Salone di Detroit: ora è ufficiale, il NAIAS a giugno dal 2020 [VIDEO]

Non solo auto, ma anche spettacoli a Detroit

Il Salone di Detroit si sposta da gennaio a giugno, a partire dal 2020. Viene così evitata la concorrenza con il CES di Las Vegas e c'è la possibilità di trasformare l'appuntamento in un happening con anche test drive, spettacoli e street food.
Salone di Detroit: ora è ufficiale, il NAIAS a giugno dal 2020 [VIDEO]

Il Salone di Detroit si sposta: il 2019 sarà l’ultimo anno con l’appuntamento americano ad inizio anno (dal 14 al 27 gennaio), poi dal 2020 il NAIAS si sposterà di sei mesi e si terrà nel mese di giugno, nella seconda settimana. Uno spostamento di cui si era già parlato qualche settimana fa ed ora diventato ufficiale, con la comunicazione da parte degli stessi organizzatori.

NAIAS a giugno: i motivi dello spostamento

Perché questo spostamento? Nel comunicato non viene mai citato, ma uno dei motivi principali di questa novità è la volontà di evitare la concorrenza con il CES di Las Vegas, evento che sta sempre più interessando il mondo dell’automotive e la presenza delle case auto, visto il sempre maggiore utilizzo di tecnologie a bordo dei veicoli. Mentre nei saloni tradizionali, si stanno moltiplicando le rinunce: non solo al NAIAS, ma anche al prossimo evento di Parigi.

Una rivoluzione per il Salone di Detroit

Lo spostamento da gennaio a giugno porta vantaggi e la possibilità di trasformare il Salone, facendolo diventare un vero e proprio happening a quatto ruote (e non solo). Come annunciato dagli organizzatori, infatti, si tratta della “trasformazione più significativa degli ultimi tre decenni”, con la volontà di “uscire dal tradizionale modello, creando un nuovo evento senza eguali nel settore”.

Oltre all’esposizione dei veicoli, vista la temperatura ed il meteo sicuramente migliori e più adatti, verrà utilizzata la zona esterna, con la realizzazione di circuiti per i test drive, installazioni esterne, un’area di spettacoli ed anche lo spazio per i famosi track dello street food.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati