Ferrari, la famiglia di Steve McQueen le fa causa per utilizzo non autorizzato del nome

Chiesto un risarcimento complessivo di 3 milioni di dollari

La Ferrari è stata citata in giudizio dalla famiglia di Steve McQueen per l'utilizzo non autorizzato del nome dell'attore a fini commerciali. Il riferimento è alla California T "The Steve McQueen" del 2016. Chiesti 3 milioni di dollari di risarcimento.
Ferrari, la famiglia di Steve McQueen le fa causa per utilizzo non autorizzato del nome

Gli eredi di Steve McQueen hanno deciso di fare causa alla Ferrari con l’accusa di aver sfruttato senza previa autorizzazione il nome e la fama del popolare attore a fini commerciali. La citazione in giudizio della Casa di Maranello da parte della famiglia di Steve McQueen fa preciso riferimento alla versione speciale della California T, realizzata in occasione dei 70 anni della Rossa e che porta il nome del noto attore americano.

L’edizione speciale della discordia

La vettura in questione, la Ferrari California T “The Steve McQueen”, è un edizione in serie limitata che venne presentata due anni fa al Salone di Parigi. L’auto, caratterizzata da una speciale livrea marrone e dagli interni in pelle color cammello, trae ispirazione dalla Ferrari 250 GT Berlinetta Lusso del 1963 che Neile Adams, moglie di Steve McQueen, regalò al marito.

I motivi dell’accusa

Il figlio dell’attore, Chadwick McQueen e la nipote Molly McQueen hanno depositato la denuncia nei confronti di Ferrari alla corte superiore di Los Angeles, spiegando che la California T “The Steve McQueen” crea la “falsa percezione che l’auto sia stata autorizzata dalla famiglia e che il suo design e i suoi dettagli la rendano un’autentica vettura “McQueen”, meritevole del prezzo e del valore che deriva dalle auto e dai prodotti McQueen con licenza autentici“.

Chiesti 3 milioni di dollari di risarcimento

Non appena venuta a conoscenza della citazione Ferrari ha ribattezzato la vettura “The Actor”, una mossa che però, secondo gli eredi di McQueen, non è sufficiente a cancellare ogni riferimento all’attore. La famiglia di Steve McQueen, che di recente ha siglato un accordo con Ford per la realizzazione della Mustang Bullit ispirata a quella del film del 1968, non indietreggia nella propria posizione e chiede alla Ferrari un risarcimento di 1 milione di dollari per danni subiti e di altri 2 milioni di dollari per violazione di copyright.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati