Ferrari 488 GTB by Pogea Racing: una forza da 820 cavalli [FOTO]

Un'alchimia tra componenti denominata "FPlus Corsa"

Ferrari 488 GTB by Pogea Racing – L'elaboratore tedesco presenta una nuova interpretazione della coupé di Maranello, che esprime una potenza persino più elevata dell'ultima versione Pista

Si parla di Ferrari e si sogna. Si parla di Rosse e ci si fa affascinare dall’aspetto, ma soprattutto dalla potenza. Tanta potenza. Di base la spinta è già elevata, ma cosa accade quando un’azienda specializzata studia soluzioni che esaltino l’energia di un’auto di Maranello? Uno dei risultati più intriganti è la nuova versione della 488 GTB firmata da Pogea Racing, che esprime ben 820 cavalli di furia agonistica.

La recente Ferrari 488 Pista, con i suoi 720 cavalli disponibili a 8.000 giri/minuto e 770 Nm di coppia, ovvero 10 Nm in più rispetto a una tradizionale 488 GTB, rappresenta la massima espressione della più recente coupé proposta dalla casa di Maranello. Ma le potenzialità del noto motore di 3.9 litri bi-turbo, il V8 che anima la vettura, sono di gran lunga più elevate. Probabilmente i tecnici del Cavallino Rampante ne erano già consapevoli.
Pogea Racing ha voluto dimostrarlo, firmando un pacchetto denominato “FPlus Corsa” che, grazie ad interventi specifici e all’implementazione di un sistema di scarico dedicato e dotato di alette in acciaio inossidabile, consente una crescita ragguardevole della potenza, proiettando il dato di sponta a 820 cavalli (100 in più rispetto alla 488 Pista) e la coppia a quota 900 Nm.

Le prestazioni segnalate, in ogni caso, risultano allineate alla più recente ed esclusiva supercar modenese, coprendo la distanza da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi (2,85 per la Pista) e toccando i 345 km/h di velocità.
Questa poderosa energia è agevolata e supportata da un’aerodinamica altrettanto affinata e ottimizzata, che comprende diverse componenti in fibra di carbonio visibili all’esterno tra cui: il pronunciato splitter frontale, le elaborate minigonne laterali, gli elementi all’altezza delle prese d’aria sulle pance, la stessa ala posteriore e l’estrattore. Tutte parti che, assieme ai cerchi alleggeriti di 21 pollici firmati da Pogea Racing, che consentono di ammirare le voluminose pinze dell’impianto frenante ad elevate prestazioni, contribuiscono al contenimento della massa complessiva.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Milano Auto Classica 2018: poche ma belle…

Si vende solo se il "pezzo" e il prezzo sono giusti
Domenica 25 Novembre 2018 si sono chiusi i battenti dell’ottava edizione di MilanoAutoClassica 2018, la rassegna meneghina dedicata alla vendita