SEAT al Mobile World Congress 2018: un futuro connesso all’interazione [INTERVISTA]

Sicurezza, connettività, intrattenimento

SEAT al Mobile World Congress 2018 – Novità ed esempi di innovazione caratterizzano lo stand della casa all'esposizione mondiale dedicata alla tecnologia
SEAT al Mobile World Congress 2018: un futuro connesso all’interazione [INTERVISTA]

L’evoluzione tecnologica di SEAT ha uno spirito giovanile. È proiettata verso un domani carico di aspettative, assecondata da tanti sistemi che arricchiranno sempre più ogni esperienza di viaggio o percorso, mirando ad abbattere drasticamente gli incidenti grazie anche a un’interazione costante con il mondo circostante.

L’integrazione di Shazam, la prima casa automobilistica a farlo, è solo il primo passo di un percorso scandito da innovazione e voglia di avanzare a ritmo spedito verso una mobilità più sostenibile e avanzata. Lo stesso Presidente, Luca de Meo, scandisce qualche tappa importante, dando risalto alle novità proposte in occasione dell’importante appuntamento di Barcellona dedicato alla tecnologia. Non solo intrattenimento, come citato, ma soprattutto attenzione per la sicurezza. Un’attenzione tradotta realizzando la concept car Cristobal, basata su una SEAT Leon di ultima generazione in versione FR, dotata di diversi sistemi ancora in stato prototipale e che vigilerebbero ulteriormente su aspetti non secondari, fornendo supporto non solo in manovra o in movimento ma già da auto ferma. Ad esempio: la mancata accensione dell’auto quando l’utente non è in grado di guidare, oppure l’impossibilità di aprire subito la portiera dell’auto al sopraggiungere di un ciclista.

“SEAT vuole essere un sinonimo di semplicità” afferma il nuovo Direttore di SEAT Italia, Pierantonio Vianello, riassumendo il percorso intrapreso dalla casa spagnola verso una mobilità più interattiva e sicura. “Semplicità perché vogliamo rendere più facile la mobilità ai nostri clienti.” E questa missione è anticipata da alcuni esempi proposti proprio in occasione del Mobile World Congress 2018, in primis la citata concept car Cristobal, in italiano “Cristoforo” o più precisamente “San Cristoforo”, protettore degli automobilisti. Un progetto ambizioso, dato che si vuole abbattere drasticamente la possibilità che si verifichino incidenti. Nonché le partnership con diversi protagonisti del settore, ad esempio la stessa integrazione di Shazam o l’assistente individuale Amazon Alexa, per amplificare l’esperienza interattiva a bordo.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati