In Europa negli ultimi dieci anni 8.000 under 14 sono morti a causa di incidenti stradali

La sicurezza necessita di nuove misure tecnologiche di serie per le auto

Il Consiglio Europeo per la Sicurezza dei Trasporti ha invitato la Commissione Europea a richiedere che tecnologie come ISA (Intelligent Speed Assistant, il sistema intelligente di adattamento della velocità) e AEB (Automated Emergency Braking, la frenata automatica di emergenza) siano di serie sulle auto nuove.
In Europa negli ultimi dieci anni 8.000 under 14 sono morti a causa di incidenti stradali

L’European Transport Safety Council (Consiglio Europeo per la Sicurezza dei Trasporti), di cui fa parte anche l’Automobile Club d’Italia, ha presentato oggi il Rapporto sulla sicurezza dei bambini, una relazione che purtroppo ha evidenziato dati decisamente poco confortanti. Stando al rapporto, in Europa, negli ultimi dieci anni, 8.000 tra bambini e ragazzi under 14 sono morti a causa di incidenti stradali: il 50% viaggiava a bordo di un’auto, il 33% è stato investito mentre camminava o attraversava la strada, il 13% andava in bicicletta. Ogni tredici under 14 che muoiono in Europa, uno (il 7.7%) muore per incidente stradale.

In Italia, nonostante il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale “Orizzonte 2020” abbia adottato la Vision Zero per i bambini, nel 2016, 49 under 14 sono morti sulla strada. Dati crudi che fanno riflettere su quanto si sia fatto fino ad ora in termini di sicurezza e soprattutto quanto ancora ci sia da fare in materia. A tal riguardo, l’Unione Europea sta mettendo a punto la strategia per la sicurezza stradale per il prossimo decennio, mentre nel nostro Paese, il 2 maggio prossimo la Commissione Europea dovrebbe annunciare un aggiornamento (atteso da quasi dieci anni) relativo alla regolamentazione della sicurezza dei veicoli.

Secondo lo stesso Consiglio Europeo per la Sicurezza dei Trasporti, per evitare che così tanti giovanissimi muoiano sulle strade, è fondamentale introdurre misure che moderino la velocità. Per questo, il Consiglio ha invitato con forza la Commissione Europea a richiedere che tecnologie come ISA (Intelligent Speed Assistant, il sistema intelligente di adattamento della velocità) e AEB (Automated Emergency Braking, la frenata automatica di emergenza) siano di serie sulle auto nuove.

Antonio Avenoso, Direttore Esecutivo dell’ETSC, ha affermato: “Tecnologie smart economicamente vantaggiose e collaudate come il sistema di adattamento intelligente della velocità e la frenata automatica di emergenza sono fondamentali per salvare la vita dei giovanissimi come lo sono le cinture di sicurezza. Il vero cambiamento, però, si realizzerà solo quando, queste tecnologie, esattamente come le cinture di sicurezza, saranno montate di serie su tutte le auto nuove e non saranno solo optional per pochi”.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Coppa Milano-Sanremo: 28 – 30 marzo 2019

Presentata ieri l'11° edizione della rievocazione storica della gara più antica d'Italia
Lungo un percorso di oltre 600 chilometri, la manifestazione si snoderà tra Lombardia, Piemonte e Liguria, toccando città e paesaggi dal