BMW ed i dubbi sulla popolarità dei veicoli elettrici

"Le elettriche vendute saranno il 10 o il 40%?"

BMW ha programmato l'elettrificazione della propria gamma, con circa 20 veicoli entro il 2025, ma non ci sono certezze sulla risposta dei consumatori, a questa possibile rivoluzione delle quattro ruote.
BMW ed i dubbi sulla popolarità dei veicoli elettrici

L’elettrificazione del parco vetture è un tema sviluppato da quasi tutti i marchi e, tra questi, c’è BMW: la casa tedesca, infatti, ha previsto il lancio sul mercato di circa una ventina di veicoli ibridi, elettrici o ibridi plug-in entro il 2025. Tuttavia, dal marchio dell’elica non hanno certezze su quanto queste vetture saranno richieste da parte dei consumatori, visti i tanti dubbi persistenti in materia.

BMW e l’elettrico: “Venderemo il 10 o il 40%?”

E’ stato il membro del consiglio di amministratore Oliver Zipse a far capire i dubbi da parte di BMW a Car and Driver: “Supponiamo che, entro il 2025, tra il 15 ed il 25% delle auto vendute saranno elettriche”, per poi però proseguire, “potrebbe essere anche il 40% oppure solo il 10%”. Tanta incertezza, dunque, visto che si tratta di numeri e volumi completamente diversi.

La piattaforma BMW per le vetture elettriche

Il marchio tedesco, così, sta provando a ‘proteggere’ questa scommessa sulle auto elettriche, non sviluppando una piattaforma esclusivamente per i veicoli elettrificati. A differenza di quanto stanno facendo molti altri concorrenti, l’architettura ‘Gen 5’, infatti, può essere utilizzata anche i propulsori tradizionali, lasciando così aperte tutte le strade.

In arrivo la BMW iNext

L’offensiva elettrica BMW, comunque, prosegue e nei prossimi mesi arriverà il prototipo della iNext. La casa ha annunciato la presentazione nel corso del 2018, di cui ha fornito un primo teaser ufficiale, per poi entrare in produzione nel 2021. Questa vettura a zero emissioni sarà prodotta a Dingolfing, in Germania, nel più grande stabilimento di produzione dell’Elica in Europa.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati