DS ID19 Break, alle origini della station wagon di lusso [FOTO]

Un viaggio che ci porta negli anni '50

La DS e lD Break sono la base delle moderne station wagon di lusso. Alla fine degli anni '50 riuscirono a mettere insieme l'eleganza e il comfort di una berlina con la praticità e lo spazio di una carrozzeria allungata.

DS Automobiles ci porta alla nascita della station wagon premium che ha visto protagonista il marchio francese, quando a metà degli anni ’50 Citroën diede una nuova declinazione alla Traction Avant che per molti anni era stata prodotta in varie versioni: berlina, familiale, commerciale e cabriolet. Tutta l’intera gamma della Traction Avant venne sostituita dalla Citroën ID19 che venne presentata al Salone di Parigi del 1956, quando un anno prima era arrivata la DS a rimpiazzare le versioni più lussuose della Traction e a rappresentare di fatto la gamma più raffinata del Double Chevron.

ID e DS condividevano la stessa carrozzeria berlina che non offriva la praticità delle versione “lunghe” della Traction. Un vuoto della gamma che venne colmato in pochi anni: al Salone di Parigi del 1958 debuttò la versione station wagon della ID19, che assunse il nome Break.

Le tre versioni della Break

Le versioni della Break furono essenzialmente tre. Innanzitutto, quella classica per otto passeggeri: tre sul sedile davanti, tre su quello posteriore, due su strapuntini a scomparsa nel bagagliaio. Poi la Familiale, sempre con otto posti: tre davanti, due dietro e tre in tre strapuntini tra i sedili anteriori e posteriori, con il bagagliaio sempre libero per le valige. Infine, la Commerciale, a sei posti: tre davanti e tre dietro, come nelle berline, ma con il sedile posteriore abbattibile ed un ampio vano di carico. Dalla Commerciale fu derivata quasi subito l’Ambulance, con lo spazio per una barella ricavato dal sedile posteriore frazionabile (2/3 – 1/3) che lasciava comunque lo spazio per un infermiere accanto alla lettiga.

Versatilità d’uso

Inoltre la Citroën DS Break su base D manteneva la classe delle sue sorelle berline (e, dal ’61, Cabriolet) e consentiva al proprietario di utilizzarla durante la settimana come mezzo di lavoro, e nel fine settimana di portare a spasso la famiglia, garantendo a tutti i passeggeri il lusso ed il comfort di una DS. Dopo il 1975, quando a causa della crisi petrolifera, l’ultima Citroën DS lasciò la catena di montaggio, la Break continuò ad essere assemblata ancora per quasi due anni.

Leggi altri articoli in Auto Storiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati