WP_Post Object ( [ID] => 542276 [post_author] => 70 [post_date] => 2018-07-16 11:54:40 [post_date_gmt] => 2018-07-16 09:54:40 [post_content] => Sono giorni di festa in Francia. Il 14 luglio appena trascorso ed il trionfo ai Mondiali di calcio sono sulle prime pagine, ma c’è anche un’altra importante celebrazione: i 120 anni di Bibendum, più conosciuto come Omino Michelin. E’ nato nel 1898, grazie all’artista Marius Rossillon, ed è diventato sempre più popolare, fino a diventare un vero e proprio simbolo del marchio francese.

La storia dell’Omino Michelin

Tutto, però, era nato qualche anno prima, esattamente nel 1894. Edouard Michelin, all’Esposizione Universale di Lione, vedendo una pila di pneumatici disposti artisticamente disse “Con un paio di braccia in più, sembrerebbe un omino”. E, quattro anni più tardi, il citato artista francese trasformò questa idea in una realtà, con la ‘nascita’ del personaggio e con il manifesto ‘Nunc est Bibendum’. L’Omino Michelin suscita subito simpatia e comincia ad apparire su ogni canale pubblicitario. O’Galop è il primo a dar vita all’Omino Michelin, ma Bibendum acquisisce una personalità umana forte, divertente ed estroversa anche grazie ad altri grandi nomi del mondo della pubblicità e dei manifesti, come Hautot, Grand Aigle, Riz, Cousyn e René Vincent, ognuno dei quali gli conferisce il proprio stile e le proprie idee, sviluppando forme e design diversi. Per rendere l’Omino Michelin facilmente riconoscibile per tutti, è necessario uniformarne l’immagine e questo ulteriore passo viene effettuato negli anni ’20, dagli artisti dediti a Bibendum, nello studio grafico Michelin. Con un numero ben preciso di pneumatici come struttura per il corpo e forme definite, a poco a poco l’Omino Michelin diventa il personaggio conosciuto in tutto il mondo. Da allora è un’escalation di successo, tuttora d’attualità.

Omino Michelin: il premio del Financial Times

Il momento più alto di Bibendum arriva nel 2000, quando riceve il massimo tributo possibile: il Financial Times lo elegge miglior logo di tutti i tempi, da una giuria di esperti. Quello stesso anno, l’Omino Michelin assume un design high-tech in 3D, che ne sottolinea la predisposizione per l’innovazione e la tecnologia, anche se nel 2017 tornerà in 2D.

La festa per i 120 anni di Bibendum

Per il 120° compleanno dell’Omino Michelin, L’Aventure Michelin propone una mostra dedicata, aperta fino al 31 dicembre 2018. E’ il luogo, a Clemont-Ferrand (Francia), dove poter ammirare la storia ed il patrimonio culturale del marchio francese, aperto tutti i giorni, con biglietti da 5.50 a 9.50 euro. [post_title] => Omino Michelin: festa Bibendum, compie 120 anni [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => omino-michelin-festa-bibendum-compie-120-anni [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-07-16 11:54:40 [post_modified_gmt] => 2018-07-16 09:54:40 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=542276 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Omino Michelin: festa Bibendum, compie 120 anni

E' nato nel 1898 da un'idea di Edouard Michelin

Bibendum, più conosciuto come Omino Michelin, festeggia 120 anni, dalla sua nascita nell'ormai lontano 1898 dalla matita di Marius Rossillon, ma grazie ad un'idea avuta quattro anni prima da Edouard Michelin. Da allora, è diventato il simbolo planetario del marchio francese.
Omino Michelin: festa Bibendum, compie 120 anni

Sono giorni di festa in Francia. Il 14 luglio appena trascorso ed il trionfo ai Mondiali di calcio sono sulle prime pagine, ma c’è anche un’altra importante celebrazione: i 120 anni di Bibendum, più conosciuto come Omino Michelin. E’ nato nel 1898, grazie all’artista Marius Rossillon, ed è diventato sempre più popolare, fino a diventare un vero e proprio simbolo del marchio francese.

La storia dell’Omino Michelin

Tutto, però, era nato qualche anno prima, esattamente nel 1894. Edouard Michelin, all’Esposizione Universale di Lione, vedendo una pila di pneumatici disposti artisticamente disse “Con un paio di braccia in più, sembrerebbe un omino”. E, quattro anni più tardi, il citato artista francese trasformò questa idea in una realtà, con la ‘nascita’ del personaggio e con il manifesto ‘Nunc est Bibendum’.

L’Omino Michelin suscita subito simpatia e comincia ad apparire su ogni canale pubblicitario. O’Galop è il primo a dar vita all’Omino Michelin, ma Bibendum acquisisce una personalità umana forte, divertente ed estroversa anche grazie ad altri grandi nomi del mondo della pubblicità e dei manifesti, come Hautot, Grand Aigle, Riz, Cousyn e René Vincent, ognuno dei quali gli conferisce il proprio stile e le proprie idee, sviluppando forme e design diversi.

Per rendere l’Omino Michelin facilmente riconoscibile per tutti, è necessario uniformarne l’immagine e questo ulteriore passo viene effettuato negli anni ’20, dagli artisti dediti a Bibendum, nello studio grafico Michelin. Con un numero ben preciso di pneumatici come struttura per il corpo e forme definite, a poco a poco l’Omino Michelin diventa il personaggio conosciuto in tutto il mondo. Da allora è un’escalation di successo, tuttora d’attualità.

Omino Michelin: il premio del Financial Times

Il momento più alto di Bibendum arriva nel 2000, quando riceve il massimo tributo possibile: il Financial Times lo elegge miglior logo di tutti i tempi, da una giuria di esperti. Quello stesso anno, l’Omino Michelin assume un design high-tech in 3D, che ne sottolinea la predisposizione per l’innovazione e la tecnologia, anche se nel 2017 tornerà in 2D.

La festa per i 120 anni di Bibendum

Per il 120° compleanno dell’Omino Michelin, L’Aventure Michelin propone una mostra dedicata, aperta fino al 31 dicembre 2018. E’ il luogo, a Clemont-Ferrand (Francia), dove poter ammirare la storia ed il patrimonio culturale del marchio francese, aperto tutti i giorni, con biglietti da 5.50 a 9.50 euro.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati