Uber, l’incidente in Arizona poteva essere evitato

Bastava non disattivare i sistemi di sicurezza della Volvo XC90

Secondo le indagini dell'IIHS, l'incidente dell'auto a guida autonoma di Uber che a marzo durante i test in Arizona ha investito e ucciso una donna era evitabile. Sarebbe bastato lasciare attivo il sistema di frenata autonoma della XC90.
Uber, l’incidente in Arizona poteva essere evitato

L’incidente stradale che a marzo di quest’anno ha coinvolto una vettura a guida autonoma di Uber durante i test, uccidendo una donna a Tempe, in Arizona, si poteva evitare.

I sistemi di sicurezza della Volvo XC90 erano disattivati

A sostenere tale tesi, che addossa ulteriori responsabilità sulle società americana, sono gli ultimi risultati delle indagini dell’IIHS, Insurance Institute for Highway Safety. Stando a quanto rilevato dagli investigatori per evitare l’impatto, o quanto meno attenuarlo riducendo la velocità, sarebbe bastato che, durante i collaudi delle tecnologie di guida autonoma, si fossero lasciati attivi i sistemi di sicurezza della Volvo XC90, l’auto utilizzata da Uber per i suoi test.

La frenata automatica sarebbe intervenuta

Come riportato nelle relazione finale dell’IIHS, Uber ha disabilitato il sistema di frenata autonoma con riconoscimento dei pedoni di cui è dotata la Volvo XC90. Una decisione duramente criticata dall’istituto di sicurezza, anche tramite le parole di David Zuby, chief research officier dell’IIHS, che sostiene che se i sistemi di sicurezza della vettura non fossero stati disattivati si sarebbe potuto evitare l’impatto e dunque salvare la vita della donna che stava attraverso la strada a piedi mentre spingeva la sua bicicletta. Al momento dell’incidente sull’auto di Uber era presente una collaudatrice che sarebbe dovuta intervenire sui sistemi della vettura prendendone il controllo. La donna, come è poi emerso dalle ricostruzioni della polizia, in quegli istanti non era attenta alla strada ma era distratta da un programma che stava seguendo in streaming sul suo smartphone.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati