#Labocosmetica all’opera su di una splendida Alfa Romeo Giulietta Spider

Un Azzurro Capri che torna a splendere come nel 1958

Un trattamento professionale di detailing a 360°, che ha riportato una meravigliosa Giulietta Spider a splendere come 60 anni fa.
#Labocosmetica all’opera su di una splendida Alfa Romeo Giulietta Spider

#Labocosmetica – Lei, una delle più belle ed apprezzate di sempre. Oggetto di culto per i collezionisti, con quotazioni che superano di slancio i 100.000€, l’Alfa Romeo Giulietta Spider è uno dei modelli simbolo della storia del biscione. Biscione che finalmente, negli ultimi anni, sembra aver ritrovato la via per tornare ai fasti d’un tempo. E proprio per tornare ai fasti d’un tempo, anzi, per essere ancora più bella di quando, nel 1958 varcò i cancelli della fabbrica del Portello, uno splendido esemplare di Giulietta Spider è stato sottoposto alle cure maniacali del detailer professionista Fabio D’Avenia, il quale, per dedicare tutte le attenzioni che una vettura del genere si merita, ha attinto a piene mani dalla gamma di prodotti #Labocosmetica.

Massima espressione del detailing

Un processo lungo, quasi un atto d’amore tra detailer e vettura, che ha portato lo splendido Azzurro Capri della vettura – colore molto in voga all’epoca – a tornare a splendere come e più di 60 anni fa.
Il detailer D’Avenia ha iniziato la sua “opera” con la decontaminazione dei cerchi, utilizzando il prodotto della gamma #Labocosmetica a ciò dedicato: #P-Ray. E’ poi passato al prelavaggio con #Neve, uno shampoo a pH neutro capace di rimuovere sporco e contaminazioni di ogni genere. #Labocosmetica ha anche pensato qualcosa di specifico per la pulizia della capotte: #Vario. Le parti cromate, invece, sono state trattate con il decontaminante chimico #Energo, mentre i residui carboniosi degli scarichi sono stati rimossi grazie #Cronos. Ma questa era solo la fase di “preparazione”. Successivamente, la carrozzeria è stata accuratamente lavata con #Purifica, utilizzando la c.d. tecnica del “doppio secchio”. Sulla vettura erano presenti numerosi adesivi che sono stati rimossi con Deca Flash, uno spray realizzato per rimuovere tracce di colla e catrame da carrozzeria e vetri. Per eliminare anche le più piccole impurità, la vettura è stata poi sottoposta alla decontaminazione meccanica utilizzando #Claylube, un lubrificante sintetico studiato per rimuovere qualsiasi contaminazione presente sulle superfici della carrozzeria.

Anche l’abitacolo è stato oggetto di particolari attenzioni: prima è stato aspirato lo sporco e poi è stato igienizzato il pianale con il vapore, non prima del trattamento #Vario, un prodotto adatto alla pulizia di ogni superficie.
I delicati sedili in pelle sono stati trattati con la schiuma detergente Charme, mentre per eliminare ruggine e sporco sulle giunture delle porte è stato utilizzato #P-Ray.
Ma un vero detailing a 360° non poteva neanche trascurare il vano motore: anche in questo caso l’azione congiunta di #Vario insieme al vapore hanno riportare praticamente a nuovo qualsiasi parte meccanica.

Tocco finale con lucidatura e protezione
Prima di procedere con la lucidatura, la vettura è stata ispezionata con l’aiuto di speciali lampade in grado di svelare anche la più piccola imperfezione. E’ stata stilata una scheda con i vari difetti per poi procedere con la lucidatura stessa. Dopo aver definito lo spessore della vernice, abbiamo è stata delimitata una parte della carrozzeria per procedere con alcune prove, per poi individuare la migliore combinazione polish/tampone. Una volta che tutto era definito per il meglio, si è passati alla lucidatura della vettura, cromature comprese.
Infine è giunto il momento della “protezione”, indispensabile per preservare nel tempo il lavoro svolto. Prima di tutto è stato applicato #Venere, un polish in grado di esaltare la finitura e migliorare sensibilmente il gloss, che ha anche la funzione di primer per l’applicazione di #Cupìdo, il sigillante nanocomposito utilizzato per proteggere la carrozzeria da calcare e agenti atmosferici. Per una protezione ancora più efficiente, la Giulietta Spider è stata trattata anche con #Perfecta. Con #Aquavelox è stato creato un sottile rivestimento sui cristalli per consentire all’acqua di scorrere, migliorando così la visibilità, mentre sulla capotte è stato applicato Idrostop, un prodotto che ne ha migliorato l’impermeabilità.

Leggi altri articoli in Auto Storiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati