Aston Martin Cygnet V8: il bolide in formato mini a Goodwood 2018 [VIDEO]

Cosa succede se inserisci un V8 da 436 CV su una Cygnet di soli 307 cm?

L' Aston Martin Cygnet V8 è pura realtà, un progetto nato per scherzo a Gaydon ed effettivamente realizzato nel giro di qualche mese, per rendere omaggio alla fine della carriera di una piccola utilitaria davvero strana e inusuale per il marchio inglese. Guardala sfrecciare sulla pista di Goodwood con il suo nuovo V8.
Aston Martin Cygnet V8: il bolide in formato mini a Goodwood 2018 [VIDEO]

La casa di Gaydon ha avuto un passato ricco di sperimentazioni e di “prove”, soprattutto per quanto riguarda l’adattamento di propulsori dalle grandi dimensioni su delle auto che non potrebbero ospitarli. Stiamo parlando del mastodontico V12 sulla piccola DB7 o sempre del V12 letteralmente infilato sulla compatta Vantage, originariamente nata con un più piccolo V8. E’ stata quindi recentemente riscritta la storia degli “swap” dei propulsori grazie a qualche ingegnere illuminato che ha deciso di infilare un gigante V8 sotto al cofano (se di cofano si può parlare) della piccolissima Aston Martin Cygnet.

Aston Martin Cygnet V8, il canto del cigno

Per celebrare lo stop alla produzione della piccola ma lussuosa Aston Martin Cygnet, gli spericolati ingegneri di Gaydon hanno deciso di inventarsi qualcosa di unico e inimitabile. La ricetta è stata pressapoco questa: prendi una delle ultime Cygnet rimaste disponibili; togli quell’inutile 1.4 litri a benzina che solitamente è inserito nel suo vano motore; allarga le carreggiate, cambia i supporti motore e prova a batterci dentro il cattivissimo V8 che solitamente equipaggia la Vantage S. Sono poi state apportate alcune modifiche al telaio per consentirgli di essere più rigido e resistente alle sollecitazioni, nuovi freni, nuove sospensioni, un nuovo cambio, alcune zavorre nel posteriore e il gioco è fatto. Come è andata? Guardate il video e potrete trarre da soli le conclusioni.

Guardado le immagini spesso ci si potrebbe chiedere se sia sincronizzato l’audio alla clip, vedendo passare questa piccola macchinina capace di emettere quel latrato classico del V8, così sordo e profondo da esaltare tutto il pubblico di Goodwood. Si può notare come in alcune curve la ruota anteriore interna tenda ad alzarsi, incontrando i limiti di un progetto assurdo e altrettanto pazzo. Ad ogni modo noi apprezziamo la folle idea di Aston Martin, nata per rendere omaggio ad una vettura davvero pazza e atipica già di partenza.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati