Alpine con la nuova A110 al Fuorisalone di Milano 2018

Alpine con la nuova A110 al Fuorisalone di Milano 2018

Un design che si ispira alla montagna

Alpine Fuorisalone - Il brand sportivo che fa capo a Renault presenta la vettura del rilancio, la A110, nella città del design italiano. La raccontano Francesco Fontana Giusti e Antony Villain.
Alpine con la nuova A110 al Fuorisalone di Milano 2018

Un’icona di stile e di sportività che giunge al Fuorisalone durante la Design Week di Milano. Stiamo parlando della nuova Alpine A110 che dal 17 al 22 Aprile è in esposizione presso il Magna Pars, nel quartiere Tortona, facilmente raggiungibile a piedi da Porta Genova. Svelata al Salone di Ginevra 2017 la coupé francese è già stata insignita del premio “Auto più bella dell’anno” al 33° Festival Automobile International a Parigi. 

«Alpine con la sua storia ed il suo design memorabile non poteva mancare al Salone del Mobile, evento che ispira i trend del settore del design. Compattezza, leggerezza e agilità vestita da un design che ricorda il passato ma guarda al futuro, in stile francese» ha commentato brevemente Francesco Fontana Giusti, Direttore Comunicazione ed Immagine di Renault Italia. Che ha poco dopo ceduto la parola a chi ha vissuto in prima persona la rinascita del brand, partecipando con energia e grandi sforzi sin dal 2012, l’anno ‘zero’ per quella che sarebbe stata, cinque anni più tardi, la neonata A110. Stiamo parlando di Antony Villain (Direttore Design Alpine): giovane ed appassionato, ha saputo cogliere la nostra attenzione mentre narrava la storia del marchio attraverso alcune didascalie. Un po’ alla vecchia maniera verrebbe da pensare, senza un proiettore o altri dispositivi digitali, ma anche questo ha fatto parte dell’immersione nel mondo Alpine, con il presente che unisce un glorioso passato alla la voglia di rilancio verso un brillante futuro. 

«Quando ho dovuto cominciare a pensare al rilancio Alpine ho guardato alla storia e volevo capire lo spirito degli uomini dell’epoca, appassionati del marchio. Servivano chiaramente coloro che aveva creato Alpine nel 1955, puri amanti della guida in montagna. Negli anni ‘60 è arrivata la prima vettura, la A110: leggera agile elegante e capace di vincere contro auto più potenti e marchi più prestigiosi. La seconda cosa che mi hanno raccontato gli ex-uomini Alpine è il luogo in cui sono state costruite, una mecca per i seguaci di Alpine e che abbiamo mantenuto per la produzione attuale. Come mai il marchio è scomparso? Probabilmente perché le ultime vetture erano troppo potenti. Ma la storia è lunga ed oggi eccoci qui. Siamo tornati anche nelle corse con ottimo risultati» – ha cominciato a raccontare Villain. La voce presente ma con gli occhi a rivivere quei momenti come fossero successi solo poche ore prima – «Nel 2012 è stato fatto un workshop con a disposizione la collezione di varie Alpine. Sembrava una giornata da incubo e invece si è trasformata in un sogno: come bambini in un negozio di giocattoli tutti si sono scaldati e sono rimasti colpiti dal posto e dalle vetture lì presenti. Sembrava di essere tornati indietro nel tempo. L’esercizio è stato disegnare una bozza veloce di un modello per cogliere le caratteristiche principali del marchio Alpine. Da questo luogo magico il Team ha trasformato il proprio sangue da rosso a Blue Alpine!»

Questa pesante ma altrettanto preziosa eredità è stata dunque presa in carico ispirandosi a tre valori: la montagna, i valori umani, attenzione alla leggerezza ed all’efficacia. Dal punto di vista del design si riconosce la purezza dei tratti, i cerchi in lega che richiamano al fiocco di neve e naturalmente i quattro gruppi ottici che richiamano alla celebre antenata. In secondo luogo si è prestata molta attenzione alla produzione artigianale ed allo charme della tradizione, creando un’auto vada al di là dell’essere un semplice mezzo a quattro ruote. Ed infine la ricerca nel campo dell’aviazione, ispirati all’idea di forma della funzione, oltreché l’immissione del know-how dal mondo delle corse. I sedili Sabelt, ad esempio, pesano solo 13 kg ed i freni – costruiti in esclusiva con Brembo – presentano un sistema stazionante unico al mondo che fa risparmiare ben 2 kg. Potrebbero sembrare pochi, ma parlando di una vettura peso piuma l’attenzione per i dettagli è (e deve essere) maniacale. 

In Italia gli store dedicati ad Alpine apriranno a breve e saranno due: uno a Roma (inaugurazione il prossimo 10 Maggio) ed uno a Milano (24 Maggio). La versione più ricca è la A110 Légende, con prezzo di circa 58mila euro. 

Al #fuorisalone2018 @alpine_cars è presente con la nuova #A110 👀

Un post condiviso da Motorionline (@motorionline) in data:

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati