Rolls-Royce e MINI: la produzione potrebbe spostarsi a causa della Brexit

Rolls-Royce e MINI: la produzione potrebbe spostarsi a causa della Brexit

Si perderebbero così diverse decine di posti di lavoro

La Brexit e le continue instabilità sui negoziati tra UK e UE stanno causando rallentamenti e crolli di produzione nei centri produttivi di MINI e Rolls-Royce, creando malcontenti e possibili licenziamenti a breve. Se la situazione non si modificasse entro il 29 marzo 2019, il gruppo BMW si vedrebbe costretto a far migrare tutta la produzione sul continente.
Rolls-Royce e MINI: la produzione potrebbe spostarsi a causa della Brexit

Da quando i cittadini inglesi si son trovati ad aver votato a favore della Brexit, i produttori automobilistici (e non solo) che risiedevano all’estero ma che producevano internamente ai confini del Regno Unito, hanno visto crescere la loro preoccupazione circa la situazione politica e la stabilità dei loro flussi commerciali. Sono sorte diverse complicanze burocratiche e amministrative che hanno significativamente rallentato e diminuito gli scambi di merci tra l’isola britannica e il resto del mondo.

BMW: “facciamo del nostro meglio, ma le condizioni non sono decisamente favorevoli per continuare”

Questo è il sunto dei ciò che il gruppo tedesco avrebbe comunicato a Reuter e al Financial Times, manifestando un certo rammarico per le condizioni avverse che continuano a compromettere i processi produttivi oltre manica. Abbiamo sempre detto che avremmo cercato di fare del nostro meglio e preparare tutto, ma se alla fine della giornata il nostro flusso di approvvigionamenti subisce uno stop al confine, non possiamo continuare a produrre i nostri prodotti nel Regno Unito“, ha dichiarato Stephan Freismuth, responsabile doganale di BMW.

Tutto accade a causa degli accordi doganali con l’UE che non sono ancora stati pienamente chiariti e disciplinati, causando rallentamenti e fermi ingiustificati. Basta pensare che circa il 90% delle parti utilizzate negli stabilimenti britannici di BMW, situati a Swindon, Hams Hall e Oxford, ricevono componenti dall’Europa continentale. Il problema infatti non sarebbe solamente l’alto costo doganale che questi flussi potrebbero comportare quanto più gli ingenti rallentamenti che la trafila subirebbe a causa dei fermi doganali. Questi ovviamente si ripercuotono sui centri produttivi, che non possono produrre modelli come se fossero a pieno regime, creando tempi di attesa ai concessionari troppo elevati e che scoraggiano i possibili acquirenti dalla conclusione del contratto di acquisto. Questo causa ovviamente minori vendite, minori disponibilità finanziarie e causa indirettamente frequenti licenziamenti nei centri produttivi perché la produzione, essendo diminuita, non necessita più di tutti gli operai di cui necessiterebbe se fosse a pieno regime. 

Insomma un circolo vizioso senza fine che, stando alle ultime stime, continuerebbe a peggiorare con il passare del tempo, facendo perdere quote di mercato e conseguentemente anche una certa instabilità sui mercati finanziari. In ogni caso, al momento BMW non sembra intenzionata a smobilitare la baracca oltre Manica, ma se le condizioni e i negoziati con la Gran Bretagna non dovessero essere definiti entro le ore 23:00 del 29 Marzo 2019, la fuoriuscita dell’Inghilterra dall’UE significherebbe un divorzio unilaterale da parte del gruppo BMW.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati