WP_Post Object ( [ID] => 488649 [post_author] => 51 [post_date] => 2018-02-03 12:25:28 [post_date_gmt] => 2018-02-03 11:25:28 [post_content] => Nuova Mercedes Classe A MY 2018 - Il nuovo modello della compatta di Stoccarda è stato finalmente svelato. Si tratta di una vettura che rispetto alla generazione precedente è diventata più tecnologica, sportiva e spaziosa. Secondo Mercedes è riuscita a ridefinire il lusso in chiave moderna tra le compatte, a rivoluzionare il design interno e l’interazione tra guidatore e vettura. Vediamo il perchè di queste affermazioni. Innanzitutto a livello di stile, la nuova nata mette in evidenza un’evoluzione della filosofia di design Mercedes basato su linee pulite ed aggressive. Gli esterni della nuova Classe A sono sportivi, dinamici e accattivanti: innovativo è il design della parte anteriore con il cofano motore ribassato, i fari a LED piatti "con elemento cromato e fiaccola delle luci di marcia diurne", e la mascherina del radiatore Matrix con in bella evidenza la Stella al centro. Grazie al cofano più basso, al passo più lungo e ad un profilo laterale più filante, l’auto sembra più lunga rispetto al modello precedente. I passaruota, anch'essi più grandi, danno subito la percezione di una vettura incollata all’asfalto sottolineandone di fatto la maggiore sportività. La forte rientranza della parte superiore della vettura, che mette in risalto le spalle, e i catarifrangenti posteriori alloggiati nei paraurti modulari sdoppiati accentuano la larghezza della coda. Le sottili luci posteriori sdoppiate conferiscono infine un tocco di eleganza e raffinatezza. Stile a parte, la nuova Mercedes Classe A risulta essere la vettura più aerodinamica del suo segmento grazie ad un CX di 0,25 e ad una superficie frontale di 2,19 m2. Risultato raggiunto anche grazie ad inedite tecnologie utilizzate per la prima volta nella classe delle compatte: grazie ad un AIRPANEL sdoppiato (disponibile a richiesta) la mascherina del radiatore apre le lamelle regolabili in funzione dell’aria di raffreddamento necessaria. Allo stesso modo una seconda lamella, alloggiata nel condotto di aspirazione dell’aria sotto la targa, migliora ulteriormente le prestazioni aerodinamiche della vettura. Se lo stile esterno è figlio dell'evoluzione, il design degli interni è figlio di una decisa rivoluzione, a cominciare dagli spazi a disposizione di guidatore e passeggeri. Difatti, nonostante l’aspetto sportivo, la nuova Mercedes Classe A è molto più pratica e spaziosa rispetto alla versione che va a sostituire grazie ad un maggiore spazio per spalle, gomiti e testa, ad un accesso più agevole ai sedili posteriori e ad un bagagliaio più grande (370 litri, 29 litri in più del vecchio modello). A livello stilistico e tecnologico, gli interni della nuova Mercedes Classe A si presentano completamente rinnovati: la nuova architettura particolare degli spazi si deve soprattutto all'inedita plancia portastrumenti che non presenta la classica calotta di copertura. La plancia portastrumenti è suddivisa in due corpi orizzontali ed il display widescreen è sospeso sulla plancia. Il display che caratterizza l'intera plancia è disponibile in tre versioni: due display da 7" (17,78 cm), un display da 7" e uno da 10,25" (26 cm) oppure due display da 10,25" (26 cm). L'originale plancia pensata da Mercedes per la nuova Classe A fa da sfondo ad una vera e propria rivoluzione tecnologica: la quarta generazione della compatta di  Stoccarda è il primo modello della Stella ad essere equipaggiato con il nuovissimo sistema multimediale MBUX (Mercedes-Benz User Experience), infotainment che segna l’inizio di una nuova era della connettività e dell’interazione tra guidatore e vettura. La particolarità di questo sistema è la capacità di apprendere grazie all’intelligenza artificiale: il MBUX, personalizzabile e adattabile, mette in collegamento in maniera inedita tra loro auto, guidatore e passeggeri grazie alla grafica 3D ad altissima risoluzione, ai comandi touchscreen del display multimediale, alla navigazione con tecnologia della realtà aumentata (a richiesta), ai comandi vocali intelligenti con comprensione del linguaggio naturale che vengono attivati con l’espressione "Hey Mercedes". I comandi vocali intelligenti supportano molte funzioni di infotainment (come ad esempio immissione della destinazione, telefonate, scelta di un brano musicale, possibilità di prendere appunti o lettura vocale, previsioni del tempo) e molte funzioni comfort come climatizzazione, riscaldamento e luci. La novità del sistema MBUX è che fino ad oggi, quando si impartiva un comando vocale in auto bisognava pronunciare una frase specifica, mentre grazie alla comprensione del linguaggio naturale, il nuovo Voicetronic "comprende quasi ogni parola e riconosce quasi tutte le frasi che vengono solitamente pronunciate nell’ambito dell’infotainment e dei comandi della vettura".  L'ulteriore novità è che le azioni vocali sono capaci di apprendere dall’esperienza. Da una parte si adattano all’utente e alla sua voce e capiscono meglio anche gli utenti con accento straniero. Dall’altra i modelli software presenti sul server apprendono man mano nuove parole o imparano a fare un uso diverso della lingua. Il sistema, inoltre, fa sapere Mercedes non usa risposte stereotipate, ma risponde in modo decisamente vario a seconda delle occasioni. A livello tecnologico, la nuova Mercedes Classe A è dotata dei sistemi di assistenza alla guida di ultima generazione che assistono attivamente il guidatore ed offrono quindi un livello di sicurezza attiva più alto del segmento con funzioni riprese direttamente dalla Classe S. In tal contesto, e per la prima volta, la nuova Classe A può viaggiare in modalità parzialmente automatica. Il presupposto fondamentale è la capacità di sapere cosa succede nelle immediate vicinanze: sistemi perfezionati basati su telecamere e radar monitorano la strada fino a 500 metri di distanza. La nuova Mercedes Classe A fa sfoggio di svariati sistemi di assistenza alla guida: il sistema di assistenza attivo alla regolazione della distanza DISTRONIC che può assistere il guidatore in molteplici situazioni sulla base dei dati di navigazione e modificare la velocità in prossimità di curve, incroci o rotatorie. Il sistema di assistenza attiva al cambio di corsia: se su una strada a più corsie il guidatore intende cambiare corsia nell’intervallo di velocità compreso tra 80 e 180 km/h, ora gli basta premere leggermente la leva dell’indicatore di direzione. Se nell’area di sicurezza interessata non si trova alcun veicolo, il guidatore viene supportato nel cambio di corsia, poiché la manovra avviata viene visualizzata nella strumentazione. Sistema di assistenza attiva alla frenata di emergenza: questo sistema è in grado di frenare la vettura fino al suo completo arresto, mantenendola nella sua corsia di marcia, quando rileva un periodo prolungato di inattività del guidatore con il sistema di assistenza allo sterzo attivo inserito. Se, con il sistema di assistenza allo sterzo attivo inserito, per un certo intervallo di tempo non si ha alcuna attività al volante, il sistema esorta il guidatore con messaggi ottici e acustici a riportare le mani sul volante. Se dopo ripetuti inviti ottici e acustici il guidatore non reagisce sterzando, accelerando, frenando o premendo i pulsanti touch control sul volante, la vettura decelera nella corsia riconosciuta fino all’arresto. Una volta arrestata la vettura, viene inserito automaticamente il freno di stazionamento e, dopo dieci secondi, viene effettuata automaticamente una chiamata di emergenza Mercedes. Inoltre la vettura viene sbloccata per consentire ai soccorritori di avere accesso a bordo. Nel caso in cui il guidatore riprende il controllo della vettura, le funzioni di assistenza si interrompono immediatamente. Sistema di assistenza alla frenata attivo: se il guidatore non reagisce ad una situazione di pericolo il sistema aiuta ad evitare collisioni con veicoli fermi, che precedono o che provengono lateralmente e con i pedoni. Nell'ordine il sistema procede a segnalare mediante una spia di avvertimento nella strumentazione se la distanza è insufficiente rispetto al veicolo che precede, emettere un avvertimento acustico aggiuntivo se riconosce il pericolo di collisione, fornire assistenza in frenata in funzione della situazione, se frena anche il guidatore, effettuare una frenata di emergenza automatica in presenza di veicoli che precedono, che sono fermi o in attraversamento se il guidatore non reagisce, effettuare una frenata di emergenza automatica anche in presenza di pedoni/ciclisti fermi o in fase di attraversamento. Sistema di sterzata automatica: nell’intervallo tra 20 e 70 km/h di velocità il sistema di sterzata automatica può assistere il guidatore quando, in una situazione di pericolo, vuole evitare un ostacolo che è stato individuato dai radar e dalla telecamera stereoscopica multifunzione. Quando il guidatore avvia una manovra di scarto con una sterzata, il sistema asseconda l’operazione imprimendo allo sterzo una serie di momenti sterzanti supplementari calcolati con precisione, che aiutano ad evitare in modo controllato il pedone e facilitano il raddrizzamento successivo della vettura per poter proseguire in sicurezza. Sistema antisbandamento attivo: nell’intervallo compreso tra 60 e 200 km/h di velocità il sistema può segnalare al guidatore l’abbandono accidentale della corsia di marcia trasmettendo leggere vibrazioni al volante e, se la vettura interseca una striscia di demarcazione continua, è in grado di riportarla in carreggiata frenando le ruote di uno stesso lato della vettura. Capitolo motori: al momento del lancio sul mercato, la nuova Mercedes Classe A è disponibile nelle seguenti tre motorizzazioni: A 200 da 163 cv e 250 Nm con cambio a doppia frizione 7G‑DCT o cambio manuale a sei marce, A 250 con cambio a doppia frizione 7G-DCT da 224 cv e 350 Nm, A 180 d con cambio a doppia frizione 7G-DCT da 116 cv e 260 Nm. Tutti propulsori sono stati certificati in base allo standard Euro 6d-TEMP. La nuova Mercedes Classe A sarà disponibile anche con il sistema di trazione integrale permanente 4MATIC con ripartizione della coppia completamente variabile. La trazione integrale sportiva è stata perfezionata e secondo Mercedes offrirà ancora più piacere di guida ed efficienza con l’interruttore DYNAMIC SELECT che permetterà di intervenire maggiormente sulle caratteristiche di funzionamento della trazione 4MATIC. [post_title] => Nuova Mercedes Classe A: svelata la quarta generazione [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nuova-mercedes-classe-a-svelata-la-quarta-generazione-foto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-02-03 12:25:28 [post_modified_gmt] => 2018-02-03 11:25:28 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=488649 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nuova Mercedes Classe A: svelata la quarta generazione [FOTO]

Tutte le novità tecnologiche e le prime informazioni tecniche

Mercedes ha presentata la nuova generazione della sua Classe A: una vettura che vuole rappresentare un'autentica novità nel panorama automobilistico grazie alla massiccia presenza di inediti sistemi tecnologici ideati per favorire l'interazione tra guidatore e macchina e migliorare la sicurezza di marcia.

Nuova Mercedes Classe A MY 2018 – Il nuovo modello della compatta di Stoccarda è stato finalmente svelato. Si tratta di una vettura che rispetto alla generazione precedente è diventata più tecnologica, sportiva e spaziosa. Secondo Mercedes è riuscita a ridefinire il lusso in chiave moderna tra le compatte, a rivoluzionare il design interno e l’interazione tra guidatore e vettura. Vediamo il perchè di queste affermazioni.

Innanzitutto a livello di stile, la nuova nata mette in evidenza un’evoluzione della filosofia di design Mercedes basato su linee pulite ed aggressive. Gli esterni della nuova Classe A sono sportivi, dinamici e accattivanti: innovativo è il design della parte anteriore con il cofano motore ribassato, i fari a LED piatti “con elemento cromato e fiaccola delle luci di marcia diurne”, e la mascherina del radiatore Matrix con in bella evidenza la Stella al centro.

Grazie al cofano più basso, al passo più lungo e ad un profilo laterale più filante, l’auto sembra più lunga rispetto al modello precedente. I passaruota, anch’essi più grandi, danno subito la percezione di una vettura incollata all’asfalto sottolineandone di fatto la maggiore sportività. La forte rientranza della parte superiore della vettura, che mette in risalto le spalle, e i catarifrangenti posteriori alloggiati nei paraurti modulari sdoppiati accentuano la larghezza della coda. Le sottili luci posteriori sdoppiate conferiscono infine un tocco di eleganza e raffinatezza.

Stile a parte, la nuova Mercedes Classe A risulta essere la vettura più aerodinamica del suo segmento grazie ad un CX di 0,25 e ad una superficie frontale di 2,19 m2. Risultato raggiunto anche grazie ad inedite tecnologie utilizzate per la prima volta nella classe delle compatte: grazie ad un AIRPANEL sdoppiato (disponibile a richiesta) la mascherina del radiatore apre le lamelle regolabili in funzione dell’aria di raffreddamento necessaria. Allo stesso modo una seconda lamella, alloggiata nel condotto di aspirazione dell’aria sotto la targa, migliora ulteriormente le prestazioni aerodinamiche della vettura.

Se lo stile esterno è figlio dell’evoluzione, il design degli interni è figlio di una decisa rivoluzione, a cominciare dagli spazi a disposizione di guidatore e passeggeri. Difatti, nonostante l’aspetto sportivo, la nuova Mercedes Classe A è molto più pratica e spaziosa rispetto alla versione che va a sostituire grazie ad un maggiore spazio per spalle, gomiti e testa, ad un accesso più agevole ai sedili posteriori e ad un bagagliaio più grande (370 litri, 29 litri in più del vecchio modello).

A livello stilistico e tecnologico, gli interni della nuova Mercedes Classe A si presentano completamente rinnovati: la nuova architettura particolare degli spazi si deve soprattutto all’inedita plancia portastrumenti che non presenta la classica calotta di copertura. La plancia portastrumenti è suddivisa in due corpi orizzontali ed il display widescreen è sospeso sulla plancia. Il display che caratterizza l’intera plancia è disponibile in tre versioni: due display da 7″ (17,78 cm), un display da 7″ e uno da 10,25″ (26 cm) oppure due display da 10,25″ (26 cm).

L’originale plancia pensata da Mercedes per la nuova Classe A fa da sfondo ad una vera e propria rivoluzione tecnologica: la quarta generazione della compatta di  Stoccarda è il primo modello della Stella ad essere equipaggiato con il nuovissimo sistema multimediale MBUX (Mercedes-Benz User Experience), infotainment che segna l’inizio di una nuova era della connettività e dell’interazione tra guidatore e vettura. La particolarità di questo sistema è la capacità di apprendere grazie all’intelligenza artificiale: il MBUX, personalizzabile e adattabile, mette in collegamento in maniera inedita tra loro auto, guidatore e passeggeri grazie alla grafica 3D ad altissima risoluzione, ai comandi touchscreen del display multimediale, alla navigazione con tecnologia della realtà aumentata (a richiesta), ai comandi vocali intelligenti con comprensione del linguaggio naturale che vengono attivati con l’espressione “Hey Mercedes”.

I comandi vocali intelligenti supportano molte funzioni di infotainment (come ad esempio immissione della destinazione, telefonate, scelta di un brano musicale, possibilità di prendere appunti o lettura vocale, previsioni del tempo) e molte funzioni comfort come climatizzazione, riscaldamento e luci. La novità del sistema MBUX è che fino ad oggi, quando si impartiva un comando vocale in auto bisognava pronunciare una frase specifica, mentre grazie alla comprensione del linguaggio naturale, il nuovo Voicetronic “comprende quasi ogni parola e riconosce quasi tutte le frasi che vengono solitamente pronunciate nell’ambito dell’infotainment e dei comandi della vettura”. 

L’ulteriore novità è che le azioni vocali sono capaci di apprendere dall’esperienza. Da una parte si adattano all’utente e alla sua voce e capiscono meglio anche gli utenti con accento straniero. Dall’altra i modelli software presenti sul server apprendono man mano nuove parole o imparano a fare un uso diverso della lingua. Il sistema, inoltre, fa sapere Mercedes non usa risposte stereotipate, ma risponde in modo decisamente vario a seconda delle occasioni.

A livello tecnologico, la nuova Mercedes Classe A è dotata dei sistemi di assistenza alla guida di ultima generazione che assistono attivamente il guidatore ed offrono quindi un livello di sicurezza attiva più alto del segmento con funzioni riprese direttamente dalla Classe S. In tal contesto, e per la prima volta, la nuova Classe A può viaggiare in modalità parzialmente automatica. Il presupposto fondamentale è la capacità di sapere cosa succede nelle immediate vicinanze: sistemi perfezionati basati su telecamere e radar monitorano la strada fino a 500 metri di distanza.

La nuova Mercedes Classe A fa sfoggio di svariati sistemi di assistenza alla guida: il sistema di assistenza attivo alla regolazione della distanza DISTRONIC che può assistere il guidatore in molteplici situazioni sulla base dei dati di navigazione e modificare la velocità in prossimità di curve, incroci o rotatorie. Il sistema di assistenza attiva al cambio di corsia: se su una strada a più corsie il guidatore intende cambiare corsia nell’intervallo di velocità compreso tra 80 e 180 km/h, ora gli basta premere leggermente la leva dell’indicatore di direzione. Se nell’area di sicurezza interessata non si trova alcun veicolo, il guidatore viene supportato nel cambio di corsia, poiché la manovra avviata viene visualizzata nella strumentazione.

Sistema di assistenza attiva alla frenata di emergenza: questo sistema è in grado di frenare la vettura fino al suo completo arresto, mantenendola nella sua corsia di marcia, quando rileva un periodo prolungato di inattività del guidatore con il sistema di assistenza allo sterzo attivo inserito. Se, con il sistema di assistenza allo sterzo attivo inserito, per un certo intervallo di tempo non si ha alcuna attività al volante, il sistema esorta il guidatore con messaggi ottici e acustici a riportare le mani sul volante. Se dopo ripetuti inviti ottici e acustici il guidatore non reagisce sterzando, accelerando, frenando o premendo i pulsanti touch control sul volante, la vettura decelera nella corsia riconosciuta fino all’arresto. Una volta arrestata la vettura, viene inserito automaticamente il freno di stazionamento e, dopo dieci secondi, viene effettuata automaticamente una chiamata di emergenza Mercedes. Inoltre la vettura viene sbloccata per consentire ai soccorritori di avere accesso a bordo. Nel caso in cui il guidatore riprende il controllo della vettura, le funzioni di assistenza si interrompono immediatamente.

Sistema di assistenza alla frenata attivo: se il guidatore non reagisce ad una situazione di pericolo il sistema aiuta ad evitare collisioni con veicoli fermi, che precedono o che provengono lateralmente e con i pedoni. Nell’ordine il sistema procede a segnalare mediante una spia di avvertimento nella strumentazione se la distanza è insufficiente rispetto al veicolo che precede, emettere un avvertimento acustico aggiuntivo se riconosce il pericolo di collisione, fornire assistenza in frenata in funzione della situazione, se frena anche il guidatore, effettuare una frenata di emergenza automatica in presenza di veicoli che precedono, che sono fermi o in attraversamento se il guidatore non reagisce, effettuare una frenata di emergenza automatica anche in presenza di pedoni/ciclisti fermi o in fase di attraversamento.

Sistema di sterzata automatica: nell’intervallo tra 20 e 70 km/h di velocità il sistema di sterzata automatica può assistere il guidatore quando, in una situazione di pericolo, vuole evitare un ostacolo che è stato individuato dai radar e dalla telecamera stereoscopica multifunzione. Quando il guidatore avvia una manovra di scarto con una sterzata, il sistema asseconda l’operazione imprimendo allo sterzo una serie di momenti sterzanti supplementari calcolati con precisione, che aiutano ad evitare in modo controllato il pedone e facilitano il raddrizzamento successivo della vettura per poter proseguire in sicurezza.

Sistema antisbandamento attivo: nell’intervallo compreso tra 60 e 200 km/h di velocità il sistema può segnalare al guidatore l’abbandono accidentale della corsia di marcia trasmettendo leggere vibrazioni al volante e, se la vettura interseca una striscia di demarcazione continua, è in grado di riportarla in carreggiata frenando le ruote di uno stesso lato della vettura.

Capitolo motori: al momento del lancio sul mercato, la nuova Mercedes Classe A è disponibile nelle seguenti tre motorizzazioni: A 200 da 163 cv e 250 Nm con cambio a doppia frizione 7G‑DCT o cambio manuale a sei marce, A 250 con cambio a doppia frizione 7G-DCT da 224 cv e 350 Nm, A 180 d con cambio a doppia frizione 7G-DCT da 116 cv e 260 Nm. Tutti propulsori sono stati certificati in base allo standard Euro 6d-TEMP.

La nuova Mercedes Classe A sarà disponibile anche con il sistema di trazione integrale permanente 4MATIC con ripartizione della coppia completamente variabile. La trazione integrale sportiva è stata perfezionata e secondo Mercedes offrirà ancora più piacere di guida ed efficienza con l’interruttore DYNAMIC SELECT che permetterà di intervenire maggiormente sulle caratteristiche di funzionamento della trazione 4MATIC.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati