WP_Post Object ( [ID] => 528213 [post_author] => 8 [post_date] => 2018-06-01 16:32:33 [post_date_gmt] => 2018-06-01 14:32:33 [post_content] => Se per Alfa Romeo, Maserati e Jeep il nuovo Piano Industriale presentato a Balocco ha riservato, letteralmente, dei fuochi artificiali, l’impatto di Fiat è stato relativamente più “soft”. Le novità, però, ci saranno e non saranno nemmeno poche o poco importanti. Partiamo subito con una conferma: la casa sarà sensibilmente ridimensionata come importanza all’interno del Gruppo. Questo, però, non significa che sparirà o altre paure simili. Il pericolo “Lancia” al momento non esiste. Anzi, la casa torinese sarà fondamentale per il futuro dell’elettrificazione dell’intera produzione. La 500, infatti, sarà usata come base per i futuri modelli di city car elettrica, il che può essere inizialmente tradotto con una seconda generazione di 500e. Possibilmente senza i costi di produzione della precedente. Tutto ovviamente ruoterà intorno all’evoluzione tecnologia di cui godrà la casa, che non sarà piccola. Infatti Marchionne durante il suo speech ha confermato come la 500X e la 500L potranno godere anche di una futura meccanica ibrida. L’unico problema è che non sono state fatte previsioni circa le tempistiche di produzione, che rimangono per ora avvolte nel mistero e con poche anticipazioni. Così come il futuro, sia in un senso che nell’altro, della Tipo e della 124 Spider. Questo non significa che verranno terminate o altro, semplicemente non è stato specificato che cosa accadrà nel prossimo futuro. Sono state spese comunque parole molto buone circa la Panda, che però lasciano anche intuire che non sarà soggetta a nessun salto in avanti tecnologico, ma semplicemente continuerà sulla sua strada, mantenendo le sue caratteristiche. Tornando però alla 500, è stato anche confermato che la versione tradizionale alla quale siamo già abituati potrebbe essere finalmente affiancata da una non meglio precisata “Giardiniera”, che però con queste premesse dovrebbe essere proprio la cinque porte di cui ormai si parla da moltissimo tempo. Anche questa potrebbe essere coinvolta nel progetto di elettrificazione, anche se per ora è piuttosto difficile fare previsioni precise. Sicuramente nelle prossime settimane verrà svelato qualcosa di più. [post_title] => Piano Industriale Fiat 2018-2022: il grande ritorno della 500 Giardiniera [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => piano-industriale-fiat-2018-2022-il-grande-ritorno-della-500-giardiniera [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-06-01 16:32:33 [post_modified_gmt] => 2018-06-01 14:32:33 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=528213 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Piano Industriale Fiat 2018-2022: il grande ritorno della 500 Giardiniera

Poche novità, ma importanti (ed elettriche)

Dopo Maserati, Alfa Romeo e Jeep, è il turno anche di Fiat. Per la casa torinese il nuovo Piano Industriale non ha riservato tantissime novità, ma quelle poche che ci sono hanno un grande valore. Tra cui finalmente l’arrivo dell’attesa 500 a cinque porte, che forse riporterà in auge il nome di Giardiniera
Piano Industriale Fiat 2018-2022: il grande ritorno della 500 Giardiniera

Se per Alfa Romeo, Maserati e Jeep il nuovo Piano Industriale presentato a Balocco ha riservato, letteralmente, dei fuochi artificiali, l’impatto di Fiat è stato relativamente più “soft”. Le novità, però, ci saranno e non saranno nemmeno poche o poco importanti. Partiamo subito con una conferma: la casa sarà sensibilmente ridimensionata come importanza all’interno del Gruppo. Questo, però, non significa che sparirà o altre paure simili. Il pericolo “Lancia” al momento non esiste. Anzi, la casa torinese sarà fondamentale per il futuro dell’elettrificazione dell’intera produzione.

La 500, infatti, sarà usata come base per i futuri modelli di city car elettrica, il che può essere inizialmente tradotto con una seconda generazione di 500e. Possibilmente senza i costi di produzione della precedente. Tutto ovviamente ruoterà intorno all’evoluzione tecnologia di cui godrà la casa, che non sarà piccola. Infatti Marchionne durante il suo speech ha confermato come la 500X e la 500L potranno godere anche di una futura meccanica ibrida. L’unico problema è che non sono state fatte previsioni circa le tempistiche di produzione, che rimangono per ora avvolte nel mistero e con poche anticipazioni. Così come il futuro, sia in un senso che nell’altro, della Tipo e della 124 Spider. Questo non significa che verranno terminate o altro, semplicemente non è stato specificato che cosa accadrà nel prossimo futuro. Sono state spese comunque parole molto buone circa la Panda, che però lasciano anche intuire che non sarà soggetta a nessun salto in avanti tecnologico, ma semplicemente continuerà sulla sua strada, mantenendo le sue caratteristiche.

Tornando però alla 500, è stato anche confermato che la versione tradizionale alla quale siamo già abituati potrebbe essere finalmente affiancata da una non meglio precisata “Giardiniera”, che però con queste premesse dovrebbe essere proprio la cinque porte di cui ormai si parla da moltissimo tempo. Anche questa potrebbe essere coinvolta nel progetto di elettrificazione, anche se per ora è piuttosto difficile fare previsioni precise. Sicuramente nelle prossime settimane verrà svelato qualcosa di più.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati