WP_Post Object ( [ID] => 542499 [post_author] => 70 [post_date] => 2018-07-17 16:41:09 [post_date_gmt] => 2018-07-17 14:41:09 [post_content] => Il Citroen Unconventional Team 2018 ha, tra le sue fila, il primo italiano ad essere diventato campione del mondo PWA nella storia del windsurf: si tratta di Matteo Iachino, atleta ligure di 28 anni, anche quest’anno in testa alla classifica di coppa del mondo di slalom. Lo abbiamo intervistato per parlare della carriera, della sua stagione ed anche del suo rapporto con la Citroen C3 Aircross, l’auto ufficiale del CUT 2018.

Matteo Iachino: la carriera

Ma ripercorriamo un po’ la carriera di Iachino e come è diventato uno dei migliori specialisti del globo. La sua avventura sulla tavola inizia quando aveva otto anni, grazie a suo papà, per diventare una vera passione un paio d'anni più tardi, fino a farla diventare la 'propria vita'. Il debutto nel circuito di coppa del mondo PWA slalom arriva nel 2009 ed i risultati sono subito buoni, ma l’esplosione è arrivata recentemente: terzo nel 2015, campione nel 2016 e secondo nel 2017. Con questo 2018 che, come dicevamo, lo vede in testa alla classifica a due tappe dalla chiusura della stagione.

L’alimentazione e l’allenamento di Matteo Iachino

Senza ovviamente perdere il divertimento, per diventare uno dei leader mondiali di specialità, Iachino deve fare numerosi sacrifici e seguire un’alimentazione ed un costante allenamento. Sveglia quasi sempre all’alba, cinque pasti al giorno per mantenere il peso forma durante la preparazione, sempre in viaggio e tanta attrezzatura da portare in giro per il mondo, dalla Corea al Giappone, dalle Canarie alla Danimarca. Non è sempre facile, soprattutto stare molto spesso lontano da casa, ma la passione ed i risultati stanno ripagando tutto. [post_title] => Citroen Unconventional Team 2018: Matteo Iachino, il windsurf e la C3 Aircross [INTERVISTA VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => citroen-unconventional-team-2018-matteo-iachino-il-windsurf-e-la-c3-aircross-intervista-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-07-17 16:41:09 [post_modified_gmt] => 2018-07-17 14:41:09 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=542499 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Citroen Unconventional Team 2018: Matteo Iachino, il windsurf e la C3 Aircross [INTERVISTA VIDEO]

L'intervista a Matteo Iachino, campione di windsurf

Matteo Iachino è uno degli atleti del Citroen Unconventional Team 2018, diventato due anni fa il primo italiano campione del mondo di windsurf PWA ed anche quest'anno è in testa alla classifica. Il suo inizio, la sua carriera, la stagione ed il rapporto con la C3 Aircross, nella nostra video intervista.
Citroen Unconventional Team 2018: Matteo Iachino, il windsurf e la C3 Aircross [INTERVISTA VIDEO]

Il Citroen Unconventional Team 2018 ha, tra le sue fila, il primo italiano ad essere diventato campione del mondo PWA nella storia del windsurf: si tratta di Matteo Iachino, atleta ligure di 28 anni, anche quest’anno in testa alla classifica di coppa del mondo di slalom. Lo abbiamo intervistato per parlare della carriera, della sua stagione ed anche del suo rapporto con la Citroen C3 Aircross, l’auto ufficiale del CUT 2018.

Matteo Iachino: la carriera

Ma ripercorriamo un po’ la carriera di Iachino e come è diventato uno dei migliori specialisti del globo. La sua avventura sulla tavola inizia quando aveva otto anni, grazie a suo papà, per diventare una vera passione un paio d’anni più tardi, fino a farla diventare la ‘propria vita’.

Il debutto nel circuito di coppa del mondo PWA slalom arriva nel 2009 ed i risultati sono subito buoni, ma l’esplosione è arrivata recentemente: terzo nel 2015, campione nel 2016 e secondo nel 2017. Con questo 2018 che, come dicevamo, lo vede in testa alla classifica a due tappe dalla chiusura della stagione.

L’alimentazione e l’allenamento di Matteo Iachino

Senza ovviamente perdere il divertimento, per diventare uno dei leader mondiali di specialità, Iachino deve fare numerosi sacrifici e seguire un’alimentazione ed un costante allenamento. Sveglia quasi sempre all’alba, cinque pasti al giorno per mantenere il peso forma durante la preparazione, sempre in viaggio e tanta attrezzatura da portare in giro per il mondo, dalla Corea al Giappone, dalle Canarie alla Danimarca. Non è sempre facile, soprattutto stare molto spesso lontano da casa, ma la passione ed i risultati stanno ripagando tutto.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati