Toyota Auris: la nuova generazione sarà costruita nel Regno Unito

La scopriremo in anteprima a Ginevra

Toyota Auris MY 2019 - Toyota ha annunciato che la terza generazione della Auris, che sarà presentata per la prima volta all'imminente Salone di Ginevra, sarà costruita nella fabbrica gallese di Burnaston, nel Regno Unito.
Toyota Auris: la nuova generazione sarà costruita nel Regno Unito

La nuova generazione della Toyota Auris, che debutterà in anteprima al Salone di Ginevra 2018, sarà costruita nello stabilimento Toyota di Burnaston, nel Derbyshire, nel Regno Unito. La fabbrica della Casa giapponese situata nel nord del Galles sarà anche la fonte principale per i motori della nuova Auris.

Lo scorso marzo Toyota aveva annunciato un investimento di oltre 240 milioni di sterline riservato proprio all’impianto gallese, nel quale sono state introdotte nuove attrezzature, tecnologie e sistemi per consentire la produzione di veicoli sulla piattaforma Toyota New Global Architecture (TNGA).

Johan van Zyl, Presidente e CEO di Toyota Motor Europe, ha dichiarato: “Produrre localmente veicoli basati su TNGA è una parte fondamentale del nostro piano per rafforzare la competitività globale dei nostri impianti. L’annuncio di oggi che produrremo la nuova Auris a Burnaston, con la maggior parte dei motori forniti da Deeside, dimostra la nostra fiducia nelle capacità dei nostri membri TMUK. Come azienda, stiamo facendo il possibile per garantire la competitività delle nostre attività nel Regno Unito come centro di produzione leader per le nostre attività europee. Con circa l’85% della nostra produzione di veicoli nel Regno Unito esportata nei mercati europei, il proseguimento degli scambi liberi e senza attriti tra il Regno Unito e l’Europa sarà vitale per il successo futuro“.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati