Nuova Ford EcoSport: continua l’evoluzione dell’Ovale Blu [PROVA SU STRADA]

Design sportivo, rinnovata negli interni e tanta tecnologia a bordo

Si rinnova la Ford Ecosport guadagnando un design più accattivante, nuovi motori e un design per gli interni totalmente nuovo, ereditato tanta tecnologia dalla sorella più piccola Fiesta e diventando una delle B-Suv più accessoriate sul mercato. L'abbiamo provata nell'allestimento ST-Line Black Edition, per rendere omaggio alla parola "Sport" presente nel suo nome.

All’ovale blu dovevano averci visto già lungo nel 2013 quando è stata presentata la prima versione della Ford EcoSport, che è stato il primo approccio del marchio verso i crossover compatti o B-SUV, come preferiamo chiamarli. Una vettura che ha riscosso un discreto successo nei suoi primi 4 anni di vita con più di 150 mila unità vendute per arrivare poi oggi, nel 2018 al suo primo traguardo di carriera. Più che di nuovo modello si parla di restyling in quanto le dimensioni (410, 177, 165) e la linea in generale non cambiano mentre invece troviamo una buona iniezione di tecnologia che, soprattutto all’interno con il nuovo infotainment SYNC 3, dona maggiore freschezza e modernità all’abitacolo. Saliamo quindi a bordo della nuova Ford EcoSport MY 2018 per scoprire quanto è cambiata e cosa si è rinnovato nel piccolo suv della casa americana.

Design e Interni:  ★★★★☆ 

Linea massiccia e più adulta per il rinnovato SUV di casa Ford 

Non varia in modo sostanziale la linea, ma troviamo piccoli e mirati accorgimenti, soprattutto nel frontale, che trasformano di fatto la piccola crossover in una sorella minore della Kuga o piuttosto della massiccia Edge. La nuova EcoSport presenta quindi una linea con maggiore carattere e decisamente più massiccia proprio nel frontale, dove si ritrova una nuova griglia e i fari ridisegnati con firma luminosa a LED, sdoppiati su due livelli. Grazie alle nuove nervature sul cofano e alle forme più acuminate, la nuova EcoSport sembra presentare uno sguardo più incattivito, merito anche del nuovo allestimento STLine, da noi in prova e debuttato in gamma proprio con questo restyling 2018. Fanno la loro comparsa infatti le piccole ma apprezzabili appendici aerodinamiche nella vista laterale, con piccoli profili anteriori e posteriori che rendono più sportiveggiante la linea della nuova crossover di Ford insieme ai cerchi da 17 o 18 pollici come optional. In particolare, abbiamo testato la versione ST-Line Black Edition che presenta questa configurazione in duplice tonalità, Shadow Black per la carrozzeria e una tinta dorata per i montanti e il tetto. Tuttavia, perde un po’ il suo stile da piccolo fuoristrada in quanto l’iconica ruota di scorta esterna, posta sul portellone posteriore, rimane infatti un optional.

All’interno tutto cambia, in stile Fiesta e con SYNC 3

Spostando lo sguardo all’interno, si viene investiti da un’aria di freschezza e di novità. Alla vecchia impostazione della plancia succede la nuova plancia di Ford che ha recentemente debuttato con la Nuova Ford Fiesta. Sparisce tutta quella moltitudine di tastini a beneficio di una plancia più semplice e minimale, sopra al quale fa da protagonista il nuovo infotainment SYNC 3 da 8″. Già elogiato sulla Nuova Fiesta, rimane tra i migliori dispositivi di infotelematica presenti sui veicoli di pari gamma, eccellendo in quanto a velocità e semplicità di utilizzo, grazie anche alla predisposizione per utilizzare Apple CarPlay e Android Auto. Spostando lo sguardo altrove e “saggiando” con le mani il resto dell’abitacolo, siamo rimasti sorpresi dal grande salto in avanti di Ford in merito ai materiali utilizzati per gli interni. La qualità percepita è alta e non solo per la pelle morbida che ricopre volante, freno a mano, cambio e i poggia braccia, ma anche le plastiche soft touch sulla plancia e sul pannello portiera sono di ottima fattura, senza contare la retrolliminazione blu di tutti i tasti fisici per il controllo del clima automatico e dell’infotainment. Le luci soffuse blu che poi diventano rosse all’accensione del veicolo non possono che essere la ciliegina sulla torta per generare un’atmosfera più accattivante e accogliente.

Discreto lo spazio anche per chi siede dietro, con i suoi 252 cm di passo risulta tra le più piccole della categoria, ma si sta comodi anche sul divano posteriore dove rimane leggermente sacrificato il passeggero centrale, quindi meglio intraprendere un viaggio in 4 piuttosto che in 5. Sono presenti due comode tasche porta oggetti ma mancano delle prese USB e le bocchette di aerazione. Il bagagliaio rimane invece molto capiente con 456 litri di capacità minima, disponibili grazie alla forma squadrata del posteriore e all’apertura con cerniera posta lateralmente per il portellone. A seconda delle situazioni si rivela comoda o scomoda, non siamo ancora riusciti a farci un’idea precisa per questa scelta, che viene ereditata dalla precedente versione. Ad ogni modo, la capienza rimane tra le migliori della categoria, salendo poi fino a 1238 litri con gli schienali posteriori abbattuti completamente.

Comportamento su Strada:  ★★★½☆ 

Strizza l’occhio alla sportività, buon feeling di guida ma migliorabile l’insonorizzazione

La prima cosa che abbiamo notato è stata sicuramente l’impostazione sportiveggiante della guida, con una seduta regolabile fino a trovarsi ben inseriti nell’abitacolo, grazie anche alle innumerevoli regolazioni del volante che gode di una buona escursione anche in profondità. Il volante posizionato verticalmente, la seduta immersa nell’abitacolo, la linea di cintura alta e le chicche riservate all’allestimento ST-Line ci fanno sentire su una vettura sicuramente più accattivante rispetto a come potrebbe apparire la piccola EcoSport. Abbiamo quindi apprezzato anche la sua dinamicità su strada, che riprende molto l’agilità della sorella più piccola Fiesta, con un buon handling aiutato anche dalle sospensioni più rigide e dalle ruote sportive da 17″ riservate all’allestimento ST-Line. Il beccheggio in frenata è ridotto e la tenuta in curva è sicuramente tra le migliori del segmento, considerando anche il baricentro alto e non proprio favorevole alla guida dinamica. Lo sterzo risulta diretto e ben rapportato, come Ford sa fare e anche bene. Si irrigidisce con l’aumentare della velocità e risulta pratico anche per le manovre da fermo, oltre ad assicurare una buona impugnatura con la pelle traforata. L’assetto sportivo e le ruote più larghe però ci fanno percepire maggiori vibrazioni all’interno e maggiore rumore da rotolamento, soprattutto in autostrada dove i passaruota non riescono a trattenere alla perfezione i rumori.

Sulle sconnessioni le sospensioni risultano leggermente secche ma in modo da non infastidire troppo i passeggeri. Riescono a sostenere bene dal coricamento in curva ad andature sostenute, quindi assicurano un buon appoggio laterale, ma si scompone leggermente quando, sempre in appoggio, si transita ad esempio sui giunti dei cavalcavia autostradali. Nel complesso però mette in campo un buon assetto, forse tra i più divertenti della categoria. Nella vita urbana invece la nuova Ford EcoSport appare decisamente a suo agio, con dimensioni compatte e molto percettibili dall’interno, grazie a forme regolari e grazie all’ottima visibilità frontale e laterale. Posteriormente invece, a causa del lunotto alto, non si capisce bene dove finisca la vettura in fase di manovra, ma ci torna in aiuto la retrocamera, optional immancabile che gode anche di una perfetta risoluzione. I sistemi di assistenza alla guida poi ci aiutano nella vita di tutti i giorni. Troviamo infatti la frenata di emergenza, Cruise control adattivo, monitoraggio dell’angolo cieco, mantenitore di corsia attivo, lettore della segnaletica stradale e tanti altri sistemi automatici che ci rendono sicuramente la vita più facile, come l’accesso keyless, gli specchietti ripiegabili e riscaldati oppure i tergicristalli e le luci automatiche. Si può quindi dire che la nuova Ford EcoSport riesce a sfoggiare una dotazione di tutto rispetto che non ha nulla da invidiare a quelle delle berline categoria superiore.

Motore e Prestazioni:  ★★★☆☆ 

L’1.0 3 cilindri EcoBoost potrebbe essere più vivace ai bassi, ma assicura una buona spinta

La versione ST-Line Black Edition da noi in prova è stata equipaggiata con il nuovo 1.0 3 cilindri Ecoboost a benzina da 125 CV, abbinato al cambio automatico a convertitore di coppia 6 marce. Una configurazione sicuramente azzeccata per questa tipologia di vettura dato il maggiore comfort che il selettore automatico può assicurare, soprattutto in ambiti urbani. Lo scatto sullo 0-100 si staglia sui 12,3 secondi, un po’ alto considerando l’ammontare di CV e il peso abbastanza contenuto di circa 1350 kg a secco. Tuttavia ci saremmo aspettati più vivacità dal propulsore, soprattutto considerando la possibilità di poter disporre del turbocompressore e della prontezza ai bassi tipica di un 3 cilindri. Effettivamente la coppia di 170 Nm a 1400 giri è si immediata, ma leggermente sottodimensionata rispetto a propulsori simili. Ad ogni modo la vettura manifesta una marcia davvero confortevole e le cambiate avvengono in modo abbastanza fluido e senza disturbare troppo i passeggeri. Alzando un po il ritmo si percepiscono i limiti però del selettore, che anche se impostato in modalità sportiva non tiene il passo del propulsore. Conoscendo quindi la buona fattura dei cambi manuali di Ford saremmo forse più propensi ad optare per un classico cambio manuale a 6 marce, più economico all’acquisto e facile da utilizzare anche in scenari urbani.

Consumi e Costi:  ★★★★☆ 

I consumi salgono se ci si lascia prendere la mano. Prezzi a partire da 19 mila euro.

Ford dichiara percorrenze di circa 16 km al litro nei tratti urbani, ma anche nei tratti extraurbani abbiamo registrato delle medie piuttosto vicine a quelle dichiarate, con circa 19 km al litro. Dando invece uno sguardo al listino prezzi, il prezzo d’attacco è di 19.000 euro per l’1.0 EcoBoost da 100 CV, cambio automatico e nell’allestimento Plus. La gamma si articola poi su 4 allestimenti, con Titanium, ST-Line e ST-Line Black Edition, con un’escursione di circa 5.200 euro tra il primo e il quarto. Lo stesso propulsore è anche disponibile in una versione da 140 CV a partire da 25.000 euro. Per i diesel invece, troviamo l’1.5 TDCi da 100 o 125 CV, con prezzi a partire da 21.000 euro.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Look sportivo, handling, qualità generale.Assetto rigido, visibilità posteriore, cambio automatico.

Ford Ecosport 1.0 EcoBoost St- Line Black Edition: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★½☆ 
Accelerazione:★★★☆☆ 
Ripresa:★★★½☆ 
Cambio:★★★½☆ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★★½ 
Tenuta di Strada:★★★★½ 
Comfort:★★★★☆ 
Infotainment:★★★★★ 
Abitabilità:★★★★☆ 
Bagagliaio:★★★★½ 
Posizione di guida:★★★★½ 
Dotazione:★★★★½ 
Prezzo:★★★★☆ 
Design:★★★★☆ 
Finitura★★★★☆ 
Piacere di guida:★★★★☆ 
Consumi:★★★½☆ 

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati