Cristiano Ronaldo e le Supercar, ecco quali ha in garage

Le supercar di CR7, neo-acquisto della Juventus

È ufficiale che Cristiano Ronaldo arriverà in Italia per vestire la maglia della Juventus. Ecco quali Supercar porta con sé il Campione portoghese.
Cristiano Ronaldo e le Supercar, ecco quali ha in garage

È ormai la notizia sulla bocca di tutti, la “bomba” di mercato calcistica che molti tifosi trovavano impossibile: Cristiano Ronaldo giocherà in Italia. Per la precisione con la Juventus, che lo strappa al Real Madrid con un contratto complessivo di circa 360 milioni di euro (la cifra pagata invece è di circa un terzo per il cartellino del portoghese). Ma dal momento che la nostra Redazione si occupa di automobili, ci siamo chiesti quali siano le Supercar che il più volte Pallone d’Oro porterà con sé nel nostro Paese. Ecco dunque la sua lista.

Oltre 5000 CV e svariati milioni di euro

Partiamo dal suo ultimo acquisto, ossia la Bugatti Chiron. A tutti gli effetti più un’hypercar che una supercar: il suo potente motore W16 è in grado di erogare 1500 CV e di spingerla a velocità ben superiori ai 400 km/h. In un video dell’anno scorso lo si vede mentre il Costruttore (che fa parte di casa Volkswagen) lo invita per un test drive su pista. La faccia di CR7 la dice tutta su quanto rimanga impressionato: quasi quanto i suoi ultimi gol al Mondiale! E se pensate che le compri solo per collezione, vi sbagliate. In una breve clip pubblicata sul suo profilo Instagram – dove è una delle persone più seguite al Mondo – lo si vede uscire da casa sua con la Chiron per far fare un giro a suo figlio. Ricordiamo che la Chiron, costruita in soli 500 esemplari, ha un prezzo di partenza pari a 2,5 milioni di euro, che lievitano con i vari optional e personalizzazioni.

Ma guardiamo alle italiane: meno di un anno fa Cristiano Ronaldo è stato uno degli acquirenti delle 799 Ferrari F12tdf. Il modello del Cavallino Rampante scelto da CR7 ha una particolare livrea amaranto con pinze dei freni gialli e sotto al cofano monta un possente 12 cilindri a V capace di 780 cavalli. Le prestazioni sono mozzafiato quasi quanto la Bugatti sopra citata: uno 0-100 km/h in 2,9 secondi ed una velocità massima superiore ai 340 km/h. Il prezzo? Si parla di oltre 400.000 euro. Ma non sarebbe l’unico gioiellino della casa di Maranello nel parterre del neo-acquisto juventino: secondo diverse indiscrezioni sarebbe stato uno dei fortunati acquirenti della Ferrari LaFerrari, hypercar con motore ibrido presentata nel 2013. Il suo V12, abbinato ad un propulsore elettrico, eroga in tutto 963 CV. Proprio quello stesso anno Ronaldo firmò il nuovo contratto con il Real Madrid, comprensivo di 17 milioni a stagione sino al 2018. Per acquistare la “Supercar” tra le supercar modenesi il calciatore ha dovuto prima acquistarne altre cinque. Pagando poi un prezzo base di 1,3 milioni di euro per la LaFerrari.

CR7 e le altre Supercar

Il garage di Cristiano Ronaldo deve essere bello ampio per ospitare il resto della sua collezione, che guida con cura ed attenzione anche sulle strade di tutti i giorni. Tra le altre supercar che può annoverare troviamo una Porsche 911 Turbo S (580 CV ed oltre 200mila euro), una Ferrari 599 GTO (620 CV ed un prezzo base di 320mila euro), svariate Audi regalategli ad inizio stagione proprio dalla casa dei quattro anelli (sponsor del Real Madrid). Con molta probabilità una McLaren – di cui non conosciamo il modello preciso – dopo che nel 2014 il calciatore si trovò, insieme al team di Woking, uomo immagine del brand di orologi Tag Heuer. E ancora una Lamborghini Aventador, una Rolls Royce Phantom, un’altra Bugatti (questa volta la Veyron, il “vecchio” modello”) ed alla base della piramide ci sarebbe una BMW M6. Non possiamo affermarlo con certezza perché il suo parco auto è sempre in costante aggiornamento!

Vedremo dunque quali delle sue supercar il calciatore della Juventus porterà con sé dalla Spagna in Italia e quali i suoi nuovi sponsor gli concederanno. Un unico consiglio, Cristiano: ricordati che da noi si paga il superbollo, ed è piuttosto salato.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati