Audi 20quattro ore delle Alpi: la gara di regolarità a bordo della nuova Audi RS4

1200 km sulle alpi con la sicurezza della trazione quattro

20quattro ore delle alpi - Audi RS4 Avant 2018 - Una manifestazione emozionante che ha esaltato le doti dinamiche e tecniche di un capolavoro di Ingolstadt, capace di scaricare i suoi 450 CV e 600 Nm su qualsiasi terreno, affrontando qualsiasi condizione meteo in totale sicurezza.

Una competizione, una gara di regolarità che per il terzo anno consecutivo ha riempito le vallate dell’arco alpino del sound dei motori delle vetture marchiate RS prodotte ad Ingolstadt. Una manifestazione organizzata direttamente da Audi Italia, la gara di endurance che per 24 ore consecutive dal 15 al 16 febbraio ha messo alla prova le doti e le performance dell’ultima nata per la casa dei 4 anelli: la nuova Audi RS4 Avant da 450 CV e 600 Nm, sprigionati dal poderoso propulsore 2.9 litri V6 biturbo, sviluppato in collaborazione con Porsche.

Alle ore 12:00 di giovedì 15 febbraio, 5 equipaggi a bordo delle 5 sportive sono partiti da Corvara (BZ) e, percorrendo alcune delle più suggestive e impegnative strade del tratto alpino, sono arrivati poi a Cortina 24 ore dopo, suddividendo il percorso in 4 tappe. Noi abbiamo partecipato alla competizione con la vettura numero 5 percorrendo le strade stabilite per la terza tappa, partendo da St. Moritz fino a raggiungere le prestigiose strade di Corvara, dall’1:00 di mattina fino alle 7:00 del 16 febbraio. Nessun aiuto GPS, nessun supporto logistico, solamente noi, la nostra superlativa RS4 e un copilota d’eccezione: Paolo Liceri, esperto pilota di Rally con un passato nel WRC, IRC, ERC e molte altre competizioni su terra. Una corsa contro il tempo, cercando di giungere ai checkpoint nel tempo prestabilito con uno scarto massimo di soli 10 secondi, destreggiandoci attraverso 6 impegnativi passi alpini (Passo del Forno, Paso del Giovo, Passo Nigra, Passo Costalunga, Passo Pordoi, Passo Campolongo) e basandoci sul nostro roadbook e sulle doti dinamiche dell’ultimo gioiellino di Ingolstadt.

La nostra RS4 ha tenuto il motore acceso per oltre 24 ore, dall’inizio della competizione fino al traguardo di Cortina, affrontando ghiaccio, neve, asfalto asciutto e viscido, fango e qualsiasi altro terreno possibile. La magnifica efficienza della trazione Quattro abbinata ai superlativi pneumatici Dunlop Winter Sport hanno consentito a tutti e 5 gli equipaggi di giungere a destinazione senza il minimo incidente o danno, garantendo su tutti e 1200 i chilometri macinati da ogni vettura il massimo grip possibile, con una stabilità e un controllo che poche altre auto possono garantire. Nessun inconveniente tecnico, nessun guasto meccanico è stato registrato in oltre 6000 km macinati dalle 5 auto, con temperature che hanno toccato anche i -13° e un’altitudine massima raggiunta di circa 2300 metri sul Passo del Bernina. Un’affidabilità senza precedenti per una vettura capace di trasmettere il massimo delle sue performance su ogni fondo stradale. L’elettronica e la trazione integrale, dotata di un differenziale meccanico centrale e un differenziale sportivo sull’asse posteriore (optional) son riusciti a tirarci fuori dai tornanti ghiacciati del Passo del Forno con un grip impressionante, mantenendo andature più che sostenute e assicurando sempre un controllo e una confidenza con la vettura veramente inimmaginabile.

L’elettronica infatti ripartisce in condizioni ottimali il 60% della trazione alle ruote posteriori e il 40% sull’asse anteriore, modificando i valori fino a spingere oltre l’80% dietro o il 75% davanti nei casi in cui ci ci siano condizioni di grip critiche. Questo, unito all’assetto RS Plus con Dynamic Ride Control (DRC) assicura un bilanciamento sempre ottimale dei pesi della vettura, regolando puntualmente la risposta degli ammortizzatori in funzione delle condizioni dell’asfalto e dell’aderenza al suolo. Il risultato della collaborazione di tutti questi sitemi è sicuramente una guida più efficiente e pulita, mantenendo sempre livelli di sicurezza elevatissimi, assicurando poi quel feeling con la vettura tale da potersi esibire in traversi e sovrasterzi senza essere per forza dei piloti professionisti. Una componente abbastanza sconosciuta alle RS del passato, che recentemente hanno ricevuto una sensibile iniezione di adrenalina a beneficio del divertimento, abbandonando quella credenza del passato che le vedeva sempre più spesso accostate ad una guida fin troppo “piatta” e priva di carattere. Una scarica tale di performance accentuata dal poderoso sound fuoriuscente dall’impianto di scarico sportivo RS, che ci ha deliziato per oltre 5 ore con i tradizionali “starnuti” (o fart come dicono i paesi anglosassoni) che riecheggiavano nelle valli alpine ad ogni cambiata del fulmineo cambio tipronic. Un sofisticato cambio ZF ad otto rapporti, così rapido e fluido da non far rimpiangere minimamente il doppia frizione, così preciso nelle cambiate che spesso non si sente nemmeno l’esigenza di usufruire dei paddle dietro al volante.

Ovviamente per assicurarsi un livello tale di qualità e prestazioni il prezzo minimo da sborsare per mettersi in box un’Audi RS4 Avant è 87.900 euro, che superano facilmente i 100 mila euro inserendo gli immancabili ed irrinunciabili freni carboceramici, scarico sportivo RS, Fari a LED Matrix e assetto sportivo RS.

Leggi altri articoli in AUDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati