WP_Post Object ( [ID] => 481626 [post_author] => 40 [post_date] => 2018-01-17 12:03:52 [post_date_gmt] => 2018-01-17 11:03:52 [post_content] => La carrozzeria veste il classico Rosso Alfa, sottolineando la natura potente del nuovo Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, la versione ad alte prestazioni del noto SUV della casa lombarda, mostrato al Salone di Detroit 2018. Oltre a una veste grintosa e alla presenza di diversi sistemi tecnologici ottimizzati per l'intrattenimento di bordo e la sicurezza, l'essenza di questo SUV è legata strettamente a una meccanica prestazionale, che esterna qualità stradali spiccate. La notevole potenza generata è gestibile grazie a una congiuntura di soluzioni tecniche e tecnologiche, studiate dai tecnici del marchio per plasmare il carattere del veicolo. Tra quelli segnalati, un sistema frenate ad alte prestazione Integrated Brake System (IBS) caratterizzato da muscolosi dischi carbo-ceramici, senza dimenticare delle sospensioni dedicate AlfaLink®, con Alfa® Active Suspension e anche un Alfa® Chassis Domain Control (CDC) e un Alfa® Active Torque Vectoring. Tutte soluzioni funzionali nell'alchimia di marcia. Un ritmo orchestrabile tramite uno sterzo pronto ad ogni sollecitazione. La potenza è veicolata anche da un sofisticato sistema di trazione Q4. In base alle necessità e al percorso affrontato, può essere trasferito un valore di coppia anche del 100% verso l’assale posteriore o, in alternativa, il 50% verso l'anteriore. Peculiare anche l'Alfa DNA® Pro, arricchito da un programma Race. Modalità che rende i cambi di marcia ancora più veloci, in appena 150 millisecondi. Come accennato, cuore del progetto resta il prestazionale motore di 2.9 litri Bi-Turbo, che può generare una potenza massima di 510 cavalli a 6.500 giri/minuto e una corposa coppia di 600 Nm, tra i 2.500 e i 5.000 giri/minuto. Tale forza è tradotta in un'accelerazione da 0 a 100 km/h completata nell'arco di 3,8 secondi, considerando anche un rapporto peso/potenza di 3,6 Kg/CV e un dato specifico di 176 CV/l. Il picco massimo di velocità indicato, pari a 283 km/h di velocità, risulta il più alto del segmento. Valori di rilievo, valutando che si tratta di un SUV di media taglia lungo 4,70 metri, largo 2,16 m e alto 1,68 m, dotato di un'estetica prettamente sportiva. [post_title] => Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio: un esempio di potenza al Salone di Detroit 2018 [FOTO LIVE] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => alfa-romeo-stelvio-quadrifoglio-un-esempio-di-potenza-al-salone-di-detroit-2018-foto-live [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-01-17 12:03:52 [post_modified_gmt] => 2018-01-17 11:03:52 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=481626 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio: un esempio di potenza al Salone di Detroit 2018 [FOTO LIVE]

Sotto il cofano il noto 2.9 litri Bi-Turbo da 510 cavalli

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio – Il marchio del Biscione mostra la versione più potente del proprio SUV, animato dal potente propulsore di 2.9 litri introdotto in precedenza sulla Giulia Quadrifoglio

La carrozzeria veste il classico Rosso Alfa, sottolineando la natura potente del nuovo Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, la versione ad alte prestazioni del noto SUV della casa lombarda, mostrato al Salone di Detroit 2018.

Oltre a una veste grintosa e alla presenza di diversi sistemi tecnologici ottimizzati per l’intrattenimento di bordo e la sicurezza, l’essenza di questo SUV è legata strettamente a una meccanica prestazionale, che esterna qualità stradali spiccate.

La notevole potenza generata è gestibile grazie a una congiuntura di soluzioni tecniche e tecnologiche, studiate dai tecnici del marchio per plasmare il carattere del veicolo. Tra quelli segnalati, un sistema frenate ad alte prestazione Integrated Brake System (IBS) caratterizzato da muscolosi dischi carbo-ceramici, senza dimenticare delle sospensioni dedicate AlfaLink®, con Alfa® Active Suspension e anche un Alfa® Chassis Domain Control (CDC) e un Alfa® Active Torque Vectoring. Tutte soluzioni funzionali nell’alchimia di marcia. Un ritmo orchestrabile tramite uno sterzo pronto ad ogni sollecitazione. La potenza è veicolata anche da un sofisticato sistema di trazione Q4. In base alle necessità e al percorso affrontato, può essere trasferito un valore di coppia anche del 100% verso l’assale posteriore o, in alternativa, il 50% verso l’anteriore. Peculiare anche l’Alfa DNA® Pro, arricchito da un programma Race. Modalità che rende i cambi di marcia ancora più veloci, in appena 150 millisecondi.

Come accennato, cuore del progetto resta il prestazionale motore di 2.9 litri Bi-Turbo, che può generare una potenza massima di 510 cavalli a 6.500 giri/minuto e una corposa coppia di 600 Nm, tra i 2.500 e i 5.000 giri/minuto. Tale forza è tradotta in un’accelerazione da 0 a 100 km/h completata nell’arco di 3,8 secondi, considerando anche un rapporto peso/potenza di 3,6 Kg/CV e un dato specifico di 176 CV/l. Il picco massimo di velocità indicato, pari a 283 km/h di velocità, risulta il più alto del segmento. Valori di rilievo, valutando che si tratta di un SUV di media taglia lungo 4,70 metri, largo 2,16 m e alto 1,68 m, dotato di un’estetica prettamente sportiva.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati