Tesla Pick-UP: Elon Musk chiede dei suggerimenti ai followers tramite Twitter [RENDERING]

Tesla Pick-UP: Elon Musk chiede dei suggerimenti ai followers tramite Twitter [RENDERING]

Lentamente, anno dopo anno, la gamma di veicoli del marchio Tesla sembra aumentare fino a completare, nei prossimi 10 anni, forse una gamma interamente assortita per poter fronteggiare qualsiasi desiderio di un possibile compratore.

Tesla, un po’ di storia

Si parla del 2008, anno in cui sono iniziati per la prima volta i lavori per adeguare un telaio di una Lotus Elise e farla diventare quella sportiva elettrica che oggi consociamo come Tesla Roadster. Alcuni anni dopo, nel 2012 (o 2013 per l’Europa) viene messa in commercio la prima vettura su larga scala, siamo parlando della mastodontica Tesla Model S che nel dicembre 2015 supera quota 100 mila unità vendute. Verso fine 2015 invece iniziano le consegne per la seconda auto per il grande pubblico, si tratta un grandissimo SUV con delle caratteristiche porte posteriori che si aprono ad ala di gabbiano (in pieno stile Musk), che prende il nome di Tesla Model X e totalizza a fine 2017 circa 30 mila e passa unità vendute. L’ultimo modello fino ad ora conosciuto e realmente esistente è rappresentato dalla Tesla Model 3, una berlina compatta che finalmente inizia a rivolgersi alla grande popolazione, infatti a luglio 2017 Tesla ha potuto festeggiare gli oltre 500 mila preordini per la vettura, consegnandone lo stesso mese circa una trentina in anteprima. I preordini ammontano ad un totale di circa 14 miliardi di dollari. Ad oggi ci sono alcuni modelli che sono in attesa di vedere la luce tra cui una motrice elettrica, chiamata Tesla Semi, una nuova versione della sportiva, ovvero la Tesla Roadster 2020 e una crossover compatta, leggermente rialzata da terra denominata Tesla Model Y.

Tesla Pisck-Up, sarà realtà?

In un innocuo pomeriggio di giugno, il facoltoso Elon Musk ha espresso alcuni suoi dubbi su Twitter circa la possibilità di poter realizzare una vettura altamente funzionale dalle caratteristiche simili ad un Pick-Up, esternando i suoi pensieri sul social network e recependo quelle che potrebbero essere le esigenze dei suoi followers. Accenna quindi ad una trazione integrale ricavata da due unità elettriche, ognuna posta su ogni asse di trazione. Dopo aver parlato delle possibilità di ricarica e di sfruttabilità dell’energia elettrica a bordo, ha chiesto ai suoi seguaci quali dimensioni avrebbero preferito sulla vettura e soprattutto per la cabina, oltre alle caratteristiche indispensabili che non dovrebbero mancare su questa tipologia di vettura. Una cosa imprescindibile è sicuramente la capacità di traino, che dovrebbe superare le 4 tonnellate per poter competere con gli altri pick-up, pienamente affermato soprattutto sul mercato statunitense. Alcuni hanno ipotizzato un portellone abbassabile fino al suolo per poter cariare pesi massimi. Potresti andare su twitter e condividere anche tu la tua idea. Una strategia davvero originale, come ci ha già abituato il magnate di tesla, ma la vera domanda è: la compagnia Americana ascolterà davvero i suoi clienti?

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. ciccio

    28 giugno 2018 at 08:57

    IO HO UN’IDEA MIGLIORE, LASCA STARE LE MACCHINE CHE NON SONO PER TE.

Articoli correlati