WP_Post Object ( [ID] => 494340 [post_author] => 83 [post_date] => 2018-02-19 16:10:18 [post_date_gmt] => 2018-02-19 15:10:18 [post_content] => Ammonta a 20 milioni di Euro il fondo destinato a “Bonus impresa”, rivolto dal Gruppo FCA alle diverse realtà imprenditoriali, nonché Liberi Professionisti e soggetti con Partite Iva. L'iniziativa, da quanto comunicato, è attiva da oggi fino al prossimo 31 marzo. Accedendo al portale dedicato all'iniziativa e raggiungibile tramite l'indirizzo www.bonusimpresa.it, il potenziale interessato può conoscere i valori del relativo “bonus” legati al modello selezionato. Una volta prescelta la vettura o il veicolo nella variegata gamma esibita dai diversi marchi Abarth, Alfa Romeo, Fiat, Jeep® e Lancia, il soggetto, sia azienda che operatore di settore richiedente, può scaricare un voucher e portarlo in concessionaria. L'azienda segnala che questo è valido per tutte le vetture dei marchi già citati e non risulta vincolato a rottamazione o permuta del veicolo. In base a questo “Bonus impresa”, secondo l'esempio indicato dal Gruppo FCA, tramite un contributo offerto dalle varie concessionarie, l'acquisto di una modello di Fiat 500L può essere scontato di circa 4.400,00 Euro. In pratica un risparmio vicino al 20%. Che diventano circa 4.000,00 Euro, se si propende per una Fiat 500X, ovvero il crossover compatto della gamma torinese. In questo caso si parla di una percentuale di risparmio del 17%, da quanto evidenziato. Continuando con gli esempi, scegliendo una Jeep Renegade, modello di pari categoria dell'accennata 500X, il valore permesso dal “bonus” può arrivare a circa il 20%, portando la cifra dello sconto a 5.500,00 Euro. Che possono aumentare sino a 7.000,00 Euro, optando per qualcosa di maggiormente voluminoso come un Compass. Ma le cifre possono arrivare anche a 9.000,00 o a 9.500,00 Euro, pensando a un modello di Alfa Romeo Stelvio, il noto SUV del Biscione, o per una berlina Giulia. Il Gruppo FCA ricorda che si tratta di un “fondo a esaurimento” che consenta alle diverse realtà professionali e ai professionisti di rinnovare il rispettivo parco auto, ma caratterizzato da tempistiche e risorse limitate. L'importo in ogni caso, rispetto al fondo proposto lo scorso dicembre al Motor Show di Bologna, è raddoppiato. Una scelta legata anche all'elevata attenzione destinata nella scorsa occasione a questa iniziativa e tradotta in un “esaurimento del plafond prima della data di scadenza”, come sottolineato da Gruppo nel comunicato diffuso in giornata. Un risultato che poggia in particolare anche su due fattori: “Trasparenza e Semplicità”. Basandosi su un “accesso diretto” e su “cifre chiare”. [post_title] => FCA: 20 milioni di Euro stanziati per il "Bonus impresa" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => fca-20-milioni-di-euro-stanziati-per-il-bonus-impresa [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-02-25 16:30:12 [post_modified_gmt] => 2019-02-25 15:30:12 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=494340 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

FCA: 20 milioni di Euro stanziati per il “Bonus impresa”

Un contributo rivolto a operatori e aziende

FCA “Bonus impresa” - Il Gruppo intensifica il fondo destinato ai diversi soggetti operanti nel commercio, per scegliere tra una diversificata proposta dei suoi marchi. Valido da oggi al 31 marzo
FCA: 20 milioni di Euro stanziati per il “Bonus impresa”

Ammonta a 20 milioni di Euro il fondo destinato a “Bonus impresa”, rivolto dal Gruppo FCA alle diverse realtà imprenditoriali, nonché Liberi Professionisti e soggetti con Partite Iva. L’iniziativa, da quanto comunicato, è attiva da oggi fino al prossimo 31 marzo.

Accedendo al portale dedicato all’iniziativa e raggiungibile tramite l’indirizzo www.bonusimpresa.it, il potenziale interessato può conoscere i valori del relativo “bonus” legati al modello selezionato. Una volta prescelta la vettura o il veicolo nella variegata gamma esibita dai diversi marchi Abarth, Alfa Romeo, Fiat, Jeep® e Lancia, il soggetto, sia azienda che operatore di settore richiedente, può scaricare un voucher e portarlo in concessionaria. L’azienda segnala che questo è valido per tutte le vetture dei marchi già citati e non risulta vincolato a rottamazione o permuta del veicolo.

In base a questo “Bonus impresa”, secondo l’esempio indicato dal Gruppo FCA, tramite un contributo offerto dalle varie concessionarie, l’acquisto di una modello di Fiat 500L può essere scontato di circa 4.400,00 Euro. In pratica un risparmio vicino al 20%. Che diventano circa 4.000,00 Euro, se si propende per una Fiat 500X, ovvero il crossover compatto della gamma torinese. In questo caso si parla di una percentuale di risparmio del 17%, da quanto evidenziato.
Continuando con gli esempi, scegliendo una Jeep Renegade, modello di pari categoria dell’accennata 500X, il valore permesso dal “bonus” può arrivare a circa il 20%, portando la cifra dello sconto a 5.500,00 Euro. Che possono aumentare sino a 7.000,00 Euro, optando per qualcosa di maggiormente voluminoso come un Compass.
Ma le cifre possono arrivare anche a 9.000,00 o a 9.500,00 Euro, pensando a un modello di Alfa Romeo Stelvio, il noto SUV del Biscione, o per una berlina Giulia.

Il Gruppo FCA ricorda che si tratta di un “fondo a esaurimento” che consenta alle diverse realtà professionali e ai professionisti di rinnovare il rispettivo parco auto, ma caratterizzato da tempistiche e risorse limitate.
L’importo in ogni caso, rispetto al fondo proposto lo scorso dicembre al Motor Show di Bologna, è raddoppiato. Una scelta legata anche all’elevata attenzione destinata nella scorsa occasione a questa iniziativa e tradotta in un “esaurimento del plafond prima della data di scadenza”, come sottolineato da Gruppo nel comunicato diffuso in giornata. Un risultato che poggia in particolare anche su due fattori: “Trasparenza e Semplicità”. Basandosi su un “accesso diretto” e su “cifre chiare”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati