Alfa Romeo corre veloce al Giro d’Italia 2018

Alfa Romeo corre veloce al Giro d’Italia 2018

Stelvio e Giulia auto ufficiali della corsa rosa

"La meccanica delle emozioni" firmata da Alfa Romeo si unisce all'Amore infinito, il noto claim del Giro d'Italia.
Alfa Romeo corre veloce al Giro d’Italia 2018

Per la prima volta Alfa Romeo è auto ufficiale del Giro d’Italia. Questa inedita partnership nasce con l’intento di rappresentare l’unione tra due simboli dell’italianità del mondo: simboli accomunati dalla stessa serie di valori quali passione, sportività e competizione che saranno espressi lungo tutti gli oltre 3.500 km di strade che faranno da sfondo all’edizione 2018 della lunga carovana rosa. Tra le ali di folla del pubblico della più importante manifestazione ciclistica italiana, “la meccanica delle emozioni” propria di Alfa Romeo si unirà all’Amore infinito, il noto claim del Giro d’Italia.

In tal contesto, una flotta di Giulia e Stelvio accompagneranno gli atleti in gara lungo tutta la lunghezza del percorso. Nel dettaglio, si tratta del Suv equipaggiato con il propulsore 2.2 Turbo Diesel da 210 cv abbinato alla trasmissione automatica AT8 ed alla trazione integrale Q4 e della berlina con le stesse caratteristiche tecniche nell’allestimento più dinamico denominato “Veloce”.

La celeberrima “corsa rosa” numero 101 prevede per questa edizione ventuno tappe e ha preso il via a Gerusalemme venerdì 4 maggio per concludersi eccezionalmente a Roma domenica 27, dopo esattamente 3.562,9 chilometri. Sarà un Giro che farà storia, perché per la prima volta una grande corsa a tappe scatterà fuori dall’Europa per concludersi a Roma, come era accaduto soltanto tre volte: nel 1911, nel 1950 e nel 2009. Dopo la giornata di trasferimento, oggi la carovana affronterà i 198 chilometri della prima tappa italiana da Catania a Caltagirone. L’avvio ha fatto registrare la doppietta italiana di Elia Viviani che ha conquistato così la maglia ciclamino. L’ambita maglia rosa è invece attualmente sulle spalle dell’australiano Rohan Dennis.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati