzata per l'uso esclusivo in pista, ha comunque mantenuto gli 820 CV di potenza della versione originaria.

Una piccola azienda di ingegneria britannica, che porta il nome di RML Group, ha realizzato la prima Aston Martin Vulcan stradale al mondo.

Dopo averne annunciato l’intenzione di realizzarla più di un anno e mezzo fa, adesso la Vulcan omologata per circolare in strada ha fatto la sua prima apparizione, come testimoniano i tweet sotto, con alcuni giornalisti inglesi che hanno anche avuto la possibilità di mettersi alla guida di questa folle creazione di RML Group.

A differenza della McLaren P1 GTR che è una vettura da pista basata sulla P1 stradale, l’Aston Martin Vulcan è destinata a fare il percorso inverso dato che è stata originariamente progettata per il suo esclusivo utilizzo sui circuiti. Di conseguenza le modifiche che RML Group ha dovuto fare sulla Vulcan per renderla omologabile a circolare in strada sono molto più significative rispetto a quelle che tempo fa fece Lanzante con la P1 GTR stradale.

Sull’anteriore della Vulcan di RML si nota un nuovo cofano accompagnato da un nuovo paraurti e nuovi gruppi ottici. Tra le novità visibili sulla coda troviamo gli indicatori di direzione inseriti con delle barre verticali nelle due estremità laterali dell’alettone posteriore in fibra di carbonio. A ciò si aggiungono le coperture in plastica sui fanali e una coppia di piccoli riflettori sulla fascia posteriore.

Sorprendentemente RML è stata in grado di mantenere tutta la potenza degli 820 CV erogati dal motore V12 aspirato naturalmente da 7.0 litri che equipaggia la versione originaria della Vulcan.

Aston Martin ha prodotto soltanto 24 esemplari della Vulcan, ma non saremmo sorpresi di vedere in futuro una serie limitata altrettanto esigua ed esclusiva della supercar britannica in versione stradale, magari traendo spunto dal lavoro fatto dai tecnici di RML Group.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati