WP_Post Object ( [ID] => 484318 [post_author] => 63 [post_date] => 2018-01-24 18:37:30 [post_date_gmt] => 2018-01-24 17:37:30 [post_content] => Addio alla vecchia targa, ora arriva quella digitale. Succede negli Stati Uniti, dove l’azienda Reviver Auto (fondata nel 2009) ha brevettato il primo prototipo di targa digitale e l'ha presentato in anteprima al Salone di Detroit. Ecco di che cosa si tratta.  

Targhe digitali: in California equipaggeranno 100mila auto

Al Salone dell’auto di Detroit, in corso di svolgimento per gli addetti ai lavori e aperto al pubblico dal 20 al 28 gennaio, Reviver Auto ha presentato la “RPlate Pro”. Trattasi di una targa digitale che nel corso dell’anno andrà ad equipaggiare circa 100mila veicoli nello Stato della California, ma che presto arriverà anche in altre zone degli Stati Uniti dato che Texas, Florida e Arizona hanno già chiesto il permesso di utilizzare questa nuova tecnologia. Ma in che cosa consiste la targa digitale? In pratica, al posto della normale placca metallica abbiamo un display che ci mostra la sigla identificativa dell’auto. Display che, alla bisogna, può essere connesso allo smartphone del proprietario della macchina e quest’ultimo sarà in grado di effettuare tutte le operazioni relative al proprio veicolo, come ad esempio il pagamento delle multe o delle tasse di circolazione. Ma non è tutto, perché sarà anche possibile visualizzare messaggi pubblicitari a vettura parcheggiata. Tuttavia, la targa “connessa” potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio, visto che sarà in grado anche di segnalare alle autorità eventuali violazioni del Codice della Strada. Negli Stati Uniti la targa digitale potrà essere rinnovata online attraverso l’app e il sito di Reviver Auto, saltando quindi la lunga trafila burocratica e, se installata su auto che fanno parte di una flotta aziendale, consentirà di tenerle monitorate e rintracciarle più velocemente. E in Italia? Da noi purtroppo la targa non può mai essere cambiata, nemmeno quando il veicolo passa di proprietà. Inoltre, le targhe automobilistiche sono stampate unicamente dalla Zecca, nello stabilimento di Foggia. [post_title] => Addio vecchia targa, in California arrivano quelle digitali [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => targa-digitale-california [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-01-24 18:37:30 [post_modified_gmt] => 2018-01-24 17:37:30 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=484318 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Addio vecchia targa, in California arrivano quelle digitali

La novità presentata al Salone di Detroit

Negli Stati Uniti l’azienda Reviver Auto ha brevettato il primo prototipo di targa digitale. Ecco di che cosa si tratta
Addio vecchia targa, in California arrivano quelle digitali

Addio alla vecchia targa, ora arriva quella digitale. Succede negli Stati Uniti, dove l’azienda Reviver Auto (fondata nel 2009) ha brevettato il primo prototipo di targa digitale e l’ha presentato in anteprima al Salone di Detroit. Ecco di che cosa si tratta.

 

Targhe digitali: in California equipaggeranno 100mila auto

Al Salone dell’auto di Detroit, in corso di svolgimento per gli addetti ai lavori e aperto al pubblico dal 20 al 28 gennaio, Reviver Auto ha presentato la “RPlate Pro”. Trattasi di una targa digitale che nel corso dell’anno andrà ad equipaggiare circa 100mila veicoli nello Stato della California, ma che presto arriverà anche in altre zone degli Stati Uniti dato che Texas, Florida e Arizona hanno già chiesto il permesso di utilizzare questa nuova tecnologia.

Ma in che cosa consiste la targa digitale? In pratica, al posto della normale placca metallica abbiamo un display che ci mostra la sigla identificativa dell’auto. Display che, alla bisogna, può essere connesso allo smartphone del proprietario della macchina e quest’ultimo sarà in grado di effettuare tutte le operazioni relative al proprio veicolo, come ad esempio il pagamento delle multe o delle tasse di circolazione. Ma non è tutto, perché sarà anche possibile visualizzare messaggi pubblicitari a vettura parcheggiata. Tuttavia, la targa “connessa” potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio, visto che sarà in grado anche di segnalare alle autorità eventuali violazioni del Codice della Strada.

Negli Stati Uniti la targa digitale potrà essere rinnovata online attraverso l’app e il sito di Reviver Auto, saltando quindi la lunga trafila burocratica e, se installata su auto che fanno parte di una flotta aziendale, consentirà di tenerle monitorate e rintracciarle più velocemente.

E in Italia? Da noi purtroppo la targa non può mai essere cambiata, nemmeno quando il veicolo passa di proprietà. Inoltre, le targhe automobilistiche sono stampate unicamente dalla Zecca, nello stabilimento di Foggia.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati