Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio e Carabinieri: accoppiata “salva vita” in azione [VIDEO]

A Milano il trasporto di due reni per un trapianto

Alfa Romeo Giulia Carabinieri - I Carabinieri di Milano raccontano l'operazione di trasporto di urgenza di organi da trapiantare portata a termine qualche giorno fa grazie alla speciale Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio "in divisa".
Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio e Carabinieri: accoppiata “salva vita” in azione [VIDEO]

Sulla pagina Facebook ufficiale dei Carabinieri è stato recentemente pubblicato un video che racconta una delle ultime operazioni che i militari dell’Arma hanno portato a termine insieme alla speciale Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio “in divisa” che nella primavera del 2016 la Casa di Arese ha dato in dotazione ai Carabinieri.

L’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio dei Carabinieri si è attivata subito quando qualche giorno fa alla Centrale di Milano è arrivata la telefonata degli operatori dell’Azienda Sanitaria Regionale della Lombardia che comunicava ai militari che all’Ospedale Niguarda attendevano due reni per un trapianto.

In pochi minuti la Centrale Operativa del Comando Provinciale di Milano ha messo in moto l’equipaggio dell’Alfa Romeo Giulia QV che in tempi rapidissimi ha prima raggiunto l’Ospedale San Raffaele per il prelievo degli organi, e successivamente, il Niguarda, garantendo così il buon esito del trasporto in urgenza per assicurare le speranze ai medici.

L’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio dei Carabinieri, che oltre a Milano è attiva con un altro esemplare anche a Roma, è alimentata dal motore biturbo V6 da 2.9 litri che sviluppa 510 CV di potenza, abbinato al cambio manuale a 6 rapporti. La berlina sportiva del Biscione è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi, raggiungendo una velocità massima di 305 km/h.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati