WP_Post Object ( [ID] => 520367 [post_author] => 51 [post_date] => 2018-05-08 17:15:10 [post_date_gmt] => 2018-05-08 15:15:10 [post_content] => Lotus Esprit - Le attuali Elise, Exige ed Evora presto potrebbero essere affiancate da altri modelli: il brand di Hethel, infatti, sta cercando di espandere la propria gamma di vetture per andare incontro sempre più alle mutate esigenze dei clienti e per aumentare il numero di vendite in modo tale da raggiungere quote di mercato più significative. Un esempio estremo di questa espansione risiede nella volontà del marchio inglese di dar vita ad un inedito Suv in modo tale da posizionarsi in un segmento di mercato sempre più richiesto. Tuttavia i futuri piani di Lotus non prevedono soltanto la creazione di un Suv, ma anche il probabile ritorno sul mercato di una vera e propria icona automobilistica che risponde al mai dimenticato nome di Esprit. La supercar inglese prodotta dal 1976 al 2004 in ben 24 diverse varianti, stando alle ultime indiscrezioni, potrebbe presto fare il suo ritorno nei listini della casa costruttrice fondata da Colin Chapman. Al momento nessuna voce è stata confermata in maniera ufficiale, anche se Jean Marc Gales, CEO di Lotus, nel corso di una recente intervista rilasciata ad Autocar avrebbe lasciato intendere che sotto sotto qualcosa si sta effettivamente muovendo. Il numero uno di Lotus avrebbe affermato che la casa costruttrice da lui stesso presieduta avrebbe in cantiere diverse novità tra cui il Suv precedentemente accennato ed una nuova vettura sportiva. Riguardo a quest'ultima, Gales avrebbe affermato che la nuova supercar sarebbe stato il modello di punta della casa costruttrice inglese e che sarebbe andata a posizionarsi al di sopra della Evora. Nello specifico lo stesso Gales avrebbe lasciato intendere che la nuova supercar sarebbe stata più leggera, più veloce e migliore della Evora, anzi sarebbe stata "un bel passo avanti rispetto a quest'ultima". Quella che probabilmente sarà la nuova Esprit potrebbe vedere la luce non prima del 2020: il nuovo modello potrebbe basarsi su un telaio in alluminio in abbinamento ad un potente motore fornito ancora una volta da Toyota e dovrebbe essere in grado di raggiungere prestazioni al top per via di un'ottima efficienza aerodinamica e di un'elevato bilanciamento a livello dinamico. [post_title] => Lotus Esprit: l'alba di una nuova era? [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => lotus-esprit-lalba-di-una-nuova-era [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-05-08 17:15:10 [post_modified_gmt] => 2018-05-08 15:15:10 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=520367 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Lotus Esprit: l’alba di una nuova era?

La supercar potrebbe arrivare a ridosso del 2020

Da alcune indiscrezioni pare che Lotus stia pensando di dar vita alla nuova generazione della Esprit
Lotus Esprit: l’alba di una nuova era?

Lotus Esprit – Le attuali Elise, Exige ed Evora presto potrebbero essere affiancate da altri modelli: il brand di Hethel, infatti, sta cercando di espandere la propria gamma di vetture per andare incontro sempre più alle mutate esigenze dei clienti e per aumentare il numero di vendite in modo tale da raggiungere quote di mercato più significative. Un esempio estremo di questa espansione risiede nella volontà del marchio inglese di dar vita ad un inedito Suv in modo tale da posizionarsi in un segmento di mercato sempre più richiesto.

Tuttavia i futuri piani di Lotus non prevedono soltanto la creazione di un Suv, ma anche il probabile ritorno sul mercato di una vera e propria icona automobilistica che risponde al mai dimenticato nome di Esprit. La supercar inglese prodotta dal 1976 al 2004 in ben 24 diverse varianti, stando alle ultime indiscrezioni, potrebbe presto fare il suo ritorno nei listini della casa costruttrice fondata da Colin Chapman.

Al momento nessuna voce è stata confermata in maniera ufficiale, anche se Jean Marc Gales, CEO di Lotus, nel corso di una recente intervista rilasciata ad Autocar avrebbe lasciato intendere che sotto sotto qualcosa si sta effettivamente muovendo. Il numero uno di Lotus avrebbe affermato che la casa costruttrice da lui stesso presieduta avrebbe in cantiere diverse novità tra cui il Suv precedentemente accennato ed una nuova vettura sportiva.

Riguardo a quest’ultima, Gales avrebbe affermato che la nuova supercar sarebbe stato il modello di punta della casa costruttrice inglese e che sarebbe andata a posizionarsi al di sopra della Evora. Nello specifico lo stesso Gales avrebbe lasciato intendere che la nuova supercar sarebbe stata più leggera, più veloce e migliore della Evora, anzi sarebbe stata “un bel passo avanti rispetto a quest’ultima”.

Quella che probabilmente sarà la nuova Esprit potrebbe vedere la luce non prima del 2020: il nuovo modello potrebbe basarsi su un telaio in alluminio in abbinamento ad un potente motore fornito ancora una volta da Toyota e dovrebbe essere in grado di raggiungere prestazioni al top per via di un’ottima efficienza aerodinamica e di un’elevato bilanciamento a livello dinamico.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati