Ritiro della patente per chi parla al cellulare, Toninelli annuncia l’inasprimento delle sanzioni

Stretta su chi si ostina a non lasciare il telefonino al volante

Il ministro dei Trasporti Toninelli ha annunciato l'intenzione di intervenire sul Codice della strada per rendere più severe le sanzioni che puniscono chi utilizza il telefonino alla guida. Misure che potrebbero arrivare fino al ritiro immediato della patente.
Ritiro della patente per chi parla al cellulare, Toninelli annuncia l’inasprimento delle sanzioni

Misure molto più severe per chi utilizza il telefonino mentre guida. Ad annunciarle è il ministro dei Trasporti Toninelli che senza giri di parole ha affermato l’intenzione del Governo di inasprire le sanzioni per chi non abbandona l’uso lo smartphone mentre è al volante, una cattiva abitudine fuorilegge sempre più diffusa e tra le principali cause di incidenti stradali. Non solo chiamate, ma chat, social e tutto ciò che offrono i telefonini moderni, e l’ostinazione a non lasciarli mentre si guida hanno trasformato il traffico in un pericoloso far west in cui tutti gli utenti della strada sono costantemente a rischio.

Si valuta il ritiro immediato della patente

Già un paio di settimane fa, durante un’audizione in Senato, Toninelli aveva affermato: “Penso sia giunto il momento di valutare qualche intervento nel Codice della strada sull’uso degli smartphone alla guida e di inasprire qualche sanzione“. Un tema sul quale il ministro dei Trasporti è tornato a parlare nella giornata di ieri, precisando: “Stiamo ragionando su un inasprimento delle sanzioni, fino all’eventualità del ritiro immediato della patente“.

Un giro di vite la cui necessità trova conforto dei dati Istat, secondo i quali nell’ultimo anno sono state comminate quasi 150.000 contravvenzioni per l’utilizzo del cellulare alla guida, infrazione che è la più sanzionata insieme all’eccesso di velocità e al mancato uso di dispositivi di sicurezza come le cinture.

Necessario sensibilizzare

Oltre a rendere più severe le sanzioni, fino ad arrivare al ritiro della patente, per chi viene sorpreso a usare lo smartphone mentre guida, Toninelli spiega che è altrettanta necessaria una campagna di sensibilizzazione: “Insieme alla scelta sulle norme, servono più controlli e una doverosa opera di sensibilizzazione culturale, specie tra i giovani: senza un cambio di mentalità, i risultati saranno sempre parziali“. Quello degli incidenti provocati dall’utilizzo del telefonino al volante, prosegue il ministro: “E’ un fenomeno gravissimo, perché ha a che fare con le nostre abitudini più radicate e con l’idea, errata, che in fondo certe cose possano accadere solo agli altri. Ciò rappresenta una tragica sottovalutazione dei rischi“.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati