Autopilot Buddy: è ora divenuto illegale da utilizzare sulle strade

È ovviamente illegale cercare di sabotare il sistema di guida autonoma di Tesla

Il dispositivo Autopilot Buddy viene definitivamente dichiarato illegale sul suolo americano dall'ente NHTSA, in quanto andrebbe a sabotare le precauzioni di sicurezza del sistema Autopilot di Tesla .
Autopilot Buddy: è ora divenuto illegale da utilizzare sulle strade

Penso che quanto al sistema Autopilot di Tesla non ci sia bisogno di grandissime presentazioni, rappresentando uno dei sistemi, se non il sistema più avanzato e meglio funzionante nel suo settore. Altamente predittivo, molto rapido nel ricalcolare e risolvere eventuali problemi e molto affidabile rispetto ai device dei competitors. Come negli altri dispositivi, per consentire un certo livello di sicurezza, si richiede al guidatore di riposizionare le mani sul volante ogni circa 30 secondi e per qualcuno, questo vincolo potrebbe rappresentare un certo disturbo, ecco perché era stato inventato Autopilot Buddy.

Autopilot Buddy, che cos’è?

Per coloro che fossero intenzionati ad acquistare una Tesla per poter dormire durante i viaggi autostradali, mi spiace comunicare che questo non è ancora possibile, almeno fino al 2022 come forse ha appena annunciato Volvo. Alternativamente fino a pochi giorni fa era presente in commercio un sistema chiamato Autopilot Buddy che consentiva di sabotare il controllo di sicurezza del sistema, ingannandolo e facendogli credere di aver riposizionato le mani sul volante come richiesto. Bastava collegare questo dispositivo magnetico che si installa come un bracciale intorno ala corona del volante e ci si poteva tranquillamente spostare sul sedile del passeggero lasciando la conduzione del veicolo ai soli radar e al sistema sopra citato.

Cosa è cambiato adesso?

Data l’estrema gravità e pericolosità di questo aggeggio, il NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration) si è pronunciato a riguardo ritenendolo estremamente pericoloso per se stessi e per le altre persone, comunicando alla società che lo produce di sospenderne la produzione e cancellare gli attuali ordini in attesa. “Non è assolutamente accettabile un prodotto che cerchi di eludere i sistemi di sicurezza di un veicolo” si pronuncia il vice amministratore della NHTSA, Heidi King. “Questo dispositivo disabilita una delle funzioni di massima sicurezza che permette ai sistemi di guida semi-autonoma di essere omologati su strada, quindi a tutti gli effetti, oltre che alla sicurezza e al buon senso, utilizzandolo di trasgredisce anche una legge“. Non è ancora giunta una risposta dalla società che produce quel sistema, tuttavia dovrebbe avere tempo fino al 29 giugno per ritirar tutti gli ordini in sospeso e motivare la produzione di questo stratagemma. In ogni caso, se volete continuare ad ingannare l’Autopilot potete comunque dotarvi di un’arancia.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati